venerdì 2 agosto 2019

Le temibili Isole Marshall

Fonte: adnkronos
Roma, 2 agosto 2019

Come si concluderà la vicenda giudiziaria dell'omicidio di Mario Cerciello Rega?
Nel migliore dei modi.
I patti stretti nel dopoguerra, da vincitore a vinto, ci obbligano a fare alcune cose; e a non farne altre.
In forza di tali patti o trattati (più o meno visibili; molti sono invisibili) gli Italiani, o Italici, sono divenuti soci degli Stati Uniti (cosa siano gli Stati Uniti, oggi, è poi da vedere).
Da ciò segue che gli Italici, che sopportano basi militari statunitensi in numero esorbitante sul proprio sedicente libero suolo, consistono in cittadini federati: così come gli Italici lo erano a Roma, prima dell'estensione della cittadinanza.
Vi erano, perciò, cittadini romani (optimo iure) e cittadini italici. I secondi, pur assimilabili nei diritti militari e fiscali, mancavano di alcune prerogative poiché "non partecipavano alla sovranità (le decisioni comuni [furono] loro imposte unilateralmente) ... [e possedevano] diritti privati e istituzioni diverse da quelle di Roma. Quindi, se consideriamo questa 'alleanza' come un insieme omogeneo ... che sta per intraprendere a suo vantaggio la conquista del mondo, dobbiamo constatare subito che il gruppo di cittadini con pieno diritto rappresenta ormai solo una parte, ben presto minoritaria, della popolazione totale" (C. Nicolet).
L'assassino americano vanta "optimo iure" (optimum ius), l'italico Mario Cerciello Rega (sconfitto nel 1945) non del tutto; pur se i due, ormai, li si ritiene inscritti nel compatto e inscalfibile cerchio della democrazia liberale: cittadini di due nazioni 'alleate' lanciate, assieme ad altri 'alleati', alla conquista del mondo.
Vittoria militare, democrazia piena, democrazia di riflesso, Alleati, NATO, Impero, Monarchia Universale.
Forse, un giorno, quando la democrazia liberale avrà piantato i suoi vessilli in tutto il mondo e verrà proclamato l'Impero Totale e Totalizzante, l'assassino e il carabiniere saranno riconciliati giuridicamente (la lex Papiria riconobbe la cittadinanza romana agli Italici sotto il Po nell'89 a.C.; la lex Roscia ai Cisalpini, nel 49 a.C., su impulso di Giulio Cesare). 
Più l'Impero Romano (quello che piace a Hollywood) si avvicinava, più ci si trasformava in cittadini del mondo. Come oggi. 
Sempre più cittadini, sempre meno liberi.
La Monarchia Universale sarà una cornucopia di diritti inutili e scintillanti. 
D'altra parte, quando si arriverà a quei tempi mirabili, non vi saranno più delitti: la droga, come l'incesto o altre parafilie, saranno stati legalizzati da decenni. Io, per fortuna, non ci sarò più, proprio come gli Stati Uniti (ve ne saranno altri, di Stati Uniti, che non alludono al New Mexico o al Maryland).
La vicenda finirà nel migliore dei modi. Confidiamo, quali Italici, nella disattenzione, nei colpetti inferti alla storia giudiziaria, qua e là, e, soprattutto, nella sciatteria, più o meno involontaria.
Sul sito del Ministero della Giustizia ("Percorsi chiari e precisi: un tuo diritto") i cittadini statunitensi registrati nelle patrie galere assommano a 21; quelli delle Isole Marshall a 3746.

24 commenti :

  1. Le isole Marshall sono stato territorio americano per circa 40 anni; vennero utilizzate come poligono per gli esperimenti nucleari, 24 in totale; l'isola di Bikini fu utilizzata per sperimentare due atomiche (1/7/1946 bomba Able, 24/7/1946 bomba Baker) prima del bombardamento di Hiroshima (6/8/1946) e Nagasaki
    (9/8/1946); attualmente nelle Marshall (atollo Enewetak, isola Runit a 300km ad ovest di Bikini) è presente il deposito contenente le scorie radioattive prodotte dagli esperimenti: The Dome; ora le isole Marshall stanno sprofondando, dicono a causa dei cambiamenti climatici, le bombe nucleari spesso fatte esplodere sotto il livello del mare non hanno provocato danni, solo la morte di qualche pesce qua e la. Gli abitanti sono stati utilizzati come cavie per anni; ora che non servono più, sradicati possono andare a ... delinquere dove meglio credono.
    Una sorpresa i marocchini ! Si sono calmati ? Nessuno li incita più ? Meglio cosi.
    Per quanto riguarda l'Arma speriamo che la smettano di affidare la loro immagine a serie televisive che propongono le caserme come romantici luoghi dove sbocciano amori tra avvenenti carabinieri, popputi e membruti. E con loro tutta la filiera che gestisce la Giustizia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I marocchini sono diventati dei bradipi, invece questi si sono scatenati ... sarà la radioattività.
      O forse il Ministero ha invertito Marocco e Isole Marshall?
      Con la precisione kantiana che possiedono tutto si accomoderà alla grande.

      Elimina
  2. Si c'è un errore, la riga dei poveri marshallesi è quella sotto (1 Marshallese nelle patrie galere); quella che è stata attribuita loro è quella dei marocchini, che tengono ancora alta la loro bandiera; e poi altri scambi; puoi verificare comparando i dati con la tabella "Detenuti stranieri distribuiti per nazionalità e regione" che segue immediatamente quella che hai presa in considerazione. Non te la prendere; ti faccio fare una risata (spero): la gazzetta ufficiale pubblica l'elenco dei pesci che si possono commercializzare, c'era il nome scientifico in latino e quello volgare; i nomi latini erano zeppi di errori, li correggevano e ne facevano altri, un pianto; alla fine (dalla disperazione ?) hanno aboliti i nomi latini; alcuni errori erano divertenti: un pesciolino, pescato solo per trasformarlo in farina per i mangimi, si chiama SexFasciatus (presenta 6 fasce verticali bianche e nere), sulla gazzetta ufficiale è diventato SexSfasciatus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so che c'è un errore ... la sciatteria ortografica, grammaticale e logica è sempre sintomo di decadenza. Anche i preti sono nel marasma: liturgia ecaristica, sbagli nelle date ... La decadenza è, a sua volta, preludio alla smobilitazione totale. In tal caso a smobilitare saranno gli Italiani, compresi poliziotti e carabinieri, tutti soldatini d'una plebaglia mondiale dove i discendenti di Cesare saranno fianco a fianco coi cingalesi. Contenti loro. Io sarò morto, per fortuna.

      Elimina
  3. Caro Alceste,

    gli Italici saranno soci della Spa Usa (magari fossero terme rilassanti! Invece e' solo Usa Societa' per Azionari) vita natural durante, fino a che un mini-diluvio o una mini-estinzione non ridurra' entrambi i popoli a un numero cosi' esuguo e a zero gap tecnologico che non potra' piu' sussistere il dominio dell'uno sull'altro.

    Isole Marshall: che esperimento interessante che fecero! Isole e atolli paradiasiaci che oggi ancora si definiscono associate agli Usa, chissa' cosa vorra' dire. 53.000 abitanti: mi sembrava strano che 3746 di questi fossero in Italia e tutti a delinquere haha!

    Per quanto riguarda i vinti, nell' isola di Okinawa e' stata approvata recentemente, nonostante le proteste locali sa va sans dir, la costruzione di una nuova base americana. Le proteste non erano dovute solo o tanto all'ulteriore base sul suolo dell'isola, quanto al fatto che la nuova base sara' costruita a ridosso di una delle barriere coralline piu' belle dell'isola, decretandone dunque la fine.
    Scelgono sempre i posti piu' belli per le loro basi, come fossero programmati per distruggere bellezza. Un conoscente del posto mi diceva che quando lavorava per una compagnia di investimenti gli fu dato l'incarico di individuare i punti piu' belli dell'isola per costruire dei resort hotel. Ebbene scopri' che tutti i punti piu' belli individuati appartenevano in un modo o nell'altro ai militari americani.

    Quel che e' accaduto a Mario Cerciello Rega conferma, nel caso non ce ne fossimo accorti, che essere carabiniere oggi in Italia non e' la professione piu' semplice a cui aspirare. Chissa', forse perche' se ne vuole l'estinzione.
    Mi dispiace per il sacrificio di quest'uomo innocente.

    Un caro saluto,
    Ise

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se tornassi indietro sceglierei la carriera militare.
      A guardare le statistiche il peggior lavoro da fare è il muratore. Centinaia di muratori morti. Quelli censiti. Altri, peregrini (come si chiamavano nell'Impero Romano gli stranieri), vengono fatti sparire alla chetichella. Come molte prostitute e prostituti e bambini e altra paccottiglia dell'Impero che intaserebbe i conteggi statali.
      Sugli Americani in Giappone posso dirti che tutti gli ufficiali che si rispettino vogliono stare comodi, mangiare bene e rilassarsi. Di qui la scelta. Smerdare un'altra nazione, poi, per qualcuno di loro, suona anche patriottico.

      Elimina
    2. Ammazza Alceste, rileggendomi ora noto che ho fatto piu' errori di sciatteria io di un militare italiano in carriera.
      Spero di essere perdonata, scrivo per rilassarmi e in tale frangente ho il brutto vizio di non rileggermi. Poi la tastierina luminosa aumenta lo strabismo.

      Il muratore a ben vedere e' uno di quei mestieri che davvero gli italiani non vogliono piu' fare, sostituiti dai marocchini, poi albanesi ed ora rumeni. Tutti, devo dire, a mio parere, con abilita' manuali superiori all'italiano medio.
      Invece preconizzo che il poliziotto o il carabiniere, abbreviato polcar, sara' uno di quei mestieri che gli immigrati e i gruppi che si ritengono deficitari di diritti (ad esempio lgbt o le donne haha!) vorranno fare per dimostrare la loro fedelta' e servizio alla patria, e tutta la loro "bonta'" e utilita' sociale a protezione dei diritti altrui (in particolare i loro!). Gli altri, gli spacciatori e i rapinatori saranno solo compagni che ogni tanto sbagliano.
      Concordo con il commento di Antonio sotto.

      Cari saluti,
      Ise

      Elimina
    3. Devo assolutamente dissentire, pur con garbo, con la cara Ise...l italiano medio "vero" abilità manuale ne aveva tanta e anche molta di più di rumeni, marocchini et similia, il discorso é solo che loro fanno oggi la vita che facevamo noi, prima. In Italia e nel mondo. Niente altro. Muratori rifiniti é piena la provincia italiana, ancora oggi.

      Sulla faccenda in questione non mi esprimo perché vedere come ci siamo ridotti fa già abbastanza male, é comunque una vecchia storia...

      Elimina
    4. Benvenga il dissenso caro Sitka, soprattutto se portatore di buone notizie!
      So che la mia e' una generalizzazione, rispecchia pur sempre quel che ho constatato dal poco che ho visto.
      Come disse qualcuno: "to say anything involves making generalizations, while constantly noting exceptions quickly devolves into saying nothing"...
      Pero' lo spero davvero che non si sia persa la destrezza manuale tra gli italiani...ora volenti o nolenti mi sa che dovranno comunque riutilizzarla.

      Un caro saluto,
      Ise

      Elimina
    5. "Scelgono sempre i posti piu' belli per le loro basi, come fossero programmati per distruggere bellezza."

      È proprio così (chi si ricorda Norton in una delle scene finali di "Fight Club"? "Volevo distruggere qualcosa di bello...").
      Un mio famigliare, che aveva là lavorato negli anni Settanta, rimase allibito nello scoprire come, ai tempi di "Iraqi Freedom" (sic), gli Yanks avessero fatto un parcheggio per MBT di uno dei principali siti archeologici dell'Iraq.
      Del resto si sa chi ha distrutto Palmira e chi l'ha liberata.

      Quanto all'abilità manuale, dice bene Sitka.
      Gli italiani l'avevano... oggi non più (salvo eccezioni che confermano la regola).
      Anche questo è stato voluto.

      Ciao.
      Luigi

      Elimina
    6. Si, sono come serpi che s'insinuano ovunque trovino luoghi o culture incontaminati e vi iniettano il loro veleno, intestinale o artificiale che sia. Questo e' il succo centrifugato del loro export.

      Un saluto a te,
      Ise

      Elimina
  4. Per me questo sacrificio umano raccoglie tutti gli elementi che Alceste descrive in questo preziosissimo blog. C'è tutto. La nuova umanità di teneri esserini del futuro all'occorrenza trasformata in assassini senza pietà. La riduzione di una delle città più antiche ( e belle) del mondo in un supermercato della bamba. Addirittura il falso allarme dei due africani ( vero colpo da maestro) lanciato per fare uscire allo scoperto tutto il risentimento dei subalterni per piazze storiche occupate da spacciatori degli united colors giorno e notte , durato giusto il tempo per permettere di poter etichettare come nazista chiunque si lamenti della nostra quotidianità. Il tatuaggio con la croce rovesciata contro il rosario sulla bara,la solitudine del moderno carabiniere lasciato scannare senza che nemmeno un collega piantasse una pallottola in testa all'assassino,la tradizione cattolica dei riti in chiesa contro le nuove leve della Monarchia Universale provenienti direttamente dal cuore dell'impero. Come se non bastasse e'arrivata subito la benda a controbilanciare il delitto per la vasta schiera dei nuovi uomini anticipatrice di future assoluzioni o estradizioni, la visita dei politici in carcere per verificare lo stato di salute del californiano nello spietato regime attuale,le versioni contrastanti, i buchi temporali etc. Insomma un fatto di cronaca nera che racconta molto di più di un trattato di sociologia che a mio avviso apre la porta al nuovo universo che sapientemente Alceste ci indica dove un uomo in divisa del sud può essere macellato in pieno centro perché accorreva in soccorso di un pusher denunciante, una rappresentazione del mondo al contrario che viene svelata sotto i nostri occhi. I viaggi a Lourdes,le nozze in uniforme, il credo religioso contro il nichilismo chimico di due annoiati provenienti dal futuro prossimo. Mi capita sempre più spesso di entrare in qualche antica chiesa della mia città e cercare l'acquasantiera perché ormai è una lotta impari. Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il povero Cerciello è un doppio sconfitto, al nostro stesso modo: come Italiano e come latore di valori dell'Antico Ordine. Provo pena e rabbia insieme. Vedo che, ogni giorno, la prima Arma dell'Italia degenera in un poliziottame all'acqua di rose. Perché hanno deciso non di contrastare il crimine, ma di contenerlo: il crimine, infatti, non è più crimine bensì una sfumatura del comportamento umano. Quand'ero adolescente il vigile di quartiere di correva appresso con la motocicletta (e ti stangava) se avevi modificato un tubo di scappamento. Adesso mignotte, drogati e mercanti di carne sono tollerati, in vista della legalizzazione prossima ventura.
      Sulla chiesa mi esprimerò. Sulle acquesantiere ho già battibeccato varie volte con numerosi preti: nella vasca di marmo (sempre secca) mettono a malapena una ciotolina di plastica ... credo che equivalga a una bestemmia. Anche loro si smilitarizzano, si secolarizzano, vogliono la moglie e presto il marito. Di Dio non sanno che farsene, non riconoscono più le parole i concetti, si sono riempiti di preti che non sanno pronunciare "Gesù" e "zizzania", sono in via di smobilitazione. Amen.

      Elimina
    2. L’altra domenica sono andato a visitare il Santuario dell’Arcangelo Michele di Fisciano (SA). Un posto meraviglioso, una chiesa realizzata in una grotta risalente all’alto medioevo http://www.santuariosanmichelecarpineto.it/it/photogallery/la-grotta-medioevale-1 . Dato che c’ero decisi di restare a sentire la messa, per rispetto del Principe delle Milizie Celesti. È stata una cosa disgustosa: il prete vestito con scarpe antinfortunistiche e un pantalone da lavoro, sbracato, con la camicia semiaperta e il collarino ciondolante; la messa, recitata un po’ in italiano e un po’ in napoletano, aveva come argomento “l’accoglienza” di Gesù nella casa di Marta, ma vi lascio immaginare dove sia andato a parare. Mentre lo ascoltavo pensavo a come sia stato possibile passare dalla messa in latino a quella in italiano, a quella in napoletano. Saluti, EB.

      Elimina
    3. L'abbandono della divisa precede il "rompete le righe" a ogni livello. Per un caso paradossale, ma non troppo, chi tiene ancora alle divise sono le multinazionali: hanno da reggere un impero, loro.

      Elimina
    4. Anche io trovo indecente la riduzione della messa a un comizio di un medio sindacalista della funzione pubblica. Come lo scarno arredamento delle chiese moderne,l'assenza delle candele e del profumo d'incenso,la quasi scomparsa di campane e campanari. Per recuperare una parvenza di rito religioso consiglierei per chi ne avesse l'occasione la messa del "vetus ordo". Ho seguito la messa il giorno di Pasqua,in latino con coro gregoriano della vicina accademia musicale, un'esperienza molto interessante per chi come me ha sempre e solo seguito le funzioni post Concilio. Nessun appello alla salvezza di panda,alberi e accoglienti vari ma semplicemente la strada da seguire per chi desidera arrivare al regno dei cieli. Unica concessione alla modernità l'omelia in italiano officiata di fronte ai fedeli mentre il resto della funzione veniva recitato di spalle alle navate. Se devo trarne un insegnamento posso solo affermare che comunque il Nemico dispone di tali e potenti armate da sconfiggere facilmente anche gli ultimi baluardi, visto che come ammoniva qualcuno si è messo a capo dell'unica vera Tradizione che poteva contrastarlo.
      Antonio

      Elimina
    5. "Vedo che, ogni giorno, la prima Arma dell'Italia degenera in un poliziottame all'acqua di rose"

      È quello che hanno voluto.
      Da prima arma dell'Esercito a ultima Forza (dis)Armata.
      Ovviamente c'era un prezzo da pagare.

      Parlandone del tutto in generale, lo svilimento oltre ogni decenza del "mestiere delle armi" (con l'ultima ferita, mortale, della sua effeminizzazione) è stato uno dei colpi da maestro del Grande Vecchio...

      Elimina
  5. Devo dire che il vecchio leone Massimo Fini qualche zampata riesce ancora ad assestarla....in mezzo ai pianti delle prefiche di stato, della retorica di regime, possiamo sussurrare senza essere tacciati di antipatriottismo che scuola e forze armate sono state e sono ancor oggi (forse meno di una volta) la discarica per gente che altrimenti nella vita avrebbe ingrossato le fila delle mafie di quartiere o venduto orogologi di contrabbando.
    Personaggi appesantiti da pizze fritte e sfogliatelle che tirano a campare sperando di non trovarsi mai in situazioni di vero pericolo, che come abbiamo visto non sono in grado di affrontare.
    Nel mio piccolo paese vedo ogni tanto gironzolare qualche macchina dei carabinieri a consegnare notifiche e fare i postini....auto della polizia neanche traccia, non ne vedo da mesi, polizia locale....qualche volta a staccare multe o per lo più a bere caffè in qualche bar.
    Per non parlare delle ronde interforze....qualche tempo fa una pattuglia formata da due poliziotti con la panza da birra, la barba da tre giorni, i capelli unti e tre ragazzette militari con il mitra più grande di loro.
    Siamo oltre il ridicolo, l'ipocrisia e il pianto facile imperversano su uno stato finito, capace solo di imporsi nella ferocia e impersonale brutalità amministrativo/burocratica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potremmo citare GAber col suo "falso pietismo per il carabiniere". Stavolta, però, credo che Cerciello sia una doppia vittima: del Potere che usa la lacrima per occultare i propri fini, e come Italiano latore dell'Antico Ordine.
      I Carabinieri sono così perché li hanno voluti così, di fatto smilitarizzati. Al di là di qualche fatto di sangue non si muove foglia. Ho già raccontato la storia dello scippo di mio nonno, molto paradigmatica. Li han fatti diventare, poi, i vecchi caramba delle barzellette, dei perfetti burocrati, culi di piombo col PC.
      Presto i migliori di loro confluiranno in una Polizia Europea che si occuperà, senza sudare troppo, dei teneri esserini del futuro. I vecchi piantagrane pian piano moriranno lasciando eredi incapaci di soffiarsi il naso. Scomparirà la polizia di Stato e anche l'esercito, l'antico Sturmtruppen. Il controllo sarà totale. I fatti di sangue diverranno più rari. Le legalizzazioni taglieranno via metà del Codice Penale. La vedo male anche per i penalisti. Sette miliardi di bruchi a vedere la finale di Supercoppa (arbitrata da una donna, non sia mai. Le tangenti per il Mondiale in Qatar sono già incassate, ora bisogna rifarsi la faccia con queste stupidaggini qui).

      Elimina
  6. Guardate che voi Italiani avete una colpa mastodontica da farvi provar vergogna fin di stare al mondo ,siete diventati LA porta d'ingresso Dalla quale arriva tutto sto ben di Dio colorato , su di voi grava una colpa enorme quella di non fare niente per contrastare l'invasione , I carabinieri e LA polizia si adeguano al popolo che devono difendere ,un popolo di Vigliacchi avra' le forze dell'ordine che si merita , e poi xche' stupirsi di un Americano che gira col coltello ,ma avete visto per caso che energumeni girano per le vostre citta dei negroni ispanici musulmani che occupano intere carrozze ferroviarie bus piazze ecc , state diventando un orda afrikana , l'unica cosa che fa Salvini e' cacciare qualche urlo isterico da sagra della porchetta urlo inutile s'intende Giusto per guadagnarsi LA vostra simpatia tanto lo sa anche lui per primo di non Valere niente ormai e' diventata una comica LA sua e' una recita stucchevole inscena delle macchiette delle scenette da carosello parla da solo come I matti scuote un po le catene per LA platea davanti al telefonino e tutti che rimangono estasiati di coglioneria mah !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo compreso il tuo punto di vista cento commenti fa.

      Elimina
  7. Il mio pensiero della domenica per il pueblo italico:

    Qui e' gia' tre settimane che c'e' l'allarme Ebola. Il 18 luglio WHO ha diramato l'allarme globale dell'epidemia (si va beh puo' essere il solito spaventapasseri tipo Sars, aviarie che non decollano mai ecc. Ma prima o poi alle prove generali potrebbe seguire il debutto no?); il governo giappo ha diramato l'annuncio che tutti coloro che provengono dal Congo e dall' Uganda (ma pure Guinea, Liberia, Sierra Leone, Costa d'Avorio...preferiscono prevenire piuttosto che curare), o che hanno visitato quei posti meno di 3 settimane fa, vanno messi in quarantena per essere esaminati. Per fortuna non han pensato di estendere la quarantena a coloro che provengono dall'Italia, non sanno ancora cosa succede li'.
    Ora dico: c'e' una (ulteriore) buona ragione per non far entrare a casaccio persone dall'Africa, non sprecatela.

    Poi leggo sempre piu' di africani con problemi psichici in Italia perche' han subito traumi e torture in Libia.
    Dico: siamo attrezzati per affrontare anche i problemi psichici altrui (oltre che quelli di noialtri-non specifichiamo chi)?
    Soprattutto: ci rendiamo conto/ si rendono conto che vengono schiavizzati, traumatizzati e quindi resi psichicamente disabili, inabili per poter affrontare quel che comporta l'inserimento in un paese totalmente alieno dalla loro cultura? Perche' non si crea una Ong che vada nei loro paesi a spiegare queste cose e a portare esempi di quel che li aspetta? O che vada in Libia a chiudere quei lager?Dove sono i difensori dei diritti umani? E i difensori del benessere e della sicurezza pubblica italiana? Anche loro potrebbero darsi da fare per diramare l'allarme malattie psichiche croniche che affliggono irrimediabilmente gli immigrati, togliendo loro ogni possibilita' di costruirsi un futuro migliore e mettendo a rischio la sicurezza pubblica.
    Questa non e' cattiveria ma la cruda realta' ed il senso dell'esistenza di nazioni e cittadinanza, che comporta diritti e doveri, priorita' e protezione dei propri cittadini.
    Purtroppo in Italia qualsiasi discorso ormai viene manipolato e distorto al punto da creare un cortocircuito nel ragionamento (fallato in partenza) che porta le persone ad abbandonare la concatenazione logica conclusiva e a cedere alle false ragioni-senza senso-dei manipolatori.
    Questi cortocircuiti andrebbero evidenziati e rispediti al mittente come sintomi seri di malattia mentale.
    Ise

    RispondiElimina
  8. Ahhh visto che sono tutti in vacanza mi permetti alceste un tete a tete ,2 cose che ti consiglio a te e ai tuoi adepti " " diventa CIO' che sei" e io lo so cosa sono gli italiani io ho tempo vedo tutto vi osservo vi conosco fin nelle mutande a me non la si fa non mi fregate , tu non sai alceste che fatica fanno I nostri padroni nel nasconderci I migliori del gregge! non hai un idea come sia difficile ,avete quella persona LA' nel sangue , detto CIO ' ti consiglio alceste un film " soldato ignoto film completo " mi ha spiazzato sto film ,mentre invece da sentire " esbe behind closed eyes" , ti ho dato del tu mi scuso ma appena ritornano I tuoi utenti mi rintano e non ti disturbo piu

    RispondiElimina
  9. Ma magari mignotte, drogati e mercanti di carne fossero legalizzati. La società non potrà altro che averne enormi benefici, e le forze dell'ordine si potranno dedicare a combattere i crimini veri e non quelli inventati.

    RispondiElimina

Siate gentili ...