lunedì 16 luglio 2018

Young Signorino


Roma, 16 luglio 2018

Anni Settanta. Squilla il telefono nell’elegante casa di Renato e Cini Boeri.
Il domestico solleva la cornetta, la pone con calma all’orecchio; sente gracchiare una voce: dall’altro capo del filo qualcuno reclama il giovane Tito. Il sottoposto di classe non si scompone; ne ha viste tante; solo dichiara: “Il signorino Tito non c’è, è fuori a fare la rivoluzione”.
Formidabili quegli anni!, sentenziò, in un suo goffo libro, Mario Capanna, già coordinatore di Democrazia Proletaria. Capanna fu uno dei volti belli della sinistra d’antan, assieme all’indimenticabile Lucio Magri, co-fondatore de “Il Manifesto”, atletico e abbronzato, amante di Marta Marzotto, conosciuta in casa di Eugenio Scalfari - la bella Marta, a sua volta amante di Renato Guttuso che la immortalò, gnuda, in numerosi, orridi, teloni a olio. Magri, intelligente e rigoroso, completamente disinteressato alla classe proletaria, di cui ignorava tutto, ma assai esigente in alcuni ambiti extraparlamentari: “Guai se per il gigot d’agneau non c’erano il purè di mele e la salsa di menta: non ci si poteva sedere a tavola. O se i chicchi di caviale non erano g-g-g … grossi grani grigi”.
Disinteressato agli ultimi? Ho sbagliato, lo riconosco; sono stato ingiusto. Mi correggo: egli, pensoso e infelicissimo, come dichiarò - a Magri morto - la Marzotto, era, invece, prepotentemente assorbito dalle superne cose de l’etternal gloria (della sinistra): tanto superne da situarlo stabilmente (e inevitabilmente) fuori delle pulsioni del proletariato. Un fenomeno che venne testimoniato plasticamente da una Tribuna Politica in cui il Nostro, quale esponente del PDUP (Partito di Unità Proletaria, appunto), rimase imparpagliato davanti alla domanda d’un giornalista che gli chiese conto del prezzo d’un litro di latte: i vani bofonchiamenti di risposta testimoniarono le sue esclusive, celesti, preoccupazioni.

Così va il mondo; o meglio, così andava nel secolo ventesimo.
Ma torniamo a Tito. Nipote di un Deputato del Regno d’Italia (Giovanni Battista Boeri, Gran Maestro della Massoneria nella loggia Giuseppe Garibaldi, quindi fascista, nel 1924, poi antifascista, non si sa quando, e, finalmente, Senatore, stavolta della Repubblica Italiana), e figlio dell’architetta Cini Boeri (al secolo: Maria Cristina Damiani Dameno) e dell’illustre neurologo milanese Renato, già comandante di una banda partigiana assieme al fratello Enzo.
I fratelli: Sandro (giornalista di Panorama e direttore di Focus, di largo successo) e Stefano (architetto e urbanista, di largo successo, e politico, di largo successo pure qui, e rivoluzionario, nel Movimento Studentesco del 1975, tanto rivoluzionario che fu rinviato a giudizio per la morte di Claudio Varalli, suo compagno di lotta, caduto durante l’aggressione “rapidissima, premeditata, violentissima” contro lo studente del FUAN Antonio Braggion; Braggion, vistosi perduto a fronte di trenta uomini, prima si rifugiò nella propria auto, poi esplose tre colpi di pistola. Varalli rimase a terra; gli altri, fra cui Boeri, fuggirono. Fu istruito il processo. Ci si predispose alla sentenza esemplare fra notevoli strepiti di trombette. Il Caso, tuttavia, imperituro signore delle vicende umane, volle che intervenisse, in tal caso - un caso con la minuscola, però - il pietoso istituto giuridico della prescrizione; intervenne a lenire ferite morali e fisiche e umane e storiche come nardo di Betania: di tutti, di tutti! ... non di Braggion, tuttavia, che si beccò dieci anni complessivi, poi ridotti a sei, per eccesso colposo di legittima difesa: un comportamento che, se non altro, gli salvò la pelle, a differenza di Sergio Ramelli, morto un mese prima, povero lui, col cranio spaccato dalle chiavi inglesi Hazet 36, dopo un’agonia terribile).
Voi direte: ma dove vuole arrivare questo?
A poche cose.
La prima. Di questa gente, i vari Boeri Veltroni Fedeli Boldrini e gli altri pontieri della sinistra, occorre fidarsi come Don Vito Corleone si fidava di Hyman Roth: zero. Un consiglio che dispenso ai più saggi. Boeri e compagnia (e tutti coloro che vi cedono, compresi alcuni esponenti della destra) vanno sradicati dall’Italia. E non a parole.
La seconda. Boeri è di sinistra e, quindi, quanto di più lontano dal socialismo possa esserci. La sinistra italiana promana delle rivoluzioni colorate del 1968 e dintorni, ordite proprio per depotenziare il socialismo assieme a correi circensi come Marco Pannella. Distinguere i due ambiti sociali, storici, psicologici, antropologici è essenziale.
Esempio: il comunista vuole liberare l’uomo dall’ignoranza, la sinistra dal nozionismo. Risultato: mai visti tanti ignoranti.
Il comunista vuole liberare l’uomo dalla povertà, la sinistra fa della povertà una bandiera fashion (e, infatti, mai visti tanti miserabili con l’I-Phone come oggi).
Il comunista crede nell’eguaglianza dei diritti materiali, la sinistra nell’espansione dei diritti civili (cioè a niente).
Il comunista è fuori della Storia, ormai; la sinistra, invece, è la Storia. I festeggiamenti della Coppa del Mondo (e lo sport olimpico-ecumenico) sono di sinistra; il capitalismo angloamericano è di sinistra (ma questo è matto! per questo ci vuole la camicia di forza!); Giovanni Agnelli, chez Eugenio Scalfari, laico confessore con la ruga sulla fronte, fu di sinistra; Juncker è di sinistra, come la Merkel; Beyoncé è di sinistra, come i telefilm americani, Don Matteo e la Blackwater; Berlusconi è di sinistra; George W. Bush è di sinistra; il Vaticano è di sinistra; Equitalia è di sinistra; i Neo-Con americani sono di sinistra; la FAO, l’UNICEF, l’EURO, Draghi, la Banca Mondiale sono di sinistra; Luttwak e la Boldrini sono di sinistra; l’Oscar e il Premio Strega sono di sinistra, come gli sceicchi e Cristiano Ronaldo e la regina Elisabetta II; la tecnologia è di sinistra, come il botulino; il Live Aid è di sinistra così come i tagliagole di Palmira e il sessuomane Michel Houellebecq; anche la destra è di sinistra come le parabole sinistre di Giorgia Meloni e Giuliano Ferrara ci testimoniano abitualmente.
La sinistra è solo la nuova vaselina escogitata dal potere. Come possiamo far accettare a otto miliardi di belinoni una schiavitù dolce e una esistenza piatta, miserabile, stupida, idiota? Con lo stato di polizia, la guerra, la repressione? Macché, molto meglio Imagine (Imagine there’s no countries/nothing to kill or die for/and no religion too/imagine all the people living life in peace …).
La sinistra è un modo di governo, un inganno al contrario, uno specchietto per allodole, un trucchetto per far scalciare le mandrie del cretinismo digitale (fascista! comunista!).
Il Potere è apolide, parassita, invasivo, piratesco. Prima o poi dovrete abbandonare le finte trincee ideologiche e grattarvi pure questa bella rogna, l’unica vera rogna da grattare oggi: un po’ più a destra, un po’ a sinistra, sotto l’ombelico e dietro la cucuzza, dove volete voi.

54 commenti :

  1. È esattamente ciò che penso! A proposito, che "imagine" sia la canzone più brutta e infida della storia è stato argomento di molte mie litigate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infida, infida ...
      Yoko Ono ha intortato New York, figuriamoci un semplice come Lennon.

      Elimina
  2. Bell’articolo; continuo a seguirti. Complimenti! Riguardo alla sinistra e alla sua storia, dal marxismo al sessantottismo, consiglio questo libro: (https://archive.org/details/GianantonioValliICompliciDiDio2 ; sono otto libri; quello a cui mi riferisco è l’ultimo: “dietro la bandiera rossa”) . Mi è venuto in mente quando hai detto che “il Potere è apolide, parassita, invasivo, piratesco”, ti lascio immaginare a quale razza/religione/etnia abbia pensato. Saluti,
    Enrico Barra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'unica razza è quella dei parassiti, intesi zoologicamente.

      Elimina
  3. Non mi ricordo quale dirigente del partito comunista cinese disse (piu' o meno): "il comunismo e' la via piu' lunga per il capitalismo". Dal mio punto di vista, comunismo e capitalismo sono sempre stati la stessa cosa, ovvero specchietti delle allodole. Comunismo e capitalismo sono stati la cortina fumogena che ha nascosto, e che continua a nascondere alle masse il vero potere: quello occulto e finanziario, di cui le masse cominciano ad avere solo ora un vago sentore. Dai alla massa due falsi bersagli (Hegel docet) ed intanto la fai arrosta! Capitalismo e comunismo, destra e sinistra... morte al fascista, W Juventus (alla Abatantuomo)! Ovviamente il giovane idealista, sempre di famiglia ricca e borghese, e' perfetto per la parte: mica deve lavorare? Guadagnare un sudato stipendio? No: lui e' nato per scopi superiori! Spaccare le teste a sprangate al nemico di classe, spesso un'innocente malcapitato. Quanti innocenti fatti a pezzi da cotal filosofi del sistema. Poi il giovane idealista, esperto di Marx e di fascismo e con il libretto rosso di Mao in tasca (ma con un bell'attico nel centro storico di Romamilanofirenzeecc, a volte anche a New York), con il conto in banca mai in rosso, con magari qualche comparsata nei talk show qui e la per la giusta causa, sicuramente con tanti cortei all'attivo (quindi comunista di sicuro), un giorno il giovane idealista diventa di sinistra: dal brutto e grigio bruco finalmente e' nata la farfalla! Libertaria ovvio, presenzialista, gay friendly, europeista, globalista, vaccinista, pro euro e ben incistata nei ministeri di uno Stato che, sia da bruco che da farfalla ha pezzo dopo pezzo divorato, svuotato. Ma sempre per il bene del proletariato, s'intenda! Povero ex-proletario (non saprei come chiamarti: ti hanno rubato anche i figli). Quanto ti hanno preso per il culo. Lui, il giovane idealista, inetto e di bella presenza, ma feroce (oggi anche un po vecchio), se lo guardi bene in realta' non e' mai cambiato. E' sempre stato colui che ti ha usato ed odiato, ed adesso, che sospetta che tu lo voglia mollare, semplicemente ti sta sostituendo con coloro che saranno i nuovi schiavi futuri, che degli schiavi di americana memoria hanno pure il colore della pelle e che gli tributeranno pure gli onori (voti) che si tributavano migliaia di anni fa ai faraoni d'Egitto. Se lo lascerai continuare indisturbato il trucchetto, ovvio. Lui, il tuo padrone vero, e' rimasto sempre lo stesso: lui e' sempre stato il tuo principale nemico, ben vestito da "amico". Ops... Compagno. Oggi ha solo gettato la maschera, dichiarandosi per quel che e'. E di questo lo devi in fondo anche ringraziare: alla fine e' stato onesto. Caro ex-proletario, caro operaio precario, caro disoccupato o esodata, cara disossata, caro espatriato cameriere a Londra, che vivi in un bel grattacielo rosso costruito (dai soliti "amiconi") per incendiarsi alla prima occasione, cara pensionata che vai a rovistare nel cassone dell'immondizia, caro imprenditore sull'orlo di chiudere bottega per usura bancaria e che stai pensando al suicidio: ecco, ora sta a voi ora pagare costui con la giusta moneta. Un caro saluto a tutti. Anonimo di nome R

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il comunismo, i comunisti e la sinistra son tre cose diverse, almeno da noi. Il comunismo fa parte dell'ottimismo ottocentesco, in questo simile al capitalismo. I comunisti, italiani almeno, furono un sacco di cose: molti li conobbi ed erano veri socialisti. La sinistra è il capitale finanziario, ormai, i figli di papà e i Katanga digitali.

      Elimina
  4. Ci piace l'Alceste da battaglia, con meno condizionali e passati remoti, e più indicativi, prossimi e presenti. A' la guerre comme à la guerre . Adesso non resta che partire all'attacco di tutti i sinistri alla maniera di Lawrence D'Arabia, come Peter O'Toole alzando la scimitarra mentre grida: "Niente prigionieri!".

    RispondiElimina
  5. "Andate tra i popoli e avvelenate ogni cosa nelle loro maledette case,
    togliete l'aria con i vostri miasmi; ed ognuno semini ovunque il seme della decadenza, passo dopo passo! E colga il vostro occhio il giglio più puro dei loro giardini, sicché annerisca e avvizzisca; e cada il vostro sguardo sul marmo delle loro statue sicché vadano in pezzi! [...] Non dimenticate neppure il vostro riso, il riso amaro e maledetto, quello che uccide ogni cosa che vive".

    Si parla dei soliti che 2000 anni fa fecero fuori una brava persona a noi cara. Il male assoluto insieme ai sinistri.

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il socialismo è che vai alla ASL e fai la lastra subito, se ne hai davvero bisogno, da uno che lavora per la ASL e basta.

      Elimina
    2. Eh oddio quello succede gia da qualche parte (non da noi), magari subito subito non proprio...

      Elimina
  7. Grazie a questo blog che mi ha fatto conoscere Gianantonio Valli. Un uomo di una cultura storico-politico-letteraria mostruosa. Sto cominciando ora a leggere le sue opere al link citato in un commento precedente. Gli argomenti che tratta sono tabù, ma proprio per questo testimoniano il coraggio e il valore di questa persona.

    RispondiElimina
  8. A tutto l'agire umano, alla "storia" ha già dato una risposta senziente, profonda e incontestabile l'autore, (il genio dimenticato, anzi cancellato ex post) che lei, caro Alceste, ha citato in un post precedente: Konrad Lorenz. A chi è interessato alla comprensione dell'agire umano consiglio perciò, la lettura del tomo di 400 pagine "l'altra faccia dello specchio". Una lettura impegnativa, per umani senzienti; Lonrez spazza via Kant nella... prefazione!
    Grazie Alceste per questo indimenticabile post con dettagli storico-biografici degni di una indagine di Sherlock Holmes! E, davvero impagabile la foto del Boeri pseudo rivoluzionario riccioluto!
    Davvero un lavoro eccellente.

    cordialmente
    Il suo fedele Watson
    Federico

    RispondiElimina
  9. Per Federico Parigi:

    Caro Watson, sono cose che si conoscono bene. Assemblarle in un certo modo fa scaturire un lampo di indignazione nuovo.
    Altre cose, che pochi conoscono, non si possono dire. Alcune altre, che conoscono pochissimi, non possono dirsi, invece, perché il blog non reggerebbe un minuto.
    Lorenz l'ho citato varie volte con la speranza che, prima o poi, ci si decida a leggere gli "Otto peccati", un libretto micidiale.
    "Lo specchio" voglio leggerlo questa estate.

    RispondiElimina
  10. Altre cose, che pochi conoscono, non si possono dire. Alcune altre, che conoscono pochissimi, non possono dirsi, invece, perché il blog non reggerebbe un minuto.
    Alceste, di che si tratta?

    RispondiElimina
  11. Per Giuseppe:

    Perversioni sessuali (immonde) e tangenti (sulla scrivania) di alcuni altissimi dirigenti della sinistra.

    RispondiElimina
  12. La sinistra, la destra..

    Oggi esistono solo poche possibili distinzioni:

    -chi capisce (e gli girano)
    -chi potrebbe ma dorme
    -chi non lo capirebbe nemmeno in tre vite
    -chi a cui va bene che le cose continuino sul presente binario

    Sono tempi bui, sembra impossibile anche solo immaginare una rinascita.
    Ma cosa dovremmo fare?
    "Rimanere così? Magari un po perplessi, sui treni fuori orario o aspettando un passaggio (che non verrà)"???[C.C.C.P.]

    Profetico Lindo Ferretti, nel 1989 in B.B.B.:

    E' tempo di disprezzo
    E' tempo di compassione
    E' tempo di disgusto

    E' tempo di rimozione
    Di cervelli azzerati
    E' tempo di insoddisfatti
    E' tempo di pentimenti
    E la voglia di vivere in un'Europa inutile
    Serpeggia sotterranea e non riaffiora
    E non è tempo di assaltare il cielo
    Neanche di talpe
    Inutili come le spiegazioni
    Tempo di miserie tempo di pulsazioni
    Tempo di miserie tempo di pulsazioni

    Boomerang primitivi tornano incontrollabili
    Sgravidano ossessioni sulle città splendenti
    Di passate razzie di futuri spettacoli
    Di viaggi solitari di percorsi arroganti
    Sono finiti male senza proclami senza giubilei
    Nelle piccole storie nelle teste pensanti
    Nelle vite spezzate ricucite alla cazzo
    E non si torna a casa
    Si rimane così
    Si rimane così
    Si rimane così
    Magari un po' perplessi
    Sui treni fuori orario
    Scendendo scale mobili
    Aspettando un passaggio






    RispondiElimina
  13. Butto a caso per i curiosi:

    Marc Dutroux
    Pacciani
    Il Forteto
    Comet Ping Pong

    Piccole punte affioranti, tra le tante, di un iceberg enorme
    Su tutto, invariabilmente, una costante: insabbiamenti a tappeto, si finisce sempre per conoscere l'oste ma gli avventori della locanda... mai! Ma che dico.. quale locanda? quali avventori? circolate gente, circolate, non c'è niente da vedere.. malelingue! solo malelingue!

    Mi ricordo inoltre di racconti pubblicati da qualche blogger folle, di una presunta vittima di soprusi infantili che a molti decenni dai fatti s'era deciso a raccontare. Il gioco atroce a cui gli adulti li costringevano si teneva -mi pare- in una grotta sul lago nel parco di una villa da miliardari, nel nord Italia. Gioco d'azione: gladiatori nemmeno adolescenti, bambini fatti accompagnare dai genitori..... bambini costretti a uccidere altri bambini per non finire ammazzati o mangiati dal coccodrillo. Rettile ivi mantenuto quale comodo "cestino dell'organico" per un riciclo etico, solidale ed eco compatibile.

    Sicuramente fanfaronate di uno squilibrato mitomane, del resto chi altri potrebbe immaginare simili assurdità??!!

    Poi ci sarebbe l'intervista di Ronald Bernard su YouTube .. 39 minuti interessanti ..

    Sicuramente altre fanfaronate di un altro squilibrato mitomane. Sicuramente, e che diamine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti stai addentrando in un labirinto micidiale dove ogni svolta nasconde un'insidia ... o la verità o una sciocchezza. È un soggetto terribile, da esaminare con mille cure.

      Elimina
  14. Bel post. Forse sarebbe il caso di fare una profonda disamina delle liaisons dangeureses fra la sinistra e la Finanza. E allora si scopre che anche Barroso-Goldman era maoista e occupato molte ore al giorno a "fare la rivoluzione". E pure il "signorino" Gentiloni amava l'eskimo e si era innamorato di una piccola principessa "rossa" dal nome Lucrezia Reichlin, figlia di due "rivoluzionari" da London School of Economics, la scuola prestigiosa alla quale iscrissero il loro pregiato rampollame.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutta la corrente migliorista era già proiettata al futuro, cioè all'oggi. Napolitano fu la chiave di volta americana per distruggere il partito. Le relazioni endogamiche, poi, furono leggendarie.

      Elimina
  15. Guardi, se dovessero mai chiuderle il blog, scriveremo il suo nome sui muri di tutte le citta'.

    RispondiElimina
  16. Young Signorino (pericoloso figlioccio di Satana).
    Segnalo a tutti su Youtube il canale interessante:

    SGTreport

    narra del disastro "marxista comunista" negli USA oggi.
    Segnalo in particolare, ed in accordo con la religione professata apertamente dagli "Young Signorino Friends":

    SGT Report Special:ILLUMINATI LUCIFERIANS TOTALLY EXPOSED

    IT'S A MIRACLE: Een Leftiest are WAKING UP!

    Must watch: #PEDOGATE DISFO OP & COVER UP

    The horror of FORCED Organ Harvesting EXPOSED

    e molto altro. Tanto per dare un'occhiata su cosa sta succedendo oggi negli USA (e quindi nel mondo), da un punto di vista americano e opposto a cio' che i padroni di Y S ci rifilano giornalmente da Tv e giornali "nazionali". Un caro saluto a tutti. Anonimo di nome R.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna stabilire se questo Signorino è scemo di suo o uno scemo preso all'amo, come spesso accade.

      Elimina
  17. Volendo indagare su certe cose ci si trova sicuramente in un labirinto.
    Ma dei casi citati nella lista di apertura del mio commento sono ragionevolmente sicuro.

    Per quanto riguarda gli altri due hai ragione.. ho sempre guardato al pelato che diffuse la storia della villa con un certo sospetto, e anche nella storia del finanziere pentito non c'è un singolo elemento verificabile..

    Resta il fatto che certi costumi siano ben radicati in determinati ambienti, e sebbene gli ultimi due racconti potrebbero essere (e magari lo sono) pura fantasia, al tempo stesso possono non essere lontani da fatti che in realtà accadono o sono accaduti in cornici diverse.

    La contro-spiritualità della salvezza attraverso il peccato ha una storia antica e ben documentata. Sicuramente è una contro-tradizione ancora viva ed i seguaci non sono pochi.

    E quale peccato è peggiore del tradire la fiducia di un bambino?

    RispondiElimina
  18. Ha talento il Signorino ed e' completamente sotto controllo. Di sicuro l'hanno preso all'amo e lo stanno costruendo molto bene. Le sue ultime "canzoni" sono geniali azioni di distruzione di cio' che rimane dell'ordine naturale. E hanno una presa incredibile sui ragazzini. I suoi video (dal punto di vista filmico) sono straordinari e la struttura musicale delle sue canzoni e' un passo avanti rispetto sia al genere Rap che a quello Trap (a cui apparterrebbe l'eroe). Penso che il Signorino di Satana avra' successo anche oltre oceano. Per cui permettimi di non essere compleyamente d'accordo con te Alceste: YS non e' scemo, e chi c'e' dietro di lui lo e' ancora meno. Ho usato precedentemente il termine "pericoloso" perche', appunto, dietro ed oltre il personaggio c'e' molto di piu'! Il potere satanico non e' stupido. Ed e' ben in forze! Date un'occhiata anche alla band italiana: DARK POLO GANG - Caramelle, oppure Diego Armando Maradona, oppure Sportswear (27.033.711 visualizzazioni su youtube ad ora) e chiedetevi perche' la magistratura non intervenga. Ai nostri figli, bambini o adolescenti, viene spacciata tranquillamente questa merda satanica! Un caro saluto a tutti. Anonimo di nome R

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un talento nel senso che è efficace sul target che si desidera imbonire. Il resto (la biografia, le dichiarazioni) sono costruite a posteriori, come per la musica pop, Hollywood e così via.

      Elimina
  19. Ma la cosa più divertente è "Young Signorino" riferito a Boeri...hahahahahajahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un vero young signorino, come Veltroni (a diciassette anni rischiò la pubblicazione per una grande casa editrice).

      Elimina
  20. Ricordando Moana Pozzi... che qualcosa sapeva...

    RispondiElimina
  21. E come scrive Valli sui rapporti tra ZOG e Ungheria, c'è da scavare sulla mafia del porno dell'est con la quale si intrattenevano e si intrattengono rapporti molto confidenziali con il potere politico, ecclesiale, bancario e imprenditoriale italiano e internazionale. (Alceste ha ragione su ciò che si può rivelare ed io come lui potrei dire, ma non lo dico, che ho visto cose che voi umani... ma questa è solo un'astrazione direbbe Gaber e la verità è un'interpretazione di fatti...ça va sans dire)

    RispondiElimina
  22. Ne abbiamo attraversate di tempeste
    e quante prove antiche e dure
    ed un aiuto chiaro da un'invisibile carezza
    di un custode.

    Degna é la vita di colui che é sveglio
    ma ancor di più di chi diventa saggio
    e alla Sua gioia poi si ricongiunge
    sia Lode, Lode all'Inviolato.

    E quanti personaggi inutili ho indossato
    io e la mia persona quanti ne ha subiti
    arido é l'inferno
    sterile la sua via.

    Quanti miracoli, disegni e ispirazioni...
    E poi la sofferenza che ti rende cieco
    nelle cadute c'é il perché della Sua Assenza
    le nuvole non possono annientare il Sole
    e lo sapeva bene Paganini
    che il diavolo é mancino e subdolo
    e suona il violino.

    RispondiElimina
  23. Per Poliscriba:

    basterebbe indagare la proprietà reale delle varie piattaforme pornografiche, da youporn a pornhub ...

    RispondiElimina
  24. Che come ben sai molte di queste sono intestate a morti...

    RispondiElimina
  25. Per Giuseppe:

    che se poi qualcuno osa dire qualcosa contro Battiato, apriti cielo...

    RispondiElimina
  26. Scusate, forse sono troppo naive, e sicuramente non ho il necessario bagaglio culturale/classico per riconoscere tutto alla prima... per questo vi prego.. spiegatevi meglio su Battiato, che mi interessa molto.

    Ingenuamente credevo fosse solo un bravo compositore impegnato in un percorso di crescita personale tipo "4a via" di Gurdjeff, forse solo un pò sciroccato..

    Ma non he ho mai seguito le interazioni sociali, le amicizie o i suoi contributi in ambiti salottieri.. in pratica non mi sono mai posto il problema.

    Certo è che, facendo mente locale, se il tipo è adorato in ambienti radical chic ci sarà un motivo.. aiutatemi a inquadrarlo.


    RispondiElimina
  27. Il ruolo degli “Sprepuziati” (chiamiamoli così) nel dissolvimento delle società, delle culture, delle identità, il loro fondamentale contributo al nichilismo, deriva principalmente dalla loro cultura e dal loro cosciente status di minoranza aliena alla cultura del popolo in cui sono ospitati. Gli “S” sapendo di non far parte del popolo con cui si trovano a convivere, tendono inevitabilmente a propugnare ideali di società aperte, a difendere le minoranze, sia etniche, che ideali, tendono a scardinare i legami sociali e culturali che tengono in vita i popoli, in quanto essendo loro una minoranza sanno benissimo che un popolo cosciente della propria identità, della propria cultura e della propria appartenenza razziale, finirebbe per espellerli sia dal corpo sociale che dal territorio nazionale vero e proprio. Questo comportamento non è obbligatoriamente cosciente. Uno “S” pur non sapendo di agire in senso distruttore di culture, agisce comunque in questo modo, in quanto sapendo di appartenere a una minoranza si trova inevitabilmente schierato a difesa di tutte le minoranze. La sua mentalità e cultura aliena alla cultura in cui è impiantato, lo porta a modificare la società autoctona in modo che questa non sia più una società monolitica, marmorea, ma al contrario sia una società frammentata e scissa in minoranze. Solo in questo tipo di società, lo “S” sa di poter vivere e prosperare tranquillo, perché in tali società lui non sarà più “la” minoranza, ma sarà “una delle tante” minoranze. Da ciò si comprende il ruolo che gli “S” hanno apportato alla distruzione della cultura europea negli ultimi due secoli. Gli ideali di egualità e tolleranza sono assolutamente necessari alla sua sopravvivenza in seno ad altre società. Da questa prospettiva si comprende l’apporto e l’appoggio degli “S” a tutte le ideologie dissolvitrici degli ultimi secoli: illuminismo, liberalismo, comunismo e mondialismo (globalizzazione). Anche nel campo della pornografia hanno ricoperto ruoli chiave. La pornografia vede nell’atto sessuale un mero sfogo libidinoso, vede nella donna un puro oggetto materiale su cui sfogare i propri istinti animaleschi. Il ruolo principale della pornografia, però, è quello di destabilizzante sociale, tendente a trasformare il rapporto tra uomo e donna dal punto di vista spirituale, di coppia che si unisce per perpetuarsi tramite la progenie, apportando il proprio contributo alla sopravvivenza della società, in puro atto sessuale edonistico. Questa trasformazione del modo di intendere i rapporti tra uomo e donna ovviamente distorce i rapporti sociali su cui la società si fonda, poiché distrugge il concetto metafisico di famiglia, come base, mattone su cui il corpo sociale e lo stato si basano (basti pensare alla repubblica di Weimar, dove pornografia e perversione erano propedeutici al dominio sociale, politico ed economico degli “S”). In una società sana la pornografia non sarebbe nemmeno concepita (ma voi riuscite a immaginarli, gli antichi romani, che si riuniscono in un teatro a masturbarsi guardando un uomo ed una donna che fanno sesso? Magari un bel negrone africano e una donna germanica?). Ovviamente quando parlo di società sana non mi riferisco ad una società puritana, realmente “sessuofoba” in cui il sesso era considerato vero e proprio peccato; anche questo estremismo è antisociale. In una società tradizionale, la libertà sessuale esisteva realmente ma era casta, oserei dire quasi pura e non solo da parte maschile, ma anche femminile. Il rapporto tra uomo e donna (anche quello sessuale) era spontaneo, non era vissuto ne come peccato, ne come ricerca di un piacere animalesco. Mi scuso per eventuali errori di ortografia e sintassi. Buona giornata,
    Enrico Barra.

    RispondiElimina
  28. Geniale "gli Sprepuziati"! Ma Battiato e' anche lui "S"? Curiosita'! Un caro saluto a tutti. Anonimo di nome R

    RispondiElimina
  29. Battiato sarà un sufi sicul paraculpo.

    RispondiElimina
  30. Sul Forteto ve ne potrei raccontare tante. C'era tutto il PD locale di mezzo, compresi magistrati e assistenti sociali del posto. Uno schifo andato avanti per trent'anni. Purtroppo il PD in Toscana aveva raggiunto una potenza mafioso-clientelare tale da non temere nulla. Ancora oggi sono infiltrati ovunque come delle zecche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io avevo un amico che era cresciuto al forteto perché non aveva una famiglia. Poi è scappato ed è crepato di overdose nel parcheggio sotterraneo di santa Maria novella. Nessuno si è fatto vivo possibile che non fossero stati informati. Ho telefonato al forteto un monte di volte finché non mi ha risposto Fiesoli in persona a quei tempi non si sapeva niente. Io avevo una paura di beccarmi una denuncia perché non smettevi di pensarci. Sono stata alla polfer e ho chiamato careggi la medicina legale per lo stesso motivo non potevo smettere di pensarci al fatto che mi veniva il dubbio che alla cooperativa facesse più comodo non essere coinvolta nemmeno di striscio. Ripeto a quei tempi nel 2009 io non sapevo niente. Scrivo queste cose perché mi fido, di chi scrive su questo sito

      Elimina
  31. Fucina di idee e portatrice di chissà quale altissimo modello educativo ... fonadata da un tizio subito indagato e poi condannato per atti di libidine violenta su minori portatori di handicap. Indagine e condanna che non interdissero il fondatore dal suo ruolo di Alto Pedagogo per minori sfortunati..
    Vi furnono anche dei punti di contatto con le indagini sul mostro di Firenze, piste che non portarono a niente ma che in un quadro più ampio avrebbero anche avuto un senso.

    ..bisognerebbe andare in giro col lanciafiamme, ma ho paura che poi non resterebbe molto.

    RispondiElimina
  32. Battiato, ma anche Sgalambro, sono stati fascinati dalla Scuola di Francoforte, quindi dagli "S", cosa relativamente comune a tutti gli intellettualoidi che si sono inoltrati nelle sabbie mobili nichiliste del Pensiero Debole. Nessuna colpa in questo, ma ci sarà pure un grado di coscienza in chi deliberatamente e per motivi di lucro decide di scrivere e proporre a un largo seguito di ascoltatori il sincretismo, il pansessualismo, il multiculturalismo spacciandolo per via iniziatica quando, al netto dell'alto profitto discografico, si tratta di una distruzione della Tradizione storico-sociale. Cosa c'era negli scritti di Leopardi di inferiore ad un Adorno o di un Cioran? Ciò non toglie che scardinare le tesi degli Sprepuziati che hanno "infettato" tutte le branche del sapere, è ormai un'utopia che attiene ai reconditi e frustanti desideri di una purificazione razziale della gnoseologia impossibile da praticare. Fortunatamente o sfortunatamente, esiste, almeno per quanto riguarda la nostra italica cultura, un inizio temporale dell'infezione che si può ragionevolmente collocare tra il Rinascimento e la Riforma. (ci sono indubbiamente influenze cabaliste già nel XIII secolo, ma la piena maturità dell'influenza ebraica su tutta la cultura europea avverrà da Spinoza in avanti, mai più interrotta e sempre più incisiva)

    RispondiElimina
  33. Sul ponte sventola bandiera bianca?
    La distruzione del cristianesimo e' andato di pari passo con la distruzione dell'Europa. Oggi i popoli si stanno confusamente (e per lo piu') inconsapevolmente risvegliando: abbiamo un governo impensabile qualche anno fa, che cerca di ripristinare un briciolo di sovranita' nazionale attraverso il semplice e fondamentale controllo dei confini, e che per questo e' in grande pericolo.
    Se non verra' ristabilito il comando morale e fattuale del paese tutto sara' perduto ed il futuro per la nostra progenie semplicemente non sara'! Con Gengis Kahn interi popoli furono passati a fil di spada e non rimane di loro traccia: la questione del comando e' centrale. O comandi a casa tua oppure sei uno schiavo e soggetto alla legge dell'oppressore. Da non perdere il recente articolo di Blondet pubblicato sul suo blog, sulle esternazioni dell'ex Ministro del Consiglio, l'ex socialista (non toccato, ovvio, da "Mani Pulite") Giuliano (David) Amato (S) a riguardo del sovranismo. Amato, uno dei massimi "esperti" del "sacco dell'Italia", oggi e' giudice della Corte Costituzionale. Da li agisce. L'altro "campione" degli S, mr. Saviano, ha attaccato per lettera e in modo criminale il ministro dell'interno Salvini, con minacce in stile camorrista. Ieri ero con un cliente tedesco. Ad un certo punto il discorso e' scivolato sui migranti. Ho cominciato a parlargli di ONG, Soros... Lui ha strabuzzato gli occhi. In Germania ai tedeschi i TG raccontano che il traffico dei "migranti" sia controllato dalla mafia siciliana. Quindi pensano che l'invasione dei migranti sia causata dagli... italiani. I tedeschi sono presi molto peggio di noi. Penso che ci attendano tempi molto difficili, dove la presa di posizione individuale avra' il valore del sacrificio. Oppure non sara'!
    Un caro saluto a tutti. Anonimo di nome R

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo credo anch'io.
      Un mio amico ebreo, comunque, si riferisce ai suoi correligionari chiamandoli 'cazzi mozzi'.
      Gli ebrei romani sono qui da 2000 anni e hanno maturato un certo scetticismo latino.

      Elimina
  34. Bellissimo articolo, ecco il
    futuro che prospettano per gli italiani questi signori:

    http://freeanimals-freeanimals.blogspot.com/2018/07/uno-stato-che-aiuta-gli-stranieri-ma.html?m=1

    Gildo da Merano

    RispondiElimina
  35. Erano anni che non ridevo così. Bravo.

    RispondiElimina
  36. E nel frattempo, pochi giorni fa, il 2 settembre, il Braggion è morto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo sapevo. Un altro finito nel tritacarne della giustizia ingiusta.

      Elimina

Siate gentili ...