lunedì 16 marzo 2020

Frottole dal ducato in fiamme (Neodecamerón)


Roma, 16 marzo 2020 

Dall'Enciclopedia Treccani: "fròttola s. f. [prob. der. di frotta]. - 1. Componimento letterario di origine popolaresca (detto anche motto confetto) costituito da un affastellamento di pensieri e di fatti bizzarri e strani, senza nesso o quasi tra loro, in versi di varia misura (settenarî, quinarî, endecasillabi) e senza ordine fisso di rime". 

Frottola Prima. La magia dei numeri
Se sommate il vostro anno di nascita alla vostra età otterrete come risultato 2020.
Succede una volta ogni 1000 anni!
Provate!

Su circa 40 romani, di media età e intelligenza, quasi uno su due è rimasto interdetto. Per qualche secondo di troppo; alcuni sino a sfiorare il minuto. The dog's master si farà quattro risate. Gli statistici pure. Ho detto "uno su due"? Chiedo venia. Volevo dire: il 46,34%.

Frottola Seconda. Untori I
Silvio Brusaferro, Istituto Superiore di Sanità, qualche giorno fa: "Ci sono state scene di persone al mare, a sciare o a mega-aperitivi: sono luoghi in cui il virus potrebbe essere circolato ... [fortunatamente] gli Italiani hanno colto come comportamenti sbagliati finiscano per ritorcersi contro e vadano evitati".
Il diavolo si nasconde nelle locuzioni.
Mega-aperitivi. La Milano da bere? Scurdammoce 'o passato. Aperitivi, piscine, viaggetti. Cambiamo abitudini. Il disprezzo in quel termine rivela l'ansia di liberarsi da alcuni comportamenti onde piombare nell'asocialità da afefobia. L'odio del contatto, della convivialità, anche cialtrona, della comunità ... la sepsi morale deve entrargli in testa a questi cultori dello spritz!

Frottola Terza. Untori II
De Luca, governatore della Campania, chiude quattro comuni. Perché? “Causa del picco di contagi è un rito mistico. Hanno bevuto tutti dallo stesso bicchiere”. E chi sono tali irresponsabili? Seguaci del sabba? Sbevazzatori da osteria? Massoni napoletani? Macché, catecumenali. De Luca ha richiesto la denuncia penale. Rimane il mistero sul "rito mistico". Che abbiano bevuto il sangue di Cristo senza permesso? 

Frottola Quarta. Homo digitalis (dalla lettrice ISE) 
Tra le cose che si digitalizzano [ecco] l'uomo cablato del sogno transumano. In questi giorni pensavo: prima o poi usciranno con la proposta di un chip che traccia tutti gli spostamenti e magari rileva se il virus è presente nel tuo corpo, nelle vicinanze o addosso a una persona piuttosto che un'altra.
Oggi apro "Il Corriere della Sera" (dopo secoli, giusto perche' so che anticipa sempre quel che "potrebbe" accadere), e trovo la notizia che sottolinea la necessita' di tracciare tutti con la tecnologia per prevenire la diffusione del virus:

https://www.corriere.it/economia/consumi/20_marzo_15/come-battere-pandemia-il-tracciamento-dati-grazie-compagnie-telefoniche-51c0497c-661c-11ea-a287-bbde7409af03.shtml

"Un gruppo di economisti e scienziati dei dati, capeggiati dal professore Carlo Alberto Carnevale Maffè, docente di strategia alla Sda Bocconi e Alfonso Fuggetta, docente del Politecnico a capo del consorzio Cefriel che lavora proprio sui Big Data, hanno inviato alla regione Lombardia e al governo una proposta estremamente dettagliata al momento ignorata. Che consentirebbe di riaprire davvero scongiurando il vero rischio che può verificarsi il 3 aprile. Perché basta un altro piccolo focolaio di 4-5 infetti a bloccare di nuovo il Paese provocando un double dip, un rimbalzo difficilmente sostenibile per qualunque economia matura che vive di scambi, relazioni e consumi.
A supporto della tesi i due docenti prendono in prestito le parole dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che proprio tre giorni fa ha dichiarato che la parola d’ordine è quella di 'tracciare i contatti'. Secondo un modello delle tre T: testare, tracciare e poi trattare. In Corea del Sud lo schema ha funzionato e la curva dei contagi è crollata senza un 'lock down', un blocco totale come ora sta sperimentando l’Italia e ora l’Europa. Il Korean Center for Disease Control, KCDC, ha organizzato uno straordinario sistema di raccolta di informazioni geolocalizzate per il tracciamento dei contatti dei contagiati. I potenziali contagiati e i viaggiatori che arrivano nel Paese hanno dovuto scaricare una app in cui volontariamente hanno descritto giorno per giorno la propria posizione, eventuali sintomi e i contatti tenuti. Sarebbe possibile tecnologicamente farlo anche da noi". 


Frottola Quinta. Focolaio
"Il Corriere della Sera", come avete appena letto, è preoccupato, preoccupato per noi: "Basta un altro piccolo focolaio di 4-5 infetti a bloccare di nuovo il Paese provocando un double dip, un rimbalzo difficilmente sostenibile per qualunque economia matura che vive di scambi, relazioni e consumi".
Quattro o cinque infetti. Basterà una famiglia contagiata (non malata: contagiata), insomma, onde innescare le procedure di sicurezza. E questo non possiamo permettercelo. Ne seguirà un controllo permanente sugli sternuti dei cittadini italiani, previo consenso ... un consenso permanente ... una liberatoria esistenziale, diciamo, intrecciata con le schedature del Ministero dell'Igiene Statale (che assumerà le vesti del gendarme) e quelle della Nuova Sanità Privata (in guisa di cassiere). Saranno tutti felici.
 
Frottola Sesta. Sicurezza
Con la nuova carta Visa sicurezza nei pagamenti. Sicurezza bancaria? No, igienica. La cassiera non dovrà nemmeno toccare la vostra carta. Basterà avvicinarla al visore. Anzi, basterà avvicinare l'orologio o il cellulare al visore ... no, è ancora troppo ... ecco la quadratura del cerchio: passerete al money detector che vi riconoscerà dalla conformazione da micco addebitando la somma al conto online! 

Frottola Settima. Il ducato in fiamme
Comprendete quell'allusione? Frottole (in realtà novelle) dal ducato in fiamme? No? Male. Leggere, bisogna, ciò che non consigliano. Altrimenti come si fa a scoprire la verità?
Scorrendo un libro di Stefano Tomassini sulla caduta dello Stato Pontificio, a esempio, mi son imbattuto in tale passo: "L’economia non era mai stata buona, ma adesso semplicemente non c’era più. Quasi tutte le finanze erano ormai affidate al cosiddetto Obolo di San Pietro, le offerte che giungevano a Roma da ogni parte del mondo cattolico ... Il 1º di dicembre [1860] la Banca Rothschild di Parigi aveva annunciato la sospensione dei pagamenti degli interessi del debito pubblico pontificio. Il 10 il Giornale di Roma scriveva:
'Con grave sorpresa vedemmo annunciare dalla Casa Rothschild di Parigi la dilazione a pagare gl’interessi dell’imprestito Pontificio scaduti il 1 dicembre, sebbene avesse nelle sue mani la maggior parte dei fondi occorrenti al detto pagamento. Si aveva certo motivo a dover sperare da quella casa una maggior confidenza nel governo della S. Sede, del quale essa, ad onta di difficili circostanze, aveva avuto campo di fare una larga esperienza. Comunque, appena il Ministro delle Finanze conobbe questo disgustoso incidente, si affrettò, presso gli ordini del Santo Padre, a completare i residuali fondi e così il pagamento degli interessi suaccennati ha cominciato con il giorno 6 del corrente mese, conformemente all’annunzio telegrafico che oggi ne recano tutti i giornali dell’alta Italia con le seguenti parole: «Un’avviso dichiara che la banca Rothschild pagherà a datare da oggi i vaglia dell’imprestito romano scaduti il 1 decembre». A complemento di questo conciso annunzio crediamo necessario soggiungere, che non l’oro del Piemonte, siccome osarono insinuare con aperta malizia alcuni periodici, ha dato facoltà alla Casa Rothschild di soddisfare integralmente gli interessi in iscadenza del debito pontificio, ma bensì i fondi che alla detta casa sono stati rimessi dal Governo di Sua Santità. Ed essendo da varii giorni questi fondi pervenuti alla loro destinazione, rimane chiaro come il Governo pontificio fosse già pronto all’intero versamento, e come sia ben lungi, non ostante la quasi totale mancanza delle risorse dell’usurpatogli suo temporale dominio, dal vedersi ridotto a quelle estremità che la malevolenza ha decantato, e dalle quali lo tengono lontano la pietà e la devozione de’ fedeli'

Buonissima penna, questa del redattore del giornale ufficiale romano: ma per quanti sforzi facesse, alla fine non poteva far altro che confermare che lo Stato era a un passo dalla bancarotta, che l’occupazione delle Marche e dell’Umbria aveva finito di togliergli le risorse, e che restava solo la carità dei fedeli per evitare il collasso. A tutto questo danno si aggiungeva la beffa dei giornali che andavano sostenendo che fosse stato il Piemonte a correre in soccorso delle finanze pontificie, mentre in punta alla penna del redattore restava, sottinteso, il sospetto che il 'disgustoso incidente' fosse in parte imputabile alle solite mene giudaico-massoniche alle quali i Rothschild potevano prestarsi".
Pio IX non poteva, apocalitticamente, "né vendere né comprare".
Quando il generale Cadorna, dieci anni più tardi, sbreccia Porta Pia i giochi sono conclusi. I tarli avevano già eseguito il lavorìo necessario e che quel breve furore bersagliero servì solo quale coreografia per i libri di scuola. Pio IX, fatalista, rassegnato, rilasciato come una donna, ci appare, nelle lontananze di poco più d'un secolo, l'antesignano di Joseph Ratzinger, il Papa esautorato dall'oro; esautorato dall'oro poiché non v'era più il sangue dei fedeli a contrastare Mammona. 

Frottola Ottava. Tecnica del colpo di stato
Marco Della Luna titola un suo post: "Una mattina mi son svegliato e ho trovato il carro armato". Della Luna è molto intelligente e, soprattutto, coerente. Le cose che scriveva dieci anni fa son state elaborate con rigida consequenzialità. Le trovo, però (voglio trovargli un capello fuori posto), troppo sbilanciate verso una visione militare e golpista. Lo stesso errore di chi, a destra, quando evoca il totalitarismo, parla di URSS e gulag e comunismo; specchiandosi in chi, a sinistra, tira fuori, in tal caso, meccanicamente, inevitabilmente, i salmoni di Mussolini o Hitler (a scelta).
Tale visione è decrepita. 
Il colpo di Stato si sta attuando e si farà, ancora, ma in punta di altruismo. Per il bene comune. La collettività. La pace. Il futuro. La stessa locuzione, bene di tutti, deve mettervi in sospetto.
Sì, Greta Thunberg, Bill Gates e la pletora di cantantucoli, attorucoli, femministucoli sono i carri armati di una rivoluzione non  violenta che ci porterà alla dissoluzione senza sprecare una cartuccia.
I carri armati, quelli veri, neanche funzionano o, se funzionano, verranno utilizzati per dirigere il traffico.
 
Frottola Nona. Netanyahu
Il coronavirus rimanda il processo a Beniamino. Al contempo ecco primeggiare il rivale Gantz. Ci sono signori e sudditi. La guerra fra signori e sudditi, tuttavia, non è la sola. Stiamo assistendo a una guerra all'interno della classe patrizia, tra l'Antico Ordine, cui appartiene Bibi, e i Signori del Nuovo Ordine.
I Signori del Nuovo Ordine stanno regolando i conti sulla base del politicamente corretto.
Basti guardare alla vicenda di Roman Polanski, costretto a fuggire dal proprio stesso premio in nome del femminismo isterico. Ma come, Polanski, l'Ebreo, quello che fa i film sulla Shoah, il grande regista franco-polacco, lui?
Eh sì, perché il Nuovo Ordine Patrizio non guarda in faccia nemmeno l'Ebreo col curriculum. Servono nuovi Ebrei, Ebrei polcorretti, pure loro,  che fondano le virtù dell'egalitarismo straccione col Talmud. I ferri vecchi si accomodino nel bugigattolo della Storia: hanno avuto tanto, si accontentino.
 
Frottola Decima. Decamerón
Il Decamerón di Pier Paolo Pasolini esce nel 1971. Seguiranno, nel 1972 e nel 1974, I racconti di Canterbury, ispirati al capolavoro di Jeffrey Chaucer e l'esotico Il fiore delle Mille e una Notte
Il Decamerón originerà un vero e proprio genere, il decamerotico, fra cui s'annoverano titoli strabilianti: Fratello homo sorella bona, Metti lo diavolo tuo ne lo mio inferno, Boccaccio mio statte zitto, I Racconti di Viterbury.
Pasolini scrisse la trilogia della vita poiché riteneva che il corpo andasse liberato: contro il potere. Poi, gradatamente, s'accorse che era il capitalismo a volere il corpo libero. Si rese conto, cioè, che l'erotismo, la non violenza, il pannellismo, lavoravano a favore della restrizione della vera libertà: a favore del Potere.
E girò, in un vero e proprio impeto di disgusto, Salò o le 120 giornate di Sodoma. Qui non solo si nega la liberazione del corpo; si comprende come il Potere perverta una delle fonti creative dell'umanità in accidia, perversione e prigionia.
Accidia, perversione e prigione sono, debitamente occultati dal fiocco rosa della propaganda, alcuni dei punti fermi dell'altruista e progressista e tollerante Monarchia Universale (De Sade fu, infatti, un illuminista rozzo, ma efficace: da lui si dipartono una pletora di liberatori sessantottini e nuovi filosofi che, pur oggi in disgrazia, hanno svolto il lavoro da tarli assai metodicamente).
Salò fu proiettato postumo. Pasolini, quarantacinque anni fa, aveva fiutato il cambio di regime, dal consumismo capitalista al consumismo assistito nella poltrona postcapitalista.

Cosa rimprovero all'ominicchio attuale? La mancanza di gravitas.
La gravitas consiste nella fermezza, nell'autocontrollo (conosci te stesso), nel nulla di troppo, nella prudenza, nella studiata decisione, nella scelta del sacrificio in nome d'un ideale condiviso, nella speranza del canto postumo.
La gravitas romana originò, nel Cristianesimo, uomini plumbei, persino lugubri, seriosi: indistruttibili.
Con una manciata di tali uomini (facciamo diecimila) i nostri problemi in Italia verrebbero risolti in poche settimane.
Inutile dire che, dopo Salò, un nuovo genere s'impose: il nazierotico. Molti volumi su Hitler più che dalle fonti storiografiche succhiano immaginario proprio da tali pellicole.

I decamerotici li ho visti quasi tutti. Qualcuno è addirittura divertente. Ciò che me li rende simpatici è la scenografia, le location. Paesetti medioevali, torri, archi, sentieri di collina. Anche qui, in tale infima cinematografia, sussurra, in un meraviglioso rantolo di affermazione, l'Italia.

67 commenti :

  1. Bravissimo Alceste, leggerti è sempre un godimento, e anche un conforto per un misantropo come me (benchè per tutta la vita abbia mascherato questo aspetto sotto l'abito del "good doctor"!).
    Mi ha molto incuriosito il tuo ultimo paragrafo circa i filmetti decamerotici: pensa che non ne ho mai visto nessuno, anche negli anni "spensierati" (sic) dell'università. Da vecchio e infermo cercherò di recuperare: si troverà pure una qualche antiquata cassetta o un DVD, o magari qualcosa su YouTube, per colmare questa lacuna!
    Un caro saluto e buona continuazione.
    Hermannus Contractus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non t'aspettare dei bei film: pecorecci, scemotti anche se vivi, popolareschi. Si vede che li hanno fatti per un pubblico preciso che li andava a vedere e pagava per vederli.
      L'estetica, in tal caso, c'entra poco. Anche I racconti di Canterbury di Pasolini, a mio avviso, son bruttarelli assai.
      Le location, invece, in alcuni casi sono affascinanti.

      Elimina
  2. Devo confessare che ignoravo l'esistenza de I Racconti di Viterbury, inizialmente ho pensato che fosse uno pseudofilm come La polizia s'incazza. evabbè, c'è sempre da imparare, visto che le mie conoscenze su questo genere si sono fermate a Giovannona ad all'Ubalda.
    Bei tempi! all'epoca una Fenech, bisogna dirlo, in splendida forma, scatenava tsunami ormonali mostrando il minimo politico mentre oggi chilometri cubici di porno online non riescono a smuovere dall'apatia (e direi che piuttosto la inducano) l'homo italicus sempre più omo, sempre meno homo e sempre meno italicus.
    è anche questo l'effetto poltrona che avanza inesorabile come un Azathot danzante, cieco e idiota, al suono dei flautisti polcorretti. chi ascolta quella musica è perduto.
    Una mia amica, di ritorno dall'Olanda dove aveva soggiornato per un breve periodo, riferì che, in particolare, a colpirla fu l'apatia degli olandesi; passano le serate a bere birra e per il resto del tempo si barricano in casa davanti al computer ma restano estasiati ed inebetiti a contemplare il sole nelle (poche) giornate di bel tempo. forse è questo il futuro che ci attenderà quando la poltrona avrà definitivamente trionfato anche nella nostra penisola?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accidia, apatia, blanda perversione, correttezza che imprigiona.
      Il ritratto dei popoli nordici irretiti dalla democrazia liberale.
      Sai cosa penso? Che proprio il Sole, apollineo definitore della forma, sia uno degli antidoti che ci hanno permesso di resistere più degli altri.
      E pensare che Amsterdam venne considerata a suo tempo il paradiso della libertà. Non ci sono mai caduto, preferisco farmi un giretto nelle bettole del Cairo che in un cinque stelle a Helsinki.

      Elimina
    2. si si è poprio il sole. Ed è per quello che abbiamo lo spred, la tassa che ci impongono perhè ci scaldiamo gratis.

      Elimina
    3. "Il Sole, apollineo definitore della forma."
      concordo, dal Sole dipende tutto; il clima, il paesaggio, l'alimentazione, il temperamento umano sono tutte conseguenze dell'energia che riceviamo, sia in termini di quantità che di qualità.
      Il deserto, la tundra gelata o l'italica varietà di paesaggi producono specie d'uomini molto dissimili e questo i nordici lo sanno bene e, proprio per questo, da secoli invidiano il nostro clima e ciò che è in grado di produrre, sia nella natura che nell'umanità che vi dimora.
      Aggiungerei ai fattori di differenziazione anche il retaggio cattolico, la declinazione del cristianesimo più prossima al paganesimo. La correttezza (politica) dei nordici è conseguenza del rigorismo protestante, nulla di più distante dal sentire a dall'agire dell'uomo latino che ignora la predestinazione ma si ritiene sempre e comunque artefice del proprio destino, sia pur con l'aiuto di Dio e l'intercessione di qualche intermediario fisico o spirituale.
      Senza la convinzione di poter esercitare il libero arbitrio tanto vale lasciarsi andare all'accidia, all'apatia ed a qualsiasi perversione e spacciare tutto ciò per modernità e progresso...
      "che libito fé licito in sua legge, per tòrre il biasmo in che era condotto"
      sacrosante parole. sembrano scritte oggi per l'oggi.

      Elimina
  3. Alceste, ti prego, facci un poemetto sulla democrazia. Ne abbiamo bisogno perchè ci abbiamo creduto troppo. Non portarci solo esempi sfuggenti, vogliamo capire bene l'imbroglio, mica devi fare tutto in una volta, ci vuole una serie di riflessioni sulla parola "d" che invece significa tutt'altro.
    Leggevo in questi giorni dei discorsi di Lenin del 17 poco prima della rivoluzione. Lui parla continuamente di democrazia, che deve essere realizzata, che ci vorrà tempo, che è l'obiettivo dei sovieti e tanto altro. Ma di quello che invece è successo non parla mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo ripeto, capitalismo e socialismo condividono le medesime basi ideologiche: il progresso e la reductio ad unum.
      E pluribus unum, il programma scritto sul dollaro, e l'Internazionale vogliono arrivare allo stesso punto: e ci sono arrivati. Del demos gliene frega assai poco adesso che sono alla meta.

      Elimina
  4. Un grazie di cuore.

    RispondiElimina
  5. Splendido Alceste, sempre più lucido anche se continui a chiamare liberale quello che è tipicamente socialista (i nordici, ricordi la famosa socialdemocrazia progressista?). Ma, come ho già detto, non perdiamoci in nominalismi.
    Piuttosto, mi piace riflettere sulla Frottola Settima, il mio pallino economico:
    per imporsi definitivamente il Nuovo Ordine, oltre a tutto il resto, ha dovuto sovvertire le vecchie leggi economiche (corrispondenza fra beni reali scarsi, limitati e moneta mero mezzo di scambio degli stessi). Oggi, arrivati al capolinea, qualcuno paventa addirittura l'helicopter money, neanche sapendo di cosa si parli.
    Le banche centrali inonderanno il mondo di liquidità nel tentativo di scampare il disastro.
    Siamo a una svolta epocale. Io una speranzella la conservo…
    Dopo serviranno i Diecimila.
    Difficile non è trovarli.
    Dovrebbero avere le idee chiare. Vedo solo masanielli condizionati e incolti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sui nomi ci si può accordare.
      Liberale è termine abusato: per me è punto d'incontro fra due degenerazioni, socialismo e liberismo.
      Socialismo e liberismo condividono la smania del progresso come scrissi a proposito della Kuliscioff.
      Le loro putrefazioni originarono l'attuale socialliberismo o liberalsocialismo ... ognuno poi tira la propria parte a sè non riuscendo a comprendere che di cadaveri si tratta.
      La speranzella è l'ultima a morire, ma qui entra in gioco la tecnica. Chi la detiene?

      Elimina
    2. Loro, ovviamente; da qui il nostro pessimismo sul futuro.
      Ma le istituzioni sociali, lingua, religione, morale, legge, moneta, sono sempre il frutto di una stratificazione, di una scoperta fatta da più individui nel corso dei secoli, selezionando man mano quelle meglio funzionanti.
      Ecco che ora si tenta il colpo di spugna: cancellare il Passato inventando nuove lingue (l'informatica), religioni (polcor), etiche, leggi (positivismo giuridico), valori economici (moneta fiat).
      Ma le istituzioni sociali hanno delle loro regole di funzionamento: la Legge non può essere cambiata ogni giorno, l'economia non può essere stravolta a lungo, così come la morale.
      Ora siamo sul divano ma ci sarà bisogno di bere, mangiare, combattere, prima o poi.
      La sfiga è che noi non lo vedremo.
      Oppure sì.

      Elimina
    3. Questo è il mio rovello.
      Siamo noi che scegliamo le istituzioni?
      O sono le istituzioni a scegliere noi?
      In questo senso: il corso storico-entropico ci porta a questo?
      Non è la storia un processo di decadimento? La storia riassume il nostro corpo?
      Siamo a questo punto perché inevitabile? QUi è il busillis. Se fosse frutto di una pura scelta ci sarebbe spazio per la ribellione, ovviamente. Prima o poi. Il problema è l'entropia. La dissoluzione. Possiamo invertire il corso ricostruendo? RIcostruire cosa? Il passato o qualcosa di nuovo che lo simuli?

      Elimina
    4. Può essere che noi guardiamo il mondo e vediamo l'entropia solo perché osserviamo da un punto peculiare della Storia? Quindi dello spazio-tempo?
      Vivendo nel Rinascimento avremmo potuto riconoscerla? Eppure doveva già essersi avviata… Quindi, quale passato dobbiamo ricostruire?
      Le domande sono retoriche, altrove mi hai risposto.
      Devo desumere, e neanche mi dispiace troppo, che siamo arrivati alla Fine dei tempi...
      Senza neppure aver avuto il piacere e l'onore di conoscerti di persona (causa quarantena sine die).
      Come con Omero...

      Elimina
    5. Alla fine dei nostri tempi, di sicuro, l'ho detto ripetutamente.
      Può darsi che i nuovi tempi soddisfino i più.
      Io osservo certe persone vivere una vita da amebe, non mi capacito di come facciano eppure, forse, sono felici, a modo loro. Felici perché incoscienti.
      Si spegneranno lentamente e paciosamente, beati loro.

      Elimina
  6. Da essere uno dei popoli più in gamba al mondo siete passati ad essere uno dei piu codardi e cialtroni del globo, avete inscenato uno spettacolo da Hollywood allucinante surreale sembra di stare su di un set di qualche colossal una pieta'unica vedere le strade vuote con la polizia che vigila come se si stesse in tempo di guerra,qui da me la gente festeggia i matrimoni in mezzo alla strada a centinaia a migliaia ballano bevono si divertono e voi chiusi in casa come li sorci e'incredibile i media cosa vi sono riusciti a fare, un lavaggio del cervello di massa, o che siete matti voi o che sono matti qui e confino con la china !!!!! Manicomio italia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. amico, qui siamo tutti ben contenti di poter essere protagonisti del kolossal. Ogni italico è un attore. Lo spettacolo ben riuscito e la "bella figura" valgono più della nostra vita. Dopo vent'anni di polizieschi Miami NCIS delle 7 di sera con tanto di morgue e autopsia mentre pranziamo, non potevamo che desiderare di partecipare dal vivo.

      Elimina
  7. Quaresima - Quarantena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Digitate" conte e mattarella denunciati per procurato allarme "e per abuso della credulità'popolare Sant'iddio qualcuno lo ha capito che questo che stanno facendo e'terrorismo psicologico di stato un inganno mostruoso Se non si può contare sulle vostre facolta'intellettuali almeno seguite l'istinto ma scusate ma perche'un influenza che parte dalla China dovrebbe accanirsi proprio sull'Europa e poi sull'Italia e allora tutti i paesi intorno alla china dove regna la sporcizia la poverta 'dove tutto viene trascurato dove li mettiamo perché li' non c'e' niente tutto rimane immacolato nessuna emergenza , in thailandia ero lì non c' e'nessuna emergenza nessuna corsa nelle farmacie mercati pieni scuole aperte in Cambogia pure in Laos pure ma insomma il seme della follia ha attecchito solo da voi o e'stato attecchito dai media, ora adesso sono qui porca ladra al confine khmer thai più di così come ho scritto prima la situazione qui e'di normalità assoluta come ho scritto prima l'altro giorno dopo aver telefonato al lazzaretto in Italia nel rincasare ho dovuto sostare a causa di un festeggiamento gigantesco una baldoria lungo la strada xche'in Cambogia i matrimoni e i banchetti nuziali vengono fatti per strada con tende da deserto tipo letto a baldacchino feste sfarzose musica appalla macchinoni donne vestite nei loro tradizionali sgargianti vestiti da "carnevale",mi hanno fin offerto da bere ero lì a chiedermi se erano pazzi loro o se lo eravate voi, decidete voi!

      Elimina
    2. Sed, nel bene e nel male le faccende importanti, i cambi di rotta, le rivoluzioni, le “new vision” etc... incominciano in Europa e l’Italia è più Europa degli altri paesi d’Europa, insieme naturalmente alla Grecia. Parlo di Europa non di Ue. L’Ue, che vedremo che fine farà’, altro non è che l’aborto dell’Europa morente. Non c’è da stupire nell’apprendere che qui ci sia tutto questo casino: è stata innestata la quinta per completare il totale cambio di paradigma. Questo non poteva avvenire in Thailandia, Laos o Cambogia. Questi paesi tuttavia si omologheranno, questione di tempo. Ma il cambio di paradigma, la pestata sull’acceleratore, mi pare evidente che non possano avvenire in nessuno di questi paesi. Crumbo

      Elimina
  8. Sed Vaste, il mondo sta entrando tutto nella tana del Biancoconiglio e la follia sara’ norma ovunque; e’ un imbuto che aspirera’ tutti dentro col suo movimento spiraliforme.
    Basta aprire il Corriere: c'e' da morire per un coccolone anche a grande distanza, da denunciarli per procurato coccolone senza contatto fisico. Mannaggia a quando ho pensato di aprire quel virus sul mio computer.

    Ieri vi leggevo i titoli: "La buona notizia è che, secondo diversi esperti, il famoso «picco» del coronavirus in Italia potrebbe arrivare già domenica 22 marzo, se le misure sono state rispettate seriamente dagli italiani."
    Oggi: “«Per ogni caso positivo ce ne sono 5-10 non tracciati» Quando arriverà il picco?
    Un modello matematico ci dice che i casi non documentati con sintomi lievi o assenti (asintomatici) sono stati responsabili del 79 per cento dei contagi. L'arrivo del picco viene calcolato, ma i margini di errore sono alti perche' il virus e' nuovo e l'andamento in Italia a macchia di leopardo. Dipende davvero da quanto rispetteremo le misure decise e da quando abbiamo iniziato a farlo.”

    Oh ma quando si raggiungera’ il picco della monticazione della nostra transumanza-trasmutazione. Ricordate che il virus e’ nuovo e misterioso, pero’ tutto dipende da quanto siamo bravi ad ascoltare il badrone-pastore.

    Ancora: “L’egoismo non deve vincere”
    Sopravvissuta: «Attaccata al respiratore per una persona che ha violato le disposizioni»
    "Punizioni più severe per chi esce. Chi viola la quarantena rischia una denuncia
    per «procurata epidemia»”

    Finalmente avranno la certezza di come si diffonde il virus? Pero’ non mancano le notiziole scientifiche mutanti che appaiono e scompaiono pop-up, confermanti che il virus e' un mistero: a volte e' sulle suole delle scarpe a volte no, a volte resta sospeso in aria per 34.556 secondi poi scompare, a volte puo' sviluppare eliche di rinforzo e rientrarvi dal camino, lo sentirete dal ronzio, ecc ecc
    Oggi ad esempio:
    “Coronavirus: ecco quanto sopravvive su scarpe, asfalto, acciaio e altre superfici?
    Il virus può resistere anche giorni sulle superfici ma il contagio è improbabile perché la carica virale precipita”
    “Latitudine, temperature: il filo che lega l’Italia e Wuhan. Dalla Cina fino ai focolai delle capitali europee, i ricercatori cercano correlazioni”
    “Virus ed epidemie: perché c’è un legame con perdita di natura e climate change.
    C’è una relazione diretta tra le conseguenze dell’azione dell’uomo e la diffusione di malattie devastanti come l’attuale pandemia.”

    Se non trovate un colpevole, potete sempre denunciare a scelta: le scarpe, la latitudine, l’azione dell’uomo... che comunque a prescindere e' sempre meglio che stia in poltrona e dentro casa.

    Mi chiedevo chi ancora prenda seriamente certe parole. Molti sicuramente, anche la mia amica con cui e' diventato impossibile ragionare: neanche posso fare un sorriso per sbaglio durante le nostre chiamate video che mi taccia di essere untrice tramite il pensiero. Dovreste vedere il suo sguardo severo e sospettoso che io possa dubitare del Ministero Della Verita’, ad ogni mio lieve sorriso.
    Ise

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ise, tra la gente si sta scatenando la caccia all' untore e la caccia al "resistente".
      Da me i vicini ti fotografano per denunciare e ho già assistiti a tre liti in strada.
      È la consacrazione di Hobbes e del suo homo homini lupus.
      Mi chiedo, retoricamente,se la cosa sia casuale.
      Intanto viviamo in uno stato d'eccezione dove costituzione e parlamento sono sospesi, l'opposizione - mai esistita - scappata a Nizza, ergo siamo in mano ad un manipolo di incapaci burattini che agiscono per conto terzi.
      Francamente speravo di riuscire a sfangarla, almeno potevano aspettare qualche anno...ma il programma deve andare avanti a tappe forzate.
      Sento puzza di zolfo...Blondet ha pubblicato un bel articolo:

      https://www.maurizioblondet.it/dio-non-punisce-ma-prima-torniamo-al-padre-meglio-e/

      Un caro abbraccio, la leggo sempre con grande interesse.

      Ps. Sarebbe bello se Loris pubblicasse un pensiero sugli scenari economici dei prossimi mesi

      Elimina
  9. Altri titoli sparsi di stamane, pregasi non ridere; piangere pero' e' permesso:

    “La Lombardia “controlla” i movimenti via cellulare: «Si sposta il 40%, troppi»
    La verifica (anonima) attraverso le celle telefoniche: appena il 60% resta a casa”

    Nonostante abbiano cancellato in un sol colpo tutta la carta dei diritti umani, il diritto alla privacy non viene mai violato…chissa’ perche’… forse perche’ la verifica e’ anonima per qualcuno (noi), mica per tutti, percui in realta' non esistono ne’ anonimato ne’ privacy.

    “Coronavirus, Zingaretti: «Sto meglio, iniziati gli antivirali» Il governatore del Lazio rassicura sulle sue condizioni di salute”

    Sono rassicurata, per fortuna una buona notizia.

    «Io medico a Milano, e il mio compagno abbiamo rivoluzionato tutto»
    “Il resoconto di Cristian e Alessandro - Le famiglie italiane al tempo del Coronavirus”

    Le nuove famiglie italiane che cambiano abitudini…
    Sotto il video intanto, nella sezione “Ti potrebbero interessare” campeggia la foto di un bacio saffico tra due modelle. Sciagurate untrici che non hanno cambiato abitudini.

    “La Francia segue l’esempio italiano. “Siamo in guerra”
    “L’Oms: «L’Italia è diventata il modello per l’Europa e il mondo». Gli aggiornamenti sulla diffusione di Covid-19”
    Beh, si, sempre che dipende da quanto gli italiani faranno i bravi e obbediranno agli ordini del badrone-buon pastore; ma visto che ci lusingate con tali belle parole (essere modelli ha sempre fatto per noi), ce la metteremo tutta.

    Si potrebbe andare avanti all’infinito, anche perche’ la pagina online del Corrierone nazionale ormai si srotola verso il basso senza soluzione di continuita’, e’ proprio come entrare nel mondo di Alice.

    Concludo col mio titolo preferito della giornata:
    “Coronavirus, paramedici polacchi in ambulanza cantano'Ghostbusters': «Importante non perdere buon umore»
    Forse sono gli unici che hanno capito che si sta lottando con un fantasma.

    Saluti,
    Ise

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I più indicativi sono i titoletti polcorretti. "Io e il mio compagno abbiamo rivoluzionato tutto ...": noterete la giustezza di quel termine: rivoluzionato.

      Elimina
  10. "Asintomatico" è una trovata fantastica.
    Siamo praticamente già morti, dal momento che siamo vivi. Certo ancora non mostriamo i sintomi della morte... ma prima o poi... La morte è già allo stato latente in noi. E se fosse contagiosa e lo avessimo ignorato fino ad oggi?


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Asintomatico significa: presunzione di colpevolezza.

      Elimina
    2. Esattamente, intendevo proprio sottolineare l'allusione alla presunzione di colpevolezza.

      Per quanto riguarda la morte contagiosa, leggendolo, mi e' venuto in mente il contrario, la vita contagiosa, la vita che in sostanza e' un virus.
      Appena pensato cio' mi e' capitato di ascoltare quest'intervista al dott. Francesco Oliviero: https://soundcloud.com/marcello-pamio/intervista-al-dottor-francesco-oliviero
      Ise

      Elimina
  11. “La gravitas romana originò, nel Cristianesimo, uomini plumbei, persino lugubri, seriosi: indistruttibili.”

    Ieri mattina, nella chiesa del mio paese, dove mi reco più volte alla settimana per una preghiera o anche solo per un attimo di contemplazione, c’erano solo pochissimi fedeli, a debita distanza l’uno dall’altro, e c’era anche il prevosto, anch’egli isolato, con indosso una mascherina … che tristezza!
    Terminata la mia preghiera/contemplazione mi sono recata verso la statua di Gesù Cristo crocifisso, esposta a lato dell’altare in periodo di Quaresima, e ho posto le mie labbra, senza alcuna previa disinfezione, sui piedi di Gesù, schioccando un bacio sonoro. Stamane, in presenza di ancor meno fedeli ed in assenza totale di sacerdoti, dopo la mia preghiera/contemplazione, ho ripetuto quel gesto, perché so che i dominatori di questo mondo, con tutte le loro astuzie, non possono niente contro Gesù Cristo: la Fede, la Fede teologale, non ti fa certo perdere la ragione.

    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia chiesa è chiusa da una settimana. Il pretonzolo prenota visite, benedizioni, estreme unzioni. Comunioni e battesimi rinviati.

      Elimina
    2. Stamane, dopo la ripetizione in chiesa del rito dei giorni precedenti: preghiera-contemplazione-bacio-sui- piedi-di-Cristo, una bella gita al cimitero … sì, il cimitero è un bel luogo da visitare: un posto di memoria collettiva. Ho detto una preghiera per i miei cari e, soprattutto, ho bagnato i fiori ed il pinetto sulla tomba di mia madre. Mi sono ricordata che mio cugino, non più giovanissimo e anche un po’ malconcio, abita in un altro paese, ma in questo cimitero c’è la tomba, anzi, il “mausoleo” a dodici posti della sua famiglia, e lui, sempre scrupoloso a passare tutte le settimane per fare il suo dovere, ora è impossibilitato, così ho bagnato tutte le piante e i fiori del suddetto “mausoleo”. Dico questo, non per elogio della mia persona, ma per far intendere che questo gesto di pietas cristiana, non è il buonismo scodinzolante che ora se ne sta rintanato nella cuccia con la coda fra le gambe. Un grande nemico del Cristianesimo è il riduzionismo religioso e in questi tempi difficili un piccolo gesto di pietas cristiana ci fa sentire ancora esseri umani con radici profonde.

      Anna

      Elimina
  12. Alte si elevano le grida manzoniane di questi ridicoli piddioti figli delle stalle:"State a casa o vi denunciamo tutti!".
    Intanto liberano i detenuti, quando non scappano dopo aver dato fuoco alle carceri. Per le strade si vedono solo risorse boldriniane in assembramenti modello inps con assetto da spaccio-furto-(stupro all'occorrenza).
    Le pecore italiche intrise della loro stessa follia mista a corruzione belano nel recinto domestico innalzando la loro cantilena ai cortili di ogni angolo del regno. Il comandante in capo giuseppi tra un decreto spargi miseria e un MESsainculo di ordinanza diffonde l'eurofico spreed. Il mondo ci ammira stupito e ci chiude ogni via di fuga( ormai non c'è più scampo). I giornalai di regime celebrano la nostra dipartita economico-sociale come fosse la vittoria del campionato del mondo. Gli arresti domiciliari saranno rafforzati: l'ora d'aria verrà soppressa e guai pure a tenere la finestra aperta. E mentre volano alti i pensieri di Alceste ( insieme al prezzi dell'amuchina e delle mascherine) sommessamente ci congediamo con un : boia chi muore ( o chi vive, boh?!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grosso errore liberare i carcerati proprio ora. Specie i ladri.
      Siamo tutti chiusi in casa... anche quel settore è in crisi.

      Elimina
  13. Cara Ise, tra la gente si sta scatenando la caccia all' untore e la caccia al "resistente".
    Da me i vicini ti fotografano per denunciare e ho già assistiti a tre liti in strada.
    È la consacrazione di Hobbes e del suo homo homini lupus.
    Mi chiedo, retoricamente,se la cosa sia casuale.
    Intanto viviamo in uno stato d'eccezione dove costituzione e parlamento sono sospesi, l'opposizione - mai esistita - scappata a Nizza, ergo siamo in mano ad un manipolo di incapaci burattini che agiscono per conto terzi.
    Francamente speravo di riuscire a sfangarla, almeno potevano aspettare qualche anno...ma il programma deve andare avanti a tappe forzate.
    Sento puzza di zolfo...Blondet ha pubblicato un bel articolo:

    https://www.maurizioblondet.it/dio-non-punisce-ma-prima-torniamo-al-padre-meglio-e/

    Un caro abbraccio, la leggo sempre con grande interesse.

    Ps. Sarebbe bello se Loris pubblicasse un pensiero sugli scenari economici dei prossimi mesi e sulla Germania che di fatto ha annunciato una sorta di helicopter money in pieno stile MMT

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari fosse zolfo, qui siamo al Gled assorbiodori, all'Arbre Magique, alla sepsi del cervello.

      Elimina
    2. Forse il virus è proprio questo. Il virus dell’asetticità completa. Questo ci sta contagiando pesantemente e comprometterà’ irreversibilmente i rapporti fra persone già pesantemente compromessi da almeno 30 anni. Quante cose stanno drasticamente cambiando! Prendiamo la stessa parola “cambiamento”, abusata da ogni ometto d’ogni partito, partitello, movimento, sardiniame assortito: una parola asettica, neutra. Se in un brutto incidente dovessi perdere un braccio, ebbene ho fatto un cambiamento. Crumbo

      Elimina
    3. La preziosa gemma dell'umanità era "non cambiare mai".
      Il rivoluzionario, quindi, doveva assumere le vesti del genio militare, del filosofo, del trascinatore di folle. Solo a quel prezzo, forse, poteva indurre un cambiamento.
      L'albero della cultura ereditaria si salvò, così, preservandoci.
      Ora tutto cambia. Ognuno cambia. Siamo immersi nel cambiamento.
      Infatti scompariremo come Italiani, prima, come umani, dopo.

      Notavo come gli sbraitatori da balcone abbiano o la faccia da coatti (quelli che cantano e basta) o da Sardina (quelli che pontificano positivamente sugli sbraitamenti medesimi).

      Elimina
    4. Caro Marco, grazie per la fiducia ma se avessi questa preveggenza...me la giocherei in Borsa! (eventualità peraltro da non escludersi, ma a tuo rischio e pericolo)
      Intanto quanto annunciato in Germania non ha nulla a che vedere con i sognatori della MMT; i crucchi (beati loro) possono tranquillamente permettersi quello che è solo un mega aiuto di stato alle loro imprese e alle loro banche (due delle quali
      già da tempo in modalità Lehman) perché il loro debito pubblico ammonta a un terzo di quello italiota. Affronteranno la recessione senza drammi.
      Per quanto ci riguarda, penso che passata la buriana sanitaria (che per inciso non considero affatto una robetta da ridere, sia per le implicazioni umane sia per quelle ben tratteggiate da Alceste), a livello economico ci aspetti l'INFERNO e cioè:
      non appena i nostri BTP non saranno più negoziabili sui mercati causa sfondamento dello spread dovuto all'ulteriore indebitamento da coronavirus, i nostri eroi dovranno scegliere fra la Troika (con taglio di stipendi e pensioni, in salsa greca) e il ricorso a una mega patrimoniale (la chiameranno Prestito di Solidarietà) con furto diretto e pesantissimo dai conti correnti.
      Oppure entrambe, secondo la gravità della situazione.
      Per intanto hanno chiesto gli Eurobond, cioè l'avallo tedesco sui nostri debiti…
      Cu-cu!
      L'Italia da tempo è un morto che cammina che ha indebitato anche gli eredi per tre generazioni.
      Se si potesse firmare una rinuncia all'eredità rimarremmo poveri ma finalmente senza debiti e forse più felici.
      Leggi la Bibbia e capisci perché "Loro" i debiti li hanno fatti contrarre solo agli Altri!
      Ah, dimenticavo, qua in Em.Romagna mi arrivano notizie e previsioni di piccole e medie aziende, un tempo fiorenti, già con l'acqua alla gola in tutti settori della produzione, per non parlare di quello turistico…
      Un calo del pil anche solo del 5% sarebbe un dramma.
      Chi è indebitato è condannato a CRESCERE sempre!

      Elimina
    5. Dimenticavo lo scenario economico internazionale nel quale si va a innestare l'italica crisi. Il paragone con il '29 diventa sempre più pertinente…
      I micchi (come dice…) chiederanno un Nuovo New Deal cioè altra liquidità, dimenticando o ignorando che proprio quella ha disastrato il mondo, indebitando anche i pinguini sulla banchisa.
      Saluti.

      Elimina
    6. Caro Marco,

      quel che descrive, che era prevedibile accadesse date le premesse innescate, somiglia ai resoconti cinesi del decennio della Rivoluzione Culturale in cui il vicino spiava il vicino per denunciare le sue intenzioni politicamente scorrette nelle sezioni di denuncia e apparire quindi il buon cane da guardia del pastore. Sapeva che, nel momento in cui avesse smesso di denunciare qualcuno, sarebbe stato denunciato egli stesso, per cui si passo' presto ai figli che denunciavano i padri, le mogli i mariti...quel che venne definito il definitivo inquinamento spirituale del popolo cinese.

      La mia amica, dopo i primi giorni (e notti) in cui mi concedeva il dibattito e le spiegavo che per me il modo in cui veniva gestita tutta la faccenda era criminale e le cose peggiori sarebbero accadute a causa del panico indotto dalla gestione criminale, ora non mi lascia proferire parola. Mi chiama perche' ritiene di dovermi aggiornare assiduamente sulla tragedia in atto (non quella causata dall'irresponsabilita' di media e governanti, ma quella causata dai tre che invece di stare a casa sono andati a sciare, o i due che han viaggiato senza permesso ed esempi vari di questo tipo pescati dalle news qua e la'). La lascio parlare per 30 minuti e poi mi congedo con qualche scusa; ormai il dialogo non interessa, al massimo interessa indagare il mio grado di condivisione di certe premesse, ma senza chiedermi direttamente, solo osservando le mie espressioni o il livello di attenzione e preoccupazione che presto ai suoi racconti. Davanti a me in videochiamata ha invitato il marito a non tornare piu' a casa dal lavoro, ma cercarsi un posto in cui stare, per evitare che portasse il virus in casa. Il marito ha perso il lavoro prima che potesse esaudire il desiderio muliebre, e l'altro giorno me lo mostrava in video mentre dal suo terrazzo chiaccherava coi vicini che erano sul loro terrazzo, indicandomelo con disprezzo, perche' ovviamente il solo non condividere il terrore e il panico e' un crimine imperdonabile.

      Purtroppo certi meccanismi li conosco, li ho vissuti anche sulla mia pelle. Ricordo bene ad esempio quando fui trattata da appestata da Sars e poi da radiazioni da persone insospettabili e nonostante fossi "pulita" in base a quanto la "scienza" cui tutti si affidavano predicava. Fortunatamente non erano persone a me vicine ma solo conoscenze, delle quali conservo comunque il ricordo solo per la pena che mi fecero in tale frangente, altrimenti a quest'ora le avrei gia' dimenticate. I rapporti umani andranno a sfaldarsi perche' certe cose segnano le persone piu' della malattia fisica. La paura elevata a panico diventa irrazionale e l'irrazionalita' porta disordine, comportamenti privi di senno e di aderenza alla realta'.

      Anche io la leggo sempre con grande piacere, le auguro il meglio, e che riesca almeno a non farsi cogliere in fallo dai vicini. Vado a leggere il buon Blondet.

      Un caro saluto,
      Ise

      Elimina
    7. Grazie Loris per la risposta, esaustiva e lucida come sempre.
      Io e diversi miei conoscenti lavoriamo come insegnanti di musica presso istituti privati.
      Adesso siamo fermi a zero stipendio e se la situazione continua, come sembra, saranno problemi grossi.
      Nella piccola cerchia di conoscenti che lavorano nel turismo (sono nell' entroterra veneziano) è un disastro già adesso, con ripercussioni a catena su tutto l'indotto.
      Non voglio certo sottovalutare la morte o la sofferenza, ma non riesco a non chiedermi se questo "approccio" così devastante sia una conseguenza o un mezzo per distruggere quel poco che resta del paese.
      Spero di leggerla presto in altre analisi e riflessioni.
      Un saluto

      Elimina
    8. Gentile Ise, oggi il nostro "Giuseppi" ha dichiarato che il governo si avvale dei migliori esperti sul "mercato"...su questa frase Freud ci avrebbe fatto un libro;
      Stamattina giro di 8 chilometri per fare la spesa....d'altra parte uso solo le mutande di quel dato supermercato perché sono le uniche che non mi irritano i preziosi gioielli;
      Nel mentre il buon Fontana, governatore della Lombardia dichiara "diciamolo ancora una volta con le buone...restate a casa", più chiaro di così e buona camicia a tutti.

      p.s. mi permetto di insistere sul valore e l'importanza, oggi più che mai, di questo spazio, degli scritti di Alceste e del Poliscriba, degli interventi e delle testimonianze di prima mano di Ise, Loris, Sed vaste, Hermannus, Anna, e tutti gli altri....come diciamo dalle mie parti "tenimose forte e duri i banchi"

      Elimina
    9. Caro Marco,

      concordo con lei sul valore degli interventi di tutti in questo spazio, inclusi i suoi sempre esaurienti e spesso divertenti.
      Se puo' chieda da parte mia al signor Fontana che cosa succedera' (in piu' di quanto non sia successo finora) se dovesse arrivare a dircelo "con le cattive"...cosi' almeno ci prepariamo.

      Un caro saluto,

      Ise

      Elimina
  14. No stavolta l'hanno fatta troppo grossa questa pantomima ridicola che vi sta rovinando economicamente ridicolizzando e Umiliando non può che finire o in un colpo di stato o in un arresto dei vari governanti esautorati e mandati sotto processo , ripeto siete solo voi italia! non c'e'nessun altro paese al mondo che fara'come voi , e' consequenziale un colpo di stato non potete pensare di essere un modello per il mondo la gente non puo'rimanere segregata in casa come state facendo voi voi siete dei Pazzi! siete un esperimento sociale, qui da me hanno gia'preso le precauzioni necessarie e cioe'non fare entrare l'infezione italica qui gli italiani sono bannati fine di tutte le regole per i visti ora gli italiani sono la pecora nera del mondo , un danno d'immagine enorme altro che via della seta! Conte Mattarella e tutti i media sono dei criminali da arresto immediato più rimangono e più sprofondate rimarrete isolati dal mondo, l'unico modo per iniziare a ragionare e'incominciare a fare disobbedienza sociale non rispettando ste regole da devastati mentali da medioevo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui da te dove esattamente?

      Elimina
    2. Sed Vaste,
      In Europa Spagna, Francia, Belgio stanno prendendo le stesse misure dell’Italia.
      Canada, Australia e New Zealand si stanno avvicinando. Ma non sono aggiornata ad oggi.
      In tv qui tempo fa un servizio sul razzismo da contagio subito dagli italiani a Londra (con video intervista a un italiano), per poi paragonarlo a quello subito dai giapponesi in Indonesia (con altrettante interviste e testimonianze di giapponesi che vi vivono), nel periodo in cui il Giappone sembrava essere destinato ad essere completamento infetto da quel che fu ribattezzato l’incubator Diamond Princess.
      Nelle Filippine, da domenica hanno chiuso, sigillato, la capitale Manila, con gran dispiego di esercito, polizia e checkpoints ovunque. Per prevenire la diffusione del virus ai 12 milioni di abitanti per un mese e’ proibito uscire di casa, riunirsi e lavorare, tranne eccezioni; “Siamo come l’Italia due mesi fa” avrebbe detto Duterte.
      Il 14 Marzo un’amica mi mandava foto di Kuala Lumpur deserta poiche’ la popolazione vive nel terrore. Il 17 marzo mi avvisava che la Malesia ha implementato le misure di chiusura e restrizione di movimento a tutta la popolazione. Anche i malesi dall’estero non possono piu’ entrare nel loro paese.
      Ieri mi ha mandato il seguente messaggio, preso non so da dove:
      “Sorry Malaysia but you’re fucked. Closed schools and universities, and everyone left big cities to their hometown. Sounds familiar? Yup that was Lombardy when Italian government restricted movements in that region. Look at Italy now.”
      Ise

      Elimina
  15. Prima ero in Laos a Vientiane 0 zero niente di niente poi in thailandia fino al 21 febbraio niente di niente tutto tranquillo zona Bangkok sattahip( base militare) Pattaya Rayong Chantaburi Trat niente 0 zero tutte cazzate gli allarmismi ora invece sono a phnom phen niente pure qui, anzi nell'attraversare i confini di solito ci stanno sedicenti medici che ti spillano qualche soldo per misurare la temperatura corporea o per chiederti se sei "accaldato" stavolta zero nessun controllo e tutto ciò ad Hat Lek parte thai , superato il confine dalla parte khmer nella cittadina che si chiama Ko Kong ci sta un Casino ' di cinesi sfarzoso con diversi grattacieli cinesi in costruzione mi sono fermato a dare un occhiata alla spiaggia del Casino' nessuna isteria e pieno di cinesi che passeggiavano per la spiaggia quindi o che 100 milioni e più di asiatici sono degli imbecilli totali imprudenti da far schifo, anche adesso girano senza mascherine sbevazzano festeggiano e copulano , oppure lo e' la piccola Italia ipocondriaca nazione di codardi che sta subendo un lavaggio del cervello senza fine da dei delinquenti al Governo e alle Telecomunicazioni, rimanere segregati in casa come dei malati mentali ecco a cosa vi hanno ridotto invece di infondervi coraggio vi infondono paura, roba da matti

    RispondiElimina
  16. Aggiungo solo che nel 2014 nel colpo di stato militare in thailandia lungo le strade si vedevano le stesse scene che si vedono lì 'da voi, ero li' posso dirlo ho visto direttamente le strade deserte presidiate da polizia e militari locali chiusi bar discoteche tutto chiuso come li 'da voi per poco più di 2-3 settimane , vedete un po voi se trattasi di coronavirus o colpo di stato non dichiarato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante questa tua notazione.
      Mi pare di capire che nel Sud-Est asiatico del virus se ne fregano altamente.

      Elimina
    2. Invece a me pare di capire che i turbocomplottisti fanno il gioco del Padrone.
      Vietnam: morti coronavirus zero, Tailandia: morti uno, Cambogia: morti uno. Dovrebbero preoccuparsi?
      A Bergamo oggi li portavano via con una colonna di camion militari!
      Tutto teatro?
      La gnocca sub asiatica può benissimo dare alla testa. Vorrei essere lì anch'io ma siccome siamo da un'altra parte è meglio tenere i piedi per terra...

      Elimina
  17. Confermo l'equiparazione "italiano" e "untore" all'estero.
    Alceste, immagine di te che cogiti sul mondo che hai in testa al sito, aggiornata al mondo attuale:

    http://i.4pcdn.org/pol/1565306782051.jpg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Praticamente guardo l'inferno. L'hai composta tu l'immagine?

      Elimina
    2. No, l'ho trovata sul sito del tuo emulo anglosassone, Morgoth

      https://nwioqeqkdf.blogspot.com/2016/05/the-last-whites-of-east-end.html

      Voi li prendete per scemi nordici, ma c'è gente fra loro che sta molto molto avanti. Prendi il lirismo di questa ode a Laura Trott, ciclista su pista medagliata olimpica di stereotipico fenotipo inglese, un unicuum tra gli atleti britannici, e salita alla ribalta nella cultura collettiva inglese

      https://www.youtube.com/watch?v=CC272WG3NEs

      se si riesce a comprendere la pesante inflessione di Eboracum dell'autore, il sito e la lista di video

      https://www.bitchute.com/channel/33WKoul0FUhk/

      sono miniere d'oro per capire lo stato del dibattito controinformativo nell'anglosfera che mi pare ben più avanti di quello che si ha da noi, tra byoblu, il pedante e compagnia di moderati cantante, per tacere di chi è arrivato persino in parlamento, ora.

      Elimina
    3. Un inglese, se scespiriano, è dei nostri.
      Invece, lo ri-dico, i nordici sono dei coglioni.
      Non conoscevo questo Morgoth, devo approfondire, tanto domani sono in ozio.

      Elimina
    4. e allora goditi l'ultima chicca svedese, la pubblicità della compagnia di bandiera Sas: la cultura scandinava non esiste, tutto quello che hanno è copiato da altrove, e quindi è bene viaggiare altrove a imparare un po' tutto:

      https://www.youtube.com/watch?v=ShfsBPrNcTI

      ma anche lì c'è chi non si arrende, protesta in strada e battibecca con i passanti benpensanti e si becca i contropresidi arcobaleno:

      https://www.bitchute.com/video/tzI4CCoTjTgI/

      fare l'identitario in Svezia dev'essere l'anticamera dell'inferno, stima per loro, per quanto possano essere legnosi (Breivik!)

      Elimina
  18. Il corriere, la repubblica,fabio fazio, il papa, giuseppi , il pd, soros, le ong, la bce, la coglioneria degli italioti ecc. Fossero solo un brutto incubo dal quale presto ci sveglieremo...

    RispondiElimina
  19. Trattasi di buffonata messa su dai governi massonici , se posso dare un consiglio e'di non farvi rubare pure la dignità del potere uscire come persone libere, ora ognuno come singolo puo'disubbidire facendo disubbidienza sociale xche'il coronavirus e'un influenza e'un arma usata per Farvi perdere i diritti, vi vogliono isolare impauriti e soli vi vogliono vedere come se steste agli arresti domiciliari e a chi sgarra galera! uella ma qui trattasi di dittatura bella e buona qui e 'in atto un colpo di stato silente con tanto di legge marziale , come si puo' credere a un virus che partendo dalla China dimentica di fare danni in paesi confinanti come Laos Vietnam birmania Bangladesh ecc paesi poveri privi di tutto e invece casualmente da voi diventa un flagello inarrestabile per i Novantenni, impossibile! Qui da me ci sarebbero stragi caterve ammassi di malati e morti e invece non c'e' niente 0 niente tutto normale tutto aperto traffico scuole fabbriche tutto normale nessun poliziotto 0, sarebbe bene che lo dicessero chiaramente i vari Boccia Conte Di Mario ecc stiamo facendo un colpo di stato punto senza tirar fuori virus immaginari, ripeto i 14 paesi che confinano con la China sarebbero gia'stati infettati con migliaia di morti e invece niente

    RispondiElimina
  20. Molta gente cerca di farsi piacere i domiciliari a tutti i costi. Ottimismo forzoso e ostentato. Gli italiani riscoprono il piacere della lettura, della pittura, del silenzio e della riflessione. E ostentano il tutto sui social. Mi ricorda la strategia che il sindacato adottava un po’ di anni fa, più che la strategia la dialettica (termine che adoravano e col quale condivano qualsiasi baggianata) con la quale ammansivano gli operai. Su 10 perdevano 3 ma dicevano: . Più avanti da 7 perdevano 2 e di nuovo la solfa: < abbiamo portato a casa 5, bla bla bla...>. Crumbo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ho sentite per decenni 'ste robe qua.
      Presto perderanno tutto e cominceranno a meditare, ma sarà troppo tardi.

      Elimina
    2. A me tale ottimismo forzoso sembra solo l'altra faccia del panico e del terrore, ossia lo stesso modo, speculare, per non guardare la realta' ma vivere in maniera surreale e irrazionale. E' una sorta di spettacolo nello spettacolo (comunque si sta al gioco), sempre di spettacoli immondi si parla.
      Ise

      Elimina
  21. Scusate, sarebbe il caso di parlare di questa?
    https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/02/01/20A00737/sg
    Pare che già il 31 Gennaio il Governo fosse al corrente del problema.
    Cosa è stato fatto nel frattempo? Nulla. Inviti ad abbracciarsi e gironzolare in scioltezza da una parte all'altra del globo. Poi l'allarme e l'enorme numero di morti sbandierato su tutti i media. Primi provvedimenti? Reclusione dei cittadini. Non sarebbe stato il caso di munirsi per tempo di mascherine, respiratori e tutto il necessario per far fronte all'epidemia? Di avvertire la cittadinanza del pericolo?
    E ora intendono vessare tutti quelli che escono a prendere una boccata d'aria, magari in campagna e nelle pinete. Chiudere i parchi! Tutti in casa, untori!
    Se faranno sul serio non sono sicura che gli italiani la manderanno giù.

    RispondiElimina
  22. Mandarla giù? Altroché, ne faremo scorpacciata!!! Io resto a casa! Lo dico qui con voi e che resti fra noi: qualche volta sono sceso in cantina.

    RispondiElimina
  23. Alceste lei c'è l'ha il mappamondo? Ecco provi guardare dove sta la cina e dove state voi!Ma le sembra normale che sto virus si sia accanito solo sulla povera Italia, Ma sa a quest'ora quanti migliaia di morti accatastati ci sarebbero per le strade qui da me per questa cazzo di influenza qui in Laos thailandia e Cambogia meta'della popolazione e'cinese tra l'altro il 25 gennaio tanti sono andati e tornati dalla Cina per festeggiare il capodanno cinese dovrebbe esserci una infezione pestilenzale di coronavirus degli zombie che girano ospedali intasati di malati e invece 0 zero nada niente , ma continuate a credere davvero a quest'infleuenza stagionale fatta passare come se fosse una peste bubbonica, con la scusa del virus vi stanno privando di tutte le liberta'siete agli arresti domiciliari se uscite a far pisciare il cane sotto casa rischiate la galera, ma siete normali? Vi drogate? Ma non capite che vi stanno ingannando vi stanno rovinando economicamente

    RispondiElimina
  24. Digitate"il governo sospende la proprieta'privata voxnews " ecco dove vogliono arrivare! Sostituzione coatta degli italiani, vi sequestrano le case e al vostro posto ci mettono i nuovi italiani colorati, se non reagite manco quando vi fregano la casa vuol dire che sti criminali al governo si possono permettere di farvi qualsiasi cosa

    RispondiElimina
  25. Digitate " il virus del buco del culo vi spiego il perche'sgarbi" cioe'colui che e'stato additato come lo scemo del villaggio alla fine e'l'unico rimasto a non aver perso ancora il lume della ragione, stasera nel fare la mia corsetta e bagnetto nel fiume sono stato distratto da fuochi d'artificio e fari accecanti baldoria a più non posso per gli asiatici e voi? A voi vi rimane digitate" il sindaco decaro caccia a casa tutti quanti " scena surreale tragicomica di un invasato pare che vi sia la peste bubbonica

    RispondiElimina
  26. Vorrei dire alla Ise che basta vedere il parlamento europeo di Strasburgo costruito ad immagine del dipinto di brugel " tower of babel" l'Europa e'massonica al 100% senza fraintendimenti digitate" giancarlo di tiamat cojonavirus" e "la dittatura e'servita" questo sardo ha capito tutto! si e'mossa la massoneria internazionale per supportare sta influenza stagionale fatta passare per peste, su manila vorrei fare una precisazione trattasi di citta'dove la massoneria ha fatto danni irreparabili allucinanti, duterte e'un massone che ha fatto di manila la città 'peggiore del sud est asiatico con le "slum" peggiori del mondo, duterte che ha cantato a trump "you are the light"... Il cojonavirus trattasi di operazione colossale della massoneria mondiale col supporto degli eserciti nazionali e si sa che tutti gli eserciti sono confraternite dove i comandanti sono tutti iscritti a Loggie massoniche , i marines e gli eserciti sono tutti massoni tutti quanti tutti quanti iscritti a Loggie, l'Australia e il canada fanno parte del Commonwealth britannico li'comanda la Regina la capa massona di tutto, il giàppone non ne parliamo trattasi di colonia americana ancora di più dell'Europa

    RispondiElimina
  27. Caro Sed Vaste,

    premesso che condivido pienamente il suo sgomento di fronte alla disfatta e distruzione, cosi' facile e col consenso generale dei piu', della nostra un tempo nazione.

    Le faccio notare tuttavia che il coccolone potrebbe arrivare anche dalle sue parti, si prepari, guardi cosa vi stan preparando i vicini:
    https://gulfnews.com/photos/news/philippines-closes-off-manila-its-capital-to-fight-coronavirus-1.1584261678974?slide=3

    Io mi auguro che dove lei risiede le cose restino come sono: forse tra qualche mese le dovro' chiedere ospitalita'.
    Il Giappone puo' prendere il coccolone da un momento all'altro: Abe e' gia' pronto con un decreto che gli da' pieni poteri di dichiarare emergenza in una mano, e nuovi tamponi per tutti nell'altra. Si aspetta solo che ci diano il via dall'alto e poi potremo cominciare le danze. Appena si scatenera' il pan-demonio, la vengo a trovare.
    E pensare che prima che il coccolone arrivasse in Italia era il Giappone il piu' colpito dopo la Cina: il coccolone mi si stava gia' agitando in ventre per iniziare la sua scalata del picco verso il polmone, quando improvvisamente e' arrivata l'Italia a toglierci il podio e mi si e' fermato a meta' strada. Ora qui siamo caduti cosi' in basso alla classifica dei maggiori contagiati che quasi non ci aggiornano piu' sui numeri. Eppure fino a meta' febbraio le strade pullulavano di turisti cinesi, nella mia zona come tradizione erano quasi piu' dei residenti locali; non ci hanno chiusi in casa e nelle citta' per il nostro bene; non ci han fatto cantare le canzoncine dal terrazzo; non ci han messo i checkpoints con la polizia per chi commetteva il reato di portare il virus a passeggio fuori di casa; i ragazzi sono stati a casa da scuola per una settimana e basta; ancora nessuno ha paura di stare a 10, 20, 30 cm di distanza... Forse passate, si spera, le Olimpiadi, avremo anche noi il nostro meritato coccolone virus peak.

    Ieri un'amica dalla Spagna mi scrive:
    Anche in Spagna siamo barricati in casa. Situazione surreale.
    Le chiedo: avete anche voi polizia in giro che controlla i movimenti?
    Risposta: Si, anche qui. Non esco da domenica, non li ho visti, ma ci sono. Polizia e militari.

    Saluti,
    Ise

    RispondiElimina

Siate gentili ...