giovedì 8 agosto 2019

Spigolature estive


Ottime Feriae Augusti a tutti

Roma, 8 agosto 2019

Consigli non richiesti. Chiude Pandora TV, una creatura di Giulietto Chiesa. Perché chiude? Per difficoltà organizzative, finanziarie, logistiche? Anche. Il motivo vero della chiusura o di consimili abbassamenti di saracinesca risiede, però, in altro, secondo il mio modesto avviso: mancanza di interesse nel pubblico. Alla lunga questo incide. Ritrovarsi sempre gli stessi utenti che girano da un sito all’altro mormorando le identiche parole d’ordine getta nello sconforto; si diviene autoreferenziali; si è costretti a scrivere cose che hanno l’approvazione di chi è già convinto. Divenire popolari: hic stat busillis. La controinformazione non è popolare. Anzi, sopravvive in un bugigattolo informativo. Il fallimento controinformativo è evidente. E questo avviene perché rimane tenace la superstizione secondo cui la verità rende liberi; e induce alla rivoluzione. Il che è un errore madornale. Decisivo. La verità non smuove niente. La menzogna, sotto le belle forme dell’utopia, smuove. La Marcia su Roma, la Marcia del Sale, il Treno di Lenin, la Birreria di Monaco: credete che qui in moto e in marcia fossero uomini e donne a cui si era rivelata la verità? Ma no, essi credevano. Tendevano. Avere fede. Puntare lo sguardo in un futuro da modellare secondo il proprio desiderio. Colmare il cuore di folle desiderio: ecco, questo smuove; alla marcia, alla protesta, a sopportare il dolore e la morte. La verità, ammesso che ne esista una, è assai indesiderabile. Il condottiero sa che la verità deve essere celata dalla bellezza delle mire celesti. Il Paradiso Terrestre, le Vergini, El Dorado, la Terra del Prete Gianni, il Catai, la Greenland. 

Doppiezze del condottiero. Chi guida sa. Mosè, gli ecisti greci, Tamerlano, Etzel, Colombo, Cesare, Carlo Magno, Aguirre, Fitzcarraldo. Gli eserciti, la devozione, le folle tumultuanti, il cozzare entusiasta delle lance, l’adorazione, il miracolo: in azione e in marcia, le masse; la convinzione talmente radicata in sé stessi da negare l’evidenza, ecco la fede, incrollabile, la meta che giustifica i sacrifici più inumani. Ecco formarsi le categorie dell’essoterico e dell’esoterico. Vogliamo El Dorado, l’eterna giovinezza: Ponce de León legge una silloge di leggende su Alessandro Magno: le onde del favoloso si accavallano nei secoli, da Callistene agli amanuensi, egli se ne lascia travolgere, contagia altri uomini che converte alla fede di un’impresa folle. Essi si mettono in marcia, essi credono. Credere, obbedire, combattere o la goffa metafora del’asino e della carota sono volgarizzamenti di tale attitudine inestirpabile dell’animo umano.

venerdì 2 agosto 2019

Le temibili Isole Marshall

Fonte: adnkronos
Roma, 2 agosto 2019

Come si concluderà la vicenda giudiziaria dell'omicidio di Mario Cerciello Rega?
Nel migliore dei modi.
I patti stretti nel dopoguerra, da vincitore a vinto, ci obbligano a fare alcune cose; e a non farne altre.
In forza di tali patti o trattati (più o meno visibili; molti sono invisibili) gli Italiani, o Italici, sono divenuti soci degli Stati Uniti (cosa siano gli Stati Uniti, oggi, è poi da vedere).
Da ciò segue che gli Italici, che sopportano basi militari statunitensi in numero esorbitante sul proprio sedicente libero suolo, consistono in cittadini federati: così come gli Italici lo erano a Roma, prima dell'estensione della cittadinanza.
Vi erano, perciò, cittadini romani (optimo iure) e cittadini italici. I secondi, pur assimilabili nei diritti militari e fiscali, mancavano di alcune prerogative poiché "non partecipavano alla sovranità (le decisioni comuni [furono] loro imposte unilateralmente) ... [e possedevano] diritti privati e istituzioni diverse da quelle di Roma. Quindi, se consideriamo questa 'alleanza' come un insieme omogeneo ... che sta per intraprendere a suo vantaggio la conquista del mondo, dobbiamo constatare subito che il gruppo di cittadini con pieno diritto rappresenta ormai solo una parte, ben presto minoritaria, della popolazione totale" (C. Nicolet).
L'assassino americano vanta "optimo iure" (optimum ius), l'italico Mario Cerciello Rega (sconfitto nel 1945) non del tutto; pur se i due, ormai, li si ritiene inscritti nel compatto e inscalfibile cerchio della democrazia liberale: cittadini di due nazioni 'alleate' lanciate, assieme ad altri 'alleati', alla conquista del mondo.
Vittoria militare, democrazia piena, democrazia di riflesso, Alleati, NATO, Impero, Monarchia Universale.
Forse, un giorno, quando la democrazia liberale avrà piantato i suoi vessilli in tutto il mondo e verrà proclamato l'Impero Totale e Totalizzante, l'assassino e il carabiniere saranno riconciliati giuridicamente (la lex Papiria riconobbe la cittadinanza romana agli Italici sotto il Po nell'89 a.C.; la lex Roscia ai Cisalpini, nel 49 a.C., su impulso di Giulio Cesare). 
Più l'Impero Romano (quello che piace a Hollywood) si avvicinava, più ci si trasformava in cittadini del mondo. Come oggi. 
Sempre più cittadini, sempre meno liberi.
La Monarchia Universale sarà una cornucopia di diritti inutili e scintillanti. 
D'altra parte, quando si arriverà a quei tempi mirabili, non vi saranno più delitti: la droga, come l'incesto o altre parafilie, saranno stati legalizzati da decenni. Io, per fortuna, non ci sarò più, proprio come gli Stati Uniti (ve ne saranno altri, di Stati Uniti, che non alludono al New Mexico o al Maryland).
La vicenda finirà nel migliore dei modi. Confidiamo, quali Italici, nella disattenzione, nei colpetti inferti alla storia giudiziaria, qua e là, e, soprattutto, nella sciatteria, più o meno involontaria.
Sul sito del Ministero della Giustizia ("Percorsi chiari e precisi: un tuo diritto") i cittadini statunitensi registrati nelle patrie galere assommano a 21; quelli delle Isole Marshall a 3746.

lunedì 22 luglio 2019

Una giornata mostruosa


Roma, 22 luglio 2019

La maggior colpa dei buonisti? Aver svuotato di ogni bontà, vera, i cuori degli Italiani.
Essere sistematicamente buoni prepara al ritorno di fiamma della malvagità.
E qui per bontà non si intende la facilità, spesso patologica, all’altruismo. No. Significa, invece, un a precisa strategia di annientamento dell’Antico Ordine. Essere buoni, sempre, a onta della razionalità e persino del buon senso spicciolo non fa che esacerbare l’animo. Essere buoni e giudicare, sempre e comunque, al di là dell’evidenza, giudicare come reazionari e sporchi razzisti i propri stessi concittadini, naturalmetne legati dal sangue e dagli usi, non pùò che generare odio.
L’odio.
L’ingiustizia genera odio.

Tutto questo, lo riconosco, ha un retroterra antropologico ben preciso.
Il popolo nel popolo di memoria comunista.
Noi comunisti siamo un popolo, si diceva, un popolo (comunista) nel popolo (quello italiano). E il popolo comunista costituiva la parte migliore della nazione. Lo disse anche Pasolini, forse addirittura credendoci. Ciò che era al di fuori del popolo comunista, ovvero il popolo italiano, poteva essere disprezzato. Al di fuori del popolo comunista c’erano i forchettoni della DC, i fascisti, i preti, i clientelisti, gli evasori fiscali, i palazzinari. Ciò fu vero, in parte; rispondeva a verità, peraltro, che il popolo comunista fosse esiliato in patria (la conventio ad escludendum) e trattato, come allora conveniva, quale consesso di traditori internazionali.

venerdì 19 luglio 2019

Macchine che producono pauper [Il Poliscriba]


Il Poliscriba

Ho dedicato 15 anni a studiare l’opera di Marx, ho scritto 4 volumi di commento alle relazioni del Capitale e mi sono fatto la convinzione che Marx non sia uno scrittore del passato ma del futuro
Enrique Dussel

Papa Francesco, per molti cristiani integralisti, l’Anticristo, ha sostenuto e indicato i poveri come una categoria teologica. (io l’anticristo me lo figuravo più bello e affascinante ...)
Nemmeno il Messia si è sognato di esprimere un concetto più astruso, astratto e disumano di così.
Come giustamente fa notare il Dussel, di cui ho citato uno stralcio dal suo saggio Il Dio del sistema, infatti, quando Egli rovesciò le bancarelle dei mercanti davanti al Tempio di Gerusalemme, si comportò da politico e non da religioso, in quanto proveniente da un lignaggio regale, la casa di David, e non sacerdotale della stirpe levitica. Quindi integralmente laico.
In questo blog, oltre che cercare di analizzare i fatti storici, perché siamo sempre in una prospettiva di tempo passato e non possiamo altro che ipotizzare/profetizzare scenari futuri o futuribili, fate un po’ voi, si cerca di dare una risposta al Che fare?, vista la carente volontà e quindi di concerto, l’impotenza di cambiare lo stato di cose attuali, sprofondate nel più abietto degrado politico, economico, sociale ed etico.

sabato 13 luglio 2019

Kill Pill


Roma, 12 luglio 2019

Ho recentemente letto, nel breve spiraglio di luce della follia digitale che, ogni tanto, mi concedo, lasciando filtrare la parte d’irrealtà che mi circonda, dell’introduzione di una nuova pillola della “buona morte”, riservata agli over seventies, sani o insani che siano: in Olanda.
In Olanda, par di capire, un settantenne, o su di lì, nel pieno possesso delle sue facoltà mentali, pur non affetto da particolari infermità, e nemmeno agonizzante quindi, anzi, forse anche in buona salute, se non arzillo, vanta ora la piena capacità giuridica di recare a sé stesso la morte: previo, languido, accertamento (par sempre di capire) dello Stato (olandese, in tal caso).
Tali notizie non le approfondisco mai. Leggo due o tre righe, velocemente. Mi ci soffermo un poco, poi le elimino dal cerchio della coscienza per non rimanere invischiato da tale brago di meschinità, dal pantano asettico a cui hanno ridotto una civiltà.
La prima domanda che l’ingenuo si pone a fronte di tanta devastazione è quella più inutile: “Questa notizia è vera o è falsa? È una suggestione spettacolare, una provocazione o davvero l’ennesima catabasi nella piena Libertà Nichilista, paludata da riforma liberaldemocratica?”.
Chi ha ben compreso l’essenza dell’informe, del pensiero debole e dell’aleatorio che dominano incontrastati i cieli dell’Occidente e, quindi, del mondo tutto, sa, con indefettibile certezza, che il vero e il falso sono ormai categorie inservibili per giudicare il Potere.

domenica 7 luglio 2019

DE MMT-IZZAZIONE [Il Poliscriba]


Il Poliscriba

Primi due principi politici di Tood:

"Qualunque cosa ti dicano, non ti stanno dicendo la verità.
Di qualunque cosa parlino, stanno parlando di soldi"

da La legge di Murphy sulla politica e l’econo-murphologia.

Il capitalismo si comporta come deus ex machina produttore “illimitato”, nel tempo e non nello spazio - per ovvi limiti intrinseci della natura - di merce.

Ogni merce è divenuta sistema di ri-produzione nella cosiddetta forma dell’automovimento del denaro.
Questa forma è una oscillazione di elementi in contrapposizione che hanno generato la storia della modernizzazione borghese, in cui gli elementi statalisti e quelli monetaristi - teorie monetarie incluse - si alternano e/o si compenetrano tra di loro, costantemente.

Le teorie economiche della convergenza, alle quali appartiene anche la MMT che fu sponsorizzata in “buona fede” da Paolo Barnard (oggi un po’ meno, in attesa di un Reddito di Cittadinanza per alleviare la sfortuna di vivere nella mediocrità dopo il crollo della sua carriera giornalistica ad opera delle lobby del farmaco)  esprimono infatti il concetto che lo Stato e il Mercato si influenzano reciprocamente, senza equilibrio e senza integrazione.

lunedì 1 luglio 2019

Una puttana si aggira per l’Europa …


Silva Candida, 1 luglio 2019

La puttana della Bontà.
Tutte le forze della vecchia Europa si sono unite per compiacere la Nuova Prostituta, la Donna Scarlatta: papi e governanti democratici, eretici, laici e radicali atei, preti e suore, ebrei e musulmani, malvagi e altruisti, banchieri e pauperisti, Bono Vox e Lady Gaga. Da ciò scaturiscono due indubbie conclusioni:

1. la Bontà Universale è il legante del Nuovo Mondo
2. è tempo per gli avversari, i mostri, di rinunziare definitivamente e lasciar correre il nuovo anelito epocale

Occorre preterire i raptus interpretativi, la cronaca minuta, i cambi di campo, le vociferazioni, la geopolitica.
Al lavoro è la Grande Opera.
Non esiste il prima o il dopo, il reazionario o il rivoluzionario, la destra o la sinistra o qualsiasi decrepita concrezione; del pari, non esistono i corpi dei messicani o degli africani annegati; né chi si compiace di quelle morti; nemmeno chi le rivendica con il volto rigato dal rimmel da agape del terzo millennio.
La Grande Opera, solo quella esiste.
I tormenti, gli scontri, le truculenze, le comparsate televisive a nulla valgono; sono teatro, sciocchezzuole: al dunque, ovvero al Dunque, son tutti d’accordo.

Una nave appesantita da qualche culturista sfonda barriere e divieti; vengono organizzate collette e maledizioni; le giugulari si gonfiano catodicamente: eppure la nave va. Inarrestabile. Le flotte europee e italiane non posseggono uno straccio di unità e qualche marinaio in grado di arrestare una barchetta di cartone comandata da una ragazzina. È tutta una buffonata, un teatrino da Gianicolo. Affondiamola! No, spingiamola col vento della solidarietà! Una sfida alla sovranità nazionale! No, una sfida agli egoismi dell’opulenta Europa! Un’invasione! Macché, la giusta nemesi per un continente che ha massacrato i deboli! Intanto, mentre tutti sono occupati a considerare i randelli di gommapiuma, la Sea Watch continua indisturbata come in una versione parodica de Il campo dei santi. Il programma, la Grande Opera, va avanti.

giovedì 27 giugno 2019

Seminatori d’odio [Il Poliscriba]


Il Poliscriba

C’è ancora qualche motivo di odio che mi manca. Sono sicuro che esiste
Louis Ferdinand Cèline, Mea culpa

Cadere nella rete, quella virtuale quanto quella simbolica, è uno scherzo.
Non ci si deve incazzare.
Sono vietati anche i due minuti d’odio.
Non si può.
Virgilio a Dante: “Non ragioniam di lor, ma guarda e passa”.
Osserva, bruto; osserva Bruto che pugnala Cesare  e non giudicare.
Giù le mani da Caino.
Poveri abitanti di Sodoma e Gomorra, innocenti fino a prova contraria, uccisi da un Tribunale Celeste che non ammetteva difesa, teocrazia d’accuse senza prove o redenzione.
I loro peccati contro natura furono atti giudicati immondi anche se compiuti prima della consegna a Mosè  delle Tavole della Legge, ergo:  nullum crimen, nulla poena sine lege.

Robert Alphonso Taft accusò di mancanza di imparzialità il Processo di Norimberga e quei magistrati e avvocati che lo condussero usando strumentalmente quell’inumano principio di retroattività che Inquisizione e illuministi avevano abolito due secoli prima … fomentatore d’odio!

venerdì 21 giugno 2019

Persona (Phersu. Postilla su Silvio)


Roma, 21 giugno 2019


Silvio Berlusconi è un uomo? Hic stat busillis. Un uomo definito alla nostra intelligenza, intendo, ben conosciuto nei suoi impulsi e nelle sue intime credenze: tutto ciò che configura le scelte razionali e ponderate dell'esistenza. Lo conoscete? La risposta è no.
Chi ha letto l'introduzione a L'elogio della follia di Silvio Berlusconi per i tipi della Berlusconi Editore? Pochi, suppongo. Mi azzardo a dire: chi ha letto L'elogio della Follia di Erasmo da Rotterdam? Forse ha avuto l'intenzione di farlo, come spesso accade con i classici, ma al dunque ...
Perché Silvio Berlusconi ha sempre ammirato quel libro citandolo costantemente nei suoi anni migliori?
Conosciamo noi quest'uomo davvero?
Non intendo riferirmi alla vasta letteratura giudiziaria che ne ha assorbito quasi del tutto la biografia. Essa è inessenziale alla comprensione di una figura che, fra venerazione, dileggio e frastuono ha dominato almeno un trentennio: dominato nelle tendenze e nel pensiero.

Rileva, e questo è certo, un uomo pubblico, riconosciuto da tutti, costruitosi per gradi, spesso involontariamente, a volte arricchendosi di quei tratti che piacciono al popolicchio e di cui si è voluto adornare per meglio ingannare il popolicchio. Tale è il Berlusca, mascherone dell’Arte, appeso per il collo nel retrobottega di Mangiafuoco, penzolante assieme ai Balanzone, agli Arlecchino, alle Colombine e ai vari Brighella.
Al Berlusca appartengono, nell’immaginario comune e popolare, il Mundialito per Club, il Drive In, la pubblicità, Lentini, il fotoromanzo.


lunedì 17 giugno 2019

Sono un mostro


Roma, 17 giugno 2019

Leggo il portale online de “Il Fatto Quotidiano”.
In sequenza la celebrazione dei buoni.
Quelli che ci condurranno alla Terra Promessa. Il roveto ardente dell’agape nichilista mette in fila le perle del nuovo rosario:

Disabili più discriminati
Femministe antiabortiste
Ritrovati residui di marijuana in Cina (500 a. C.)
Aggrediti quattro antifascisti con le magliette del cinema America
Giornata Mondiale del Rifugiato
Le detenute raccontano l'amore omosessuale
Docente di giorno, drag queen di notte. Storia di Gianmarco: "Così in discoteca racconto il dramma dei migranti" (due al prezzo di uno)


Il bordone della lacrima è quello di un vittimismo revanscista: sistematico, vendicativo. Che le vittime reclamino l’identica agenda del Potere è un puro caso. La libertà assoluta, l’eliminazione del vincolo. Li si devono pasturare questi feti fascisti, a ridurli a bigattini per pescare sempre più libertà, la droga è un incentivo alla creatività, il diverso è da preferire al normale, il verso è il recto. Chi non è d’accordo è, ovviamente, un nazista, un violento, un abusatore, il residuo protervo di un’età buia e fredda.
Il sole, invece, il sol dell’avvenire, scalda i cuori e ci avvia all’Israele della pace.
Mosè, sotto il gran sole bianco del deserto, reca infine le tribù alla spianata definitiva.
Sotto queste notiziole, vere o false o verosimili, antipasti o julienne di ex verità o stuzzichini vegani alla menzogna, spicca la gran portata trimalcionica del banchetto informativo: l’Islam cattivo.

giovedì 13 giugno 2019

La religione del debito [Il Fu Rabal]


Il Fu Rabal

Commento al libro di Michael Hudson: “… And forgive their debts

Mentre cadeva, allungò la mano al bastone.
Il capo tribù sentenziò: ‘ È proprio bravo, di quanta terra è diventato padrone!’
La mano di Pahom ricadde vuota al suolo. Il servo corse a rialzarlo e allora vide che dalla sua bocca usciva un rivolo di sangue. Pahom era morto.
I Baschiri fecero schioccare e loro lingue in segno di compassione.
Il servo prese la pala e scavò una fossa lunga abbastanza per deporvi Pahom, e lì lo seppellì. Sei piedi dalla testa ai talloni, ecco tutto quello di cui aveva bisogno

L’epilogo di Di quanta terra ha bisogno un uomo?, racconto di Lev Tolstoj

Di quanta terra abbiamo bisogno? Quella che è toccata a Pahom ci potrebbe bastare… Pahon un piccolo allevatore, viene ingolosito dal demonio, e comincia a desiderare di possedere più terra. Più aumentano i suoi possedimenti, più il desiderio cresce. Viene a sapere da un “amico” che i Baschiri, un popolo nomade della Russia profonda, offrono, in cambio di 1000 rubli, tutta la terra che l’acquirente è in grado di circoscrivere in un giorno di cammino, dall’alba al tramonto. La terra che ottiene Pahon alla fine del suo giro è solo quella per il suo sepolcro.
Da dove viene il desiderio di Pahon? Per rispondere a questa domanda, credo sia necessario risalire alle origini storiche del concetto di proprietà e chiedersi: di quanta terra avevano bisogno i villani Mesopotamici dell’età del Bronzo? Be’, loro avevano bisogno di abbastanza terra da provvedere al loro mantenimento, pagare la loro quota al Tempio o al Palazzo (un terzo del raccolto) e consentirgli di prestare le dovute corvée militari, religiose e civili.
Ma cosa c’entrano i contadini di 5000 anni fa con noi? Sono parte di noi, come gli antichi Egizi, Greci, Romani, Germani, Celti …
I Sumeri hanno dato inizio alla Civiltà Occidentale, che ci piaccia o no, noi veniamo da lì, da quelle terre, allo stesso tempo aride e paludose, da quella sabbia e da quel fango trasformati in tavolette incise con la prima scrittura. Fu loro, la prima Hybris, la prima sfida consapevole alla Natura, ai suoi demoni e ai suoi genii.

venerdì 7 giugno 2019

Figli di Noa


Roma, 7 giugno 2019

Son tutte belle le suicide dell’Occidente. La tecnica è la medesima. Quando una ragazza o una donna divengono “simboli” internazionali (personae, icone da propaganda) dobbiamo porci, da veri porci, di fronte all’ennesimo ballon d’essai, tale semplice domanda: “Questa ragazza, questa donna esiste o non esiste?”.
Altri busillis sono inutili. A dirla tutta anche tale interrogazione è, per me, assolutamente oziosa. Che esista o meno una parthenos bionda, in Olanda, che risponde al nome di Noa Pothoven è, infatti, inessenziale.
Ciò che residua nell’immaginario spirituale del mondo, nonostante le menzogne, le mezze verità, il ciarlare inconsulto: questo è, invece, essenziale.
E cosa residua? Questo: l’essere umano ha da essere libero, totalmente e senza restrizioni. Per affermarsi. Su chi? Su nessuno. Deve solo affermare la propria inconcussa libertà. Qualunque cosa resista a tale dispiegamento della libertà individuale è da censurare, sia esso uno Stato, un capo religioso, un blogger, un ente qualsivoglia latore di una morale, pur pallida.
L’essere umano del Novus Ordo è libero.

mercoledì 5 giugno 2019

A morte la matematica greca! Viva Mahmood! [Il Poliscriba]


Il Poliscriba

COME I MUSULMANI DISTORCONO LA NOSTRA STORIA GRECO-LATINA

Sherif El Sebaie nel 2004 scrisse, polemico e tronfio contro Oriana Fallaci: "Zero in storia alla Fallaci".
Estrapolo dall'articolo pubblicato qui:


questa affermazione che lui definisce storicamente esatta:
"La Trigonometria planare e sferica  fu un’invenzione araba. Idem per l’Algebra".
Peccato che nelle nostre scuole ci abbiano, e presto non ci insegneranno più, l'esatto contrario.
Infatti, l'invenzione della trigonometria si può associare, con un certa sicurezza, agli studi astronomici della scuola geometrica di Alessandria.
La città egiziana di Alessandria, che porta il nome di Alessandro Magno il Macedone, che la fondò nel III secolo a. C., fu la capitale del regno ellenistico dei Tolomei fino alla conquista romana.
La sua posizione centrale nel mondo mediterraneo dell'antichità, una politica culturale illuminata da parte dei governanti, che la dotarono di una biblioteca famosa per più di un millennio, una delle sette meraviglie del mondo, fecero di Alessandria il centro della matematica greca fin quasi alla conquista araba, e il ponte attraverso il quale la geometria classica è pervenuta, mediante la tradizione araba, fino all'età moderna.
Il fondatore della trigonometria è probabilmente Ipparco da Rodi (II sec. a. C.), che visse per lo più ad Alessandria, anche se prima di lui avevano trattato brevemente di geometria sferica, Eudosso di Cnido (c. 408-365 a. C.) ed Euclide di Alessandria (III sec. a. C.), meglio noto come l'autore degli Elementi.
Contributi fondamentali alla trigonometria sferica sono dovuti a Teodosio di Tripoli (I sec. a. C.) e Menelao di Alessandria (I-II sec. d. C.), ambedue autori di volumi noti col titolo di Sphaerica.
Ma la maggior parte di notizie sui metodi trigonometrici alessandrini ci vengono dal massimo astronomo dell'antichità: Tolomeo Claudio (II sec. d. C.), che con la sua opera dal titolo Composizione matematica, che poi venne mutato in Grande Composizione dai suoi ammiratori, per poi assumere definitivamente il nome arabo di Almagesto (una derivazione dal greco, che significa Il Massimo), pose le basi della teoria astronomica che dominò la scena scientifica fino al XVII secolo.


Ergo, la prima algebra che fu geometrica, fu quindi greca, ma ai musulmani non fa piacere ricordargli che si appropriarono di 2000 anni di cultura precedente sulla quale costruirono anche valenti studi, ma non assolutamente "originari", semmai "originali".

INFATTI

Le opere indiane furono in seguito tradotte ed ampliate dai matematici musulmani.
Gli astronomi arabi studiarono sistematicamente le funzioni circolari, e vi apportano importanti innovazioni e miglioramenti.
La trigonometria araba risente sia della trigonometria greca delle corde che delle tavole indiane del seno. (APPUNTO)
Nella sua trigonometria Al-Battani (850-929 d. C.) conosciuto come Albatenio presenta formule in cui si evidenzia la conoscenza delle funzioni seno e coseno. Ad Abu Nasr Mansua (900 d. C.) viene attribuito il teorema dei seni per la risoluzione dei triangoli qualunque.
Il matematico persiano Muammad ibn Musa al-Kuwarizmi compilò tavole dei seni e delle tangenti, e contribuì anche (non inventò) alla trigonometria sferica.

GRECI VS SEDICENTI PROFESSORI DI MATEMATICA MUSULMANI

Ci erudisce ancora con rinnovata foga sapienzale lo Sherif El Sebaie:
In realtà, i matematici arabi furono tantissimi (VERO) e il loro apporto fu considerevole (basta pensare a Al Ghazali, a Al Kindi, o a Ibn Qurrah), ma al-Khoarizmi è universalmente conosciuto come il fondatore dell’Algebra (FALSO)"
Questo scienziato, infatti, non solo studiò a fondo la numerazione indiana ma la sviluppò nell'intento di dare soluzioni analitiche alle equazioni lineari e quadratiche. Sviluppò inoltre in dettaglio le tavole trigonometriche contenenti le funzioni del seno e il calcolo dei due errori, che lo portò ad enunciare il concetto di differenziazione 700 anni prima della creazione del calcolo differenziale (FALSO)”.
Ciò che invece risulta storicamente attendibile è:
1)    Le prime tavole trigonometriche vengono attribuite a Ipparco di Nicea (180-125 a. C.) considerato il padre fondatore della scienza trigonometrica.
2)    Archimede fu il primo ad affrontare problemi geometrici applicando nozioni di meccanica e di statica, riuscendo addirittura a costruire un metodo che anticipava di ben 18 secoli il calcolo integrale (e quindi differenziale)
È significativo che il re dei matematici, Karl Friedrich Gauss, abbia ricevuto il testimone dell’analisi infinitesimale (differenziale) non da un suo contemporaneo, ma da un uomo vissuto ben diciotto secoli prima e giustamente considerato come il re della matematica antica.
Archimede (e non il persiano Al Khoarizmi).

mercoledì 29 maggio 2019

Per un paio d’anni siamo a posto


Roma, 29 maggio 2019

Un simulacro di felicità mi ha invaso nella notte fra domenica 26 maggio e lunedì 27 maggio 2019.
In poche ore mi son tolto di mezzo calcio ed elezioni.
Il campionato ha regalato gli ultimi verdetti; così cianciavano i media, a reti unificate. Verdetti in larga parte già conosciuti poiché predisposti con cura, ma la suspense va sempre evocata per i citrulli del video. Sino a fine luglio siamo a posto: gli isterismi lasciano il posto alla speranza del calciomercato, ai ballon d’essai ben studiati per far comprare il giornalino da spiaggia o far cliccare sul nuovissimo portale online: “Il Milan sulle tracce di Messi! Messi cerca casa a Milano! La Pulce si intrattiene con il dirigente amico del procuratore nipote dell’altro procuratore! Sembra fatta!”; poi si clicca e ci si accorge che Messi era in ristorante meneghino a causa di un disservizio sul volo internazionale Dubai-Barcellona. Ma il tifoso sogna e spera. La speranza è l’essenza della sopportazione in un mondo inagibile agli umani.
E, del pari, la politica ha rilasciato il verdetto principe grazie allo spoglio delle schede, agli scrutinii, al conteggio delle croci: in tal caso una bella parte di Italiani si è satollata di speranza. Appagata nella vittoria: la destra è satolla, il PD è satollo. Destra e sinistra, coloro che hanno distrutto l’Italia con i medesimi uomini che oggi vengono osannati, hanno tacitato col nepente della vendetta di carta i bollori rivoluzionari dei Bertoldo democratici.