venerdì 19 ottobre 2018

Gli alieni hanno rapito mia sorella


Roma, 19 ottobre 2018

Uno dei pochi blogger leggibili in Italia: Carlo Bertani.

Pacato, normale, sensato. Ciò non significa che sia d’accordo con il suo pensiero; significa, invece, che le pagine da lui scritte sembrano promanare da un individuo ragionevole, pacato, con cui si può - anche - amabilmente o ferocemente dissentire (sempre in maniera amabile, ovvio).

Il suo ultimo post è su Maur(izi)o Biglino.

E chi è Maur(izi)o Biglino? Uno studioso della Bibbia. In base ai suoi studi, matti e disperatissimi, si suppone, poiché l’ebraico antico (come l’etrusco, il tocario, l’ittita e il lineare B) è un labirinto imperscrutabile ai più, afferma che il Testo Sacro par excellence non è, ahi, un testo sacro, bensì, per quel che si è potuto capire, il resoconto di una colonizzazione aliena. Elohim (gli Elohim), una civiltà avanzatissima, in grado di modificare geneticamente l’uomo (incrociandosi con esso). Yahweh fu il figlio di uno di tali Elohim: “comandante militare” che ebbe a subornare la casa di Giacobbe “onde conquistare lembi di terra e piccole aree del territorio palestinese”. 
Come amava dire Gadda: "Io stupiva".

Poi c’erano altri Elohim, un pochino più navigati e di larghe vedute: questi avevano in concessione gente un tantino meno rozza: Egiziani e Greci.


È forse un caso, leggo nel post del buon Bertani, che ci sia un elicottero Apache (almeno è quel che mi pare di intravedere tra le cisposità del primo mattino, ammammaloccuto, con il croissant stillante caffellatte davanti alla bocca semiaperta) tra i geroglifici di una stele egizia?

lunedì 15 ottobre 2018

Katharina l’Eroina ovvero: dal Michigan la salvezza (dell'Europa)


Roma, 15 ottobre 2018
E così in Gemania c’è stata la rivoluzione. Più precisamente: in Baviera, terra dell’Ispettore Derrick. La CSU, una gamba del governo Merkel, ha perso le elezioni. Le buccine giornalistiche, quando manco v’era la certezza di un exit poll conclusivo, avevano già deciso su quale tonalità strepitare: il cambiamento. Strepitare da subito, prima che il volgo capisca cosa è successo, rimane un classico della propaganda. Una sorta di imprinting: lo spetezzo più veloce, meglio se all’unisono con altri culi da trombetta, decide il profumo definitivo da annusare nelle settimane a venire. In attesa di altre ventilationes. E stavolta è difficile liberarsi dal profumo del cambiamento, annunciato con tale fragore da Milano Finanza, blog e giornaloni conniventi.

venerdì 12 ottobre 2018

Farfalle e piccioni


Roma, 11 ottobre 2018
La Biston Betularia, una falena dalle ali chiare, punteggiate da minuscole macchie più scure, svolazzava indisturbata, nei primi dell’Ottocento, fra la selvaggia chiarità delle campagne inglesi. Si posava, con flemma britannica, sulle betulle indigene, ricche di licheni bianchi: lì, immobile, poteva mimetizzarsi perfettamente; e riposare. Si trovava, infatti, nel proprio elemento, con cui aveva ingaggiato un progressivo rapporto simbiotico: millenni di lotte, fughe, inganni e crudeltà venivano racchiusi in un insettino solo apparentemente insignificante. In esso, però, vivevano milioni di ascendenti e, soprattutto, ancor più, i nemici sconfitti. Si poteva ben dire che il complesso e ingannevole vestimento le era stato donato dalla lotta coi predatori più accaniti. Ora prosperava naturalmente, fra gli alti e i bassi di un’esistenza fugace, aleatoria e libera. Le guerre non mancavano; il gelo poteva uccidere; la farfallina era, tuttavia, perfetta: strutturata per la vasta eternità.
Poi venne la Rivoluzione Industriale. Gli aggregati metropolitani cominciarono a produrre tonnellate di fuliggine da carbone. Le betulle annerirono, assieme ai licheni della superficie. La bianca falena, ora, risaltava con evidenza accecante sui tronchi: i predatori procedettero lentamente allo sterminio. Una variante scura della betularia, una popolazione fin lì assolutamente minoritaria, vide lentamente e irresistibilmente crescere le probabilità di salvezza. Le proporzioni si invertirono: da 99% a 1%; da 1% contro 99%.
Le Carbonarie, sui tronchi anneriti dal progresso, si mimetizzavano con facilità; le altre non avevano, invece, alcuno scampo.
Intanto l'immaginario Oliver Twist, ignaro della strage, popola l'Inghilterra, terra di confusione, nelle pagine di uno scrittore di Portsmouth.

lunedì 8 ottobre 2018

Ci vuole coraggio [Il Poliscriba]



Il Poliscriba

Ridicolo l'acculturamento che  è stato promosso e promesso dalla scuola dell'obbligo e dalla laurea facile post-sessantottina che ci ha reso tronfi saccenti, incapaci di usare le mani per procurarci la sopravvivenza al di fuori del frigo e del forno.
Terribile il disprezzo statalizzato di uno Stato progressista contro le arti pratiche di cui eravamo ricolmi in esperienza, saggezza e tradizione scaturita dalla sorgente di  evi dagli abbagli luminosi, sfuggenti da pieghe oscure, esercitato “democraticamente” allo scopo precipuo di importare schiavi a basso costo che non hanno passione per l'artigianato, l'arte e la storia dei popoli che li ospitano, ma famelica necessità di arrivare prima sugli ultimi brandelli di quel che rimane della carcassa europea.
L'analfabetismo doveva essere piegato per far posto all'ignoranza di massa sulle questioni di critica al sistema.
Il sistema - freddo, cinico, burocratico, statistico, onnipervasivo - continua a ripeterci che, prima di lui, c'era la barbarie, dopo di lui, l'anarchia, in mezzo, in un presente amorfo, la globalizzazione, l'amalgama fluida, senza spigoli, bordi, confini, di cose e persone, che sgomitano per un pasto caldo ogni 8 ore in una cella da pagarsi con un debito trentennale.

giovedì 4 ottobre 2018

Stragisti e pappemolli


Roma, ore 11, 4 ottobre 2018 

Che fine hanno fatto i maschi italiani?
E chi lo sa.
La castrazione chimico-digitale ha ottenuto effetti di sorprendente efficacia.
Non se ne trova uno.
Conculcare la “mano morta” ha prodotto un doppio effetto: creare esserini asessuati o degli squallidi libidinosi.
I primi sono quello che sono: li riconosci dal ciuffo ingelatinato; i secondi sono sprofondati in una sorta di cupio dissovi bestiale, buono per essere stigmatizzato dal MeToo.
I controinformatori e i controinformati continuano a tifare Putin contro Nato, ma la realtà, micidiale, è che il tifo cela la totale, irrevocabile, mancanza di materiale umano adatto a una rivoluzione. Macché: pure a un tafferuglio. Senza maschi non c'è rivolta, questa una verità umana, troppo umana; talmente semplice da sfiorare il becero e il crasso (maschilismo).
Dire: la situazione nelle periferie è esplosiva, significa nulla. Il potere, nella esplosiva situazione delle periferie, nei ceffoni tra Singh, De Rossi e Seferovic ci sguazza alla grande; come nelle vetrine sfondate, nei bancomat schiantati, nei supermercati svuotati. Un’ondata di risse e mischie, con sottofondo razziale, è, anzi, auspicabile per chi voglia celare la questione primaria: Usura e Identità.
Eviscerare testicoli e ovaie culturali ai giovani italiani ha prodotto dei cretini. Ne abbiamo già parlato, anzi: ne parlo da sempre. Castrare i maschi, grazie al possente chiacchiericcio politicamente corretto, senza soste, ha immesso sul mercato della resistenza controculturale dei goffi nerdacchioni. Castrati di tutto, ovviamente. Le automobili le sanno più riparare? La caccia? La zappa sanno cos'è? Le armi, in generale? Coltelli, spade, fionde, balestre, una volta sogni dei ragazzini? Conoscono il funzionamento d'un generatore? Sanno quando maturano certi frutti? E le patate? Si piantano? Crescono sugli alberi o sottoterra? A lacci per cinghiali come stiamo? Arti marziali? Lotta? Orientamento nei boschi? Marce, gerarchia? Come si cucinano i gamberi di fiume? Vendemmia, seminagione, castagne, olive? Il nodo alla cravatta? A sport di squadra come stiamo? La pallavolo ... la pallavolo ... la pallavolo ... ma che pallavolo! A pallone si gioca! E i fucili? Sanno di cosa si parla? Le molotov? E pisciare? Il getto è dritto o moscetto, da prostata malinconica pure a vent'anni? Si fanno più le gare a chi piscia o sputa più lontano? Bullismo? Come stiamo con gli scherzi feroci nelle camerate? Capisco ... non ci sono più le camerate ... a pugni, allora, si fa più a pugni? Si gioca per la strada? Si spaccano crani? Okkio ... si palpano, in corsa, le chiappe delle sconosciute?

C'è ancora chi crede che il gender sia stato introdotto per rispettare le donne?

Siamo diventati più rispettabili, più azzimati, amanti del galateo. Anzi, nemmeno di quello, più asettici e neutri. In trent'anni. Trent'anni ... allora è vero che il comunismo serviva a qualcosa, mi ha recentemente detto un vecchio fascistone. Sì, a tenere alto il conflitto. Almeno c'era un po' d'azione, ha concluso con un sorriso da pugile suonato. Il comunismo era ciò che tratteneva, ora nulla trattiene, siamo entrati nel Mondo Nuovo, Unico. Poca violenza, molta repressione interiore, monodimensionalità ... in nome della Bontà, ovvio.
In Italia non potremmo fare la rivoluzione manco se risorgessero Che Guevara, Caio Mario, Garibaldi e Spartaco mettendosi al nostro servizio. Non esiste più il maschio. E nemmeno la femmina, peraltro, almeno a guardare il trio di punta del MeToo: Asia Argento, su cui taccio; Rose McGowan, una lesbica fidanzata con Rain Dove, una modella (di largo successo) che è una donna che è convinta di essere un uomo che è convinto di essere una donna e, forse, è davvero così.
Dopo aver visto Rain (al nome credevo fosse una pornostar: l'avevo scambiat* per Misty Rain) sono corso a prendere il DVD di Roma ore 11: solo la contemporanea presenza di Carla Del Poggio, Lucia Bosé, Elena Varzi, Lea Padovani e Delia Scala ha fornito il litio necessario a superare la depressione.
No, non c'è speranza, non venitemi a commentare sotto casa o a ciarlare di speranza che vi cancello ... bestemmiate, magari ... è più costruttivo.

Pure Luca Traini, l'estraneo, legge un pappone in aula per scusarsi di ciò che ha fatto, come un Homer Simpson che abbia preso gusto alla ciambella dell'ecumenismo. Anche i razzisti e gli stragisti qui sono mansuefatti, addomesticati: hanno sbagliato, ma non sbaglieranno più! Giusto! Questa è l'età della scusa. Non si può prendere a sberle la moglie fedifraga, o il figlio somaro, o il rivale in amore o quello che ti riga la macchina al parcheggio ... si debbono intavolare trattative democratiche ... la moglie è a letto con un*altr*? Si porga il biglietto da visita. Il figlio è uno scemo con l'occhio languido? Lo si impasticca o lo si manda dallo psicologo infantile ... i ceffoni sono fascisti ... il padre legittimo divorzia? Esca a fare bisboccia col cazzon successore.
A leggere i commenti online sulla resipiscenza di Traini che legge le sue scuse alla nazione, ai nigeriani, al mondo corretto e al cielo dei migranti ci si accorge di cosa è successo ... la svirilizzazione del maschio è totale ... in nome della legge e della correttezza, beninteso ... aveva ragione, ancora unavolta, Jean Raspail ... presto entreranno in casa un paio di belinoni nigeriani, attaccheranno un pistolotto boldriniano sull'ingiustizia dei bianchi contro i neri e i bianchi lasceranno le stanze di loro spontanea volontà, felici di aver ottemperato alla bellezza del Nuovo Mondo imparziale ... le donne, pure loro, senza ovaie ... sono state svuotate della femminilità e infarcite di bei diritti ... e ora possono godersi l'indipendenza ... isteriche, istruite, civilizzate dal progresso e col lamento incorporato ... come le vecchie bambole col disco nel dorso ... emancipate, emancipatissime, a sei euro l'ora, in carriera nei supermercati, nel terziario avanzato, nelle pulizie, nei CAF sindacali ... a riempire moduli a cottimo per far ottenere a Chin Chan Pai la pensione, l'indennizzo, la 104 ... sfinite già a trent'anni ... coi mariti gonfi di popcorn e depressione post partum ... se sono fortunate ... altrimenti c'è il simulatore fallico sul comodino.

Le femministe al corteo dell'UDI: col dito! col dito! Ma il progresso, in tale campo, avanza. 

Traini, cattivissimo, quello che svuotò un caricatore senza prenderci mai ... anzi, no, qualcuno lo prese ... per fortuna della vittima: così il vulnus può risanarsi con qualche centinaio di migliaia di talleri ... tutti i cattivi debbono andare in galera ... i cattivi in quanto cattivi e, perciò, poiché cattivi, in quanto fascisti. Dal primo all'ultimo, sono d'accordo. Il mondo non dovrà avere più cattivi: e non li avrà, ve lo prometto! D'altra parte, ragionate: come si fa a essere cattivi col ciuffo ingelatinato sulla fronte? La barba scolpita? Quando, la sera, si programmano - fra maschi! - nottate davanti al videogame? Come si chiamava, Fortnite? Proprio ieri ho sorpreso dei venticinquenni a litigare (litigare!) perché uno di loro, nel gioco, era troppo veloce ... e lasciava i compagni indietro ... e, quindi, i compagni digitali eran caduti in un agguato ... agguato digitale ... e uccisi ... roba da chiodi ... roba da depressione caspica.

Quell'altro tizio di Riace, faccia dai tratti rilasciati e indistinti, sta in galera, pure lui. Ma é un gioco di specchi. Traduco: voi lo vedete in galera, ma, in realtà, è sugli allori. Presto arriverà la consacrazione. Aspettate, con calma, in poltrona. Se c'è una cosa che sa fare l'Italiano senza coglioni è cambiare rotta con cautela ... all'inizio si tratta di millesimi di centimetro ... poi, col tempo, il divario fra ciò che dovrebbe essere e ciò che effettivamente è, si allarga ... e alla fine chi è al gabbio si ritroverà, dopo tante scuse, in Parlamento. 

I cattivi, i maschi ... dove saranno andati a finire? Residuano nella bassa criminalità. Quello che ha dato una capocciata al free lance a Ostia ... Spada ... un diecimila di quei tipi sotto casa di Moscovici e le cose prenderebbero una diversa piega ... c'è poco da cianciare ... le rivoluzioni nascono nel sangue ... Robespierre era un avvocato, cioè un criminale del linguaggio, e agiva fomentando gaglioffi e tricoteuses. Ammetto che non è più tempo di sangue e cordite, è tempo di ragionevolezza ... di veri e propri déjeuner sur l'herbe ... a ingoiare crostini da concertazione dei sensi ... ci siamo fatti più scettici, disillusi, distaccati ... e non perché lo siamo davvero: scettici, disillusi, distaccati ... ma solo perché non siamo capaci di fare nulla ... la correttezza, il volemose bene alla John Lennon, la tolleranza, l'accoglienza non derivano da una riflessione profonda sulle istanze metafisiche dell'animo, ma da un crollo antropologico e fisico ... lungamente perseguito da chi sa ... e sa molto più di noi, per istinto ... quando tutto ciò che definisce un essere umano viene incasellato nel "male" non ci resta che divenire ragionevoli, di venire a patti, chini sotto le forche caudine ... ragionevoli, non razionali ... che la razionalità è da uomini ... ragionevoli e impotenti, vestiti dell'organza della sottomissione a un corollario di valori anemici, eterocliti, stranieri alla nostra vera essenza.

A Caudio, oggi provincia di Benevento, il sannita Gaio Ponzio fa erigere gioghi sotto cui si umiliano i comandanti romani. Alcuni di loro vengono sodomizzati. L'orrore per l'ignominia propagherà le sue onde psicologiche per secoli.

L'ultimo uomo e la trasvalutazione di tutti i valori sono davvero realtà!
Appunti per letture a venire: razze di cani create tramite mansuefazione. Manualetto.
Si reprime un istinto, tramite uno spietato e accorto gioco di premi e castighi, e si crea una seconda natura. Le femmine, intanto, vengono accoppiate con altre razze, scelte per la bisogna, più adatte ai fini dei domatori. La risultante: cani da compagnia, da caccia ai fagiani, da tartufi. Eugenetica e nuova etica: altri cani. Più utili, più buoni.

Su una cosa Nietzsche ha ragione da vendere: la maleducazione, il rilievo urtante della personalità, la vitalità volgare, hanno, quasi sempre, i tratti genuini della forza, di ciò che ascende.

Leggo che un capostipite dei Casamonica era sposato a una Spada, Teresa.
I Casamonica, gente d'Abruzzo, di origine sinti, come il calciatore Andrea Pirlo, l'ultimo vero fuoriclasse, avevano in mano il territorio del Mandrione, una borgata romana estrema e poverissima.
Uno dei pezzi più significativi di Carlo Emilio Gadda in Le meraviglie d'Italia: Genti d'Abruzzo. La canzone più bella scritta da Pasolini: Cristo al Mandrione. Ne esiste una bella versione di Gabriella Ferri.
Sia Pasolini che Gadda vantano un fratello morto, un fantasma nell'ombra. Come Catullo.
Solitari, misantropi: in grado diverso. Rifiutati dall'Italia. Fecero una brutta fine, infatti. 

Di gente in gente, di mare in mare ho viaggiato,
o fratello, e giungo a questa mesta cerimonia
per consegnarti il funereo dono supremo
e per parlare invano con le tue ceneri mute,
poiché la sorte mi ha rapito te, proprio te,
o infelice fratello precocemente strappato al mio affetto.
Ora queste offerte, che io porgo, come comanda l'antico
rito degli avi, dono dolente per la cerimonia,
gradisci; sono madide di molto pianto fraterno;
ti saluto per sempre, o fratello, addio.
 

Caro Lei ... anzi, caro Voi (mi rivolgo, infatti, al fascistone anzidetto) ... qui ci vuole una guerra ... stragi, morti, ustioni, cancrene, case che crollano ... non siete d'accordo, caro il mio Farinacci degli stivali?
Certo! Sono con Voi, tovarisch ... mi risponde quello. E obietta, giustamente: e però, ... Vos quoque ... cadete nella sindrome del Grande Botto ... siccome siete sempre lì a digitare e a masturbarVi, caro Voi, sulla tastiera del nulla ... vi siete ridotto a tifare la catastrofe! Un comportamento che prima addebitavate ai coglioni ... e ora ... non sarà che vi state rammollendo?
Colpito, affondato! ... Touché! Ma cosa volete che faccia ... che mi metta a gridare "Vogliamo i colonnelli" dal balcone? I colonnelli, ormai, rubano nelle furerie ...
Allora non fate niente, amico mio, e scusatevi. Avete pargoli? Meglio non mischiarsi alle retroguardie ...
Giusto! Non resta che scusarsi, allora ... non del nostro comportamento, ma della nostra stessa esistenza! Annusare gli angoli, prepararsi alla successione ... con un bel testamento ... lascio ... a chi se la prende ... una casa A2, media periferia, garage, termoautonoma item magione rustica in piena Tuscia ... item terreni con seminativo e frutteto e servitù prediale annessa ... item casaletto magazzino ... item un gallo ad Asclepio ...

lunedì 1 ottobre 2018

La messa è finita



Roma, 1 ottobre 2018 

La lettura non mi è mai piaciuta. Leggere per leggere: lo trovo un esercizio grossolano. Leggere per conoscere: ecco, questa è una pratica spirituale che mi ha sempre accompagnato nella vita. Scandalosa, certo, tanto che molti ex conoscenti, che avevano contezza della vastità della mia biblioteca personale, non si capacitavano: “Ma come, non ti piace leggere? E tutti quei libri cosa li hai a fare?”. Gli rispondevo: “Per leggerli, ovviamente”. E quelli non capivano. I libri sono cose preziose poiché contengono preziose verità. E spesso la verità si occulta in piccoli paragrafi di tomi sterminati (I miserabili di Victor Hugo, a esempio, li ricordo solo per le due pagine su Pierre Cambronne). A volte la verità coincide con l’opera stessa: è il caso delle memorie di Marco Aurelio; altre è contenuta nella bella menzogna oppure ci brucia retrospettivamente, a libro letto e, quindi, morto.
Quando lessi I proscritti di Ernst von Solomon, in anni verdi e privi del sale della sapienza, lo compresi a metà: operina revanscista, filonazista, generata dallo schianto della Prima Guerra, col Kaiser in fuga; riposi il libro, nella scaffalatura più alta; intanto la vita, spietata, avanzava, un giorno dopo l’altro, arricchita da esperienze e illusioni nuove, depauperata da disillusioni spaventose: ed ecco che quelle righe, improvvisamente, ritornarono alla mente, senza neppure sapere perché; apparentemente neglette, ma ora rinverdite da una imprevista e sconvolgente resipiscenza. 

giovedì 27 settembre 2018

La Cina è vicina


Roma, 27 settembre 2018 

Una conoscente, di sicura affidabilità, mi rende edotto d'un aneddoto altamente istruttivo. Circa dieci anni fa il figliuolo, allora diciottenne, e in odore di maturità classica, fu spedito in Cina con tutta la classe nell’ambito di un’operazione di “scambio culturale” (ordita non si sa da chi: sicuramente non dai nostri provveditorati o ministeri, troppo impegnati nel sorbire cappuccini; forse dai ministeri cinesi, come sospetta anche la sommenzionata conoscente).
I nostri zucconi, appena arrivati a Pechino, furono sistemati con tutte le cure presso una sorta di residence: pulito, organizzato e popolato di personale gentilissimo e in grado di affabulare, con lodevole proprietà, almeno nella rappresentanza preposta alla comunicazione, la nostra lingua materna. Gli sdraiati italici stettero un pochino sulle loro, poi cominciarono a prendere confidenza con i limoncini: sino a rivelarsi: come perfetti idioti. Erano in vacanza; di studio, certo, ma lo studio, in Italia, serve a prepararsi agli esami, non alla vita. I pecoroni, il giorno appresso, vennero portati a pascolare per la Capitale del Catai: ne ricevettero un’impressione devastante. La Cina era vicina, assai vicina: e priva di quei luoghi comuni che, chissà perché, sedimentano nell’animo dei peninsulari: il levantino con il laccio da strangolatore, il riso e il tè, la lingua indecifrabile, i salamelecchi orientali. Pechino, infatti, era una città sterminata, ampiamente infiltrata dall’Occidente e dall’inglese, moderna, insonne, paradossalmente febbrile e composta: i cinesi, poi, quegli ominicchi, secondo loro, risolvevano problemi: l’inquinamento, i cessi, il traffico ... ogni aspetto metropolitano, ancor caotico, veniva sottoposto alle cure lungimiranti di un cervello da “centralismo democratico”  in cui, pochi, decidevano: e gli altri, di conseguenza, obbedivano. Soffiava, insomma, una brezza travolgente e vitale dove le conquiste generavano problemi e questi ultimi, risolti, generavano progresso: e il progresso era interamente cinese, ovvero mai slegato dalla tradizione: i cinesi, almeno gli abitanti della Capitale, erano artefici del proprio destino (o del proprio disastro; un disastro, tuttavia, gestito intra moenia).

martedì 25 settembre 2018

La misantropia vietata dalla democrazia


Il Poliscriba

Andarmene, dunque, senza lasciare traccia. Questo mi è parso essenziale. La gente, se ne fosse poi occupata, doveva concludere a una definitiva irreperibilità. Meglio, a un misterioso annichilamento, un dissolvimento nel nulla.

da Dissipatio Humani Generis di Guido Morselli

Mi è sempre parso intelligente colui che rigetta il mondo o la mondanità, non per scopi dichiaratamente superiori, metafisici, iperuranici sentieri, ma per asilo coatto nel ventre abominevole del Leviatano sociale.
Ho sempre sentito un lieve disgusto, poi tramutato in nausea col passare degli anni, in mal di mare o mal d’essere, all’ascolto di sproloqui sulle proprie magagne: quello sciorinare microanalisi autolesioniste per il piacere narcisista di essere al centro di qualcosa, che non è scena, ribalta, palco, ma profluvio di inconsistenza spirituale dinanzi a un pubblico di ombre.
In questi giorni infausti, scopro tra le macerie di quella che fu la letteratura italiana, la luminosa essenza suicida di Guido Morselli, un uomo autore della sua esistenza ai margini della contabilità degli atti che si possono affastellare nel magazzino della coscienza, ad uso della toponomastica, per abuso di concretezza e di ricordi di ipotetici posteri che non si conosceranno mai.

venerdì 21 settembre 2018

Non enim vivere bonum est, sed bene vivere


Roma, 21 settembre 2018

Novanta (90) suicidi all’ora. Nel mondo. Circa 800.000 all’anno, quindi. 800.000/8.000.000.000: il conto fatelo voi. Ancora pochi. La crisi, la paranoia, l’austerità, le guerre, la disoccupazione, la distruzione dei ruoli sociali, la folle competizione postmoderna, il narcisismo eretto a sistema. Ci si aspetterebbero dati più alti: alienazione, claustrofobia metropolitana, sovraffollamento, stress post-traumatici. E invece … e invece il suicidio appare, come già scrissi, più una soluzione razionale che una soluzione effettivamente praticata … Il suicidio, per chi abbia a cuore sé stesso e l’Italia e l’uomo, per chi sia umanista integrale, è una risposta naturale. Di fronte al deserto i disperati non possono che togliersi la vita. Eppure … eppure non è così, per il fatto, semplicissimo, che l’umanità ha trovato una parvenza di felicità, la distrazione.

[Qui dobbiamo intenderci. Il suicidio, diretto, senechiano, morselliano, da fine dell’epoca, il suicidio per troppa sapienza, è questione che attiene agli aristocratici: “non enim vivere bonum est, sed bene vivere”. Il resto dell’umanità ha scelto - o è stata scelta - per la dissoluzione suicida, che è altra cosa. Terrificante nella sua ineluttabile vastità.]

martedì 18 settembre 2018

Merde, alors!


Roma, 18 settembre 2018

In tale blog la merda è stata evocata più volte. Benché sia refrattario al turpiloquio nonché alla coprolalia discorsiva, trovo assolutamente deliziosa la risposta di tale Jean Asselborn a Matteo Salvini. Un apprezzamento insidiato dal rimpianto: avrebbe dovrebbe essere Salvini a rivolgerla ad Asselborn. E perché avrebbe dovuto? Con tale parola, se davvero fosse un conducator, egli avrebbe affossato simbolicamente il concetto stesso di democrazia europea. Un taglio netto. Ma Salvini è grasso. L’ho sempre detto. È l’attor giovane di destra. Quello di sinistra è, oggi, Luigi Di Maio, abile a sostituirsi, grazie alle intuizioni del maggior stratega d’Italia, Beppe Grillo, la Bocca della Verità, ai teneri esserini di sinistra, fatui e corrotti, colati fuori dei cessi del Sessantotto e dintorni. Entrambi, Salvini e Di Maio, a modo loro, sono grassi. Pasciuti. Non soffrono. Credono, fermamente, irrefutabilmente, alla democrazia. Al funzionamento democratico delle istituzioni: italiane, europee, internazionali. Ogni tanto sbottano, come certi mariti nei riguardi delle mogli: mai, però, si augurerebbero una separazione o un divorzio. Divorziare, in pieno 2018, equivale a dormire in auto lungo i marciapiedi della vita. E allora si dà in escandescenze, di tanto in tanto; si bofonchia; si lanciano dichiarazioni da wrestling.

Lo so, ho deluso taluni. Ma cosa posso farci? Sulla lunga distanza si delude sempre qualcuno, a parte la mamma.

sabato 15 settembre 2018

Una versione non ufficiale del golpe antisovranista del 2011 [Il Poliscriba]


 Il Poliscriba 

Il mercato crede in noi, è già tornato ad investire nei Titoli di Stato italiani"
Mario Monti, annus horribilis 2011

Vi racconto una storia di ordinaria lucida follia finanziaria, una novella che potrebbe essere inserita in un Decameron postkeynesiano, una sceneggiatura dietrologica per un film che non si girerà mai, che di certo, un regista del calibro di Veltroni, non potrà fare a meno di rivoltarsi tra le mani in un azzurro giorno di fine estate, presso il Country Club la Macchia di Capalbio.
Una storia che si avvia quando l’ineletto Mario Monti, che d’ora in poi nominerò lo Psicopompo,  planò  nella sede di Bloomberg a New York, in quel lontano 2011, per placare l’avidità dei mercati (così inchiostravano i giornaletti nostrani) dichiarando, per i duri d’orecchio e di cervice: "A giudicare dall'andamento del mercato qualcuno deve aver già investito  e penso che l'opinione che i mercati, così come le autorità degli altri governi, si stanno formando sulla serietà con cui l'Italia sta affrontando i suoi problemi, non possa che far aumentare l'atteggiamento positivo verso tutto ciò che è italiano, compresi i titoli di Stato".
E sappiamo tutti come è andata a finire: il popolo ha scelto con regolari elezioni, dopo un settennato di totale blocco della democrazia, ad opera dell’unico partito che ancora si fregia del titolo di democratico (sic!), il duo Salvini-Di Maio.