giovedì 4 ottobre 2018

Stragisti e pappemolli


Roma, ore 11, 4 ottobre 2018 

Che fine hanno fatto i maschi italiani?
E chi lo sa.
La castrazione chimico-digitale ha ottenuto effetti di sorprendente efficacia.
Non se ne trova uno.
Conculcare la “mano morta” ha prodotto un doppio effetto: creare esserini asessuati o degli squallidi libidinosi.
I primi sono quello che sono: li riconosci dal ciuffo ingelatinato; i secondi sono sprofondati in una sorta di cupio dissovi bestiale, buono per essere stigmatizzato dal MeToo.
I controinformatori e i controinformati continuano a tifare Putin contro Nato, ma la realtà, micidiale, è che il tifo cela la totale, irrevocabile, mancanza di materiale umano adatto a una rivoluzione. Macché: pure a un tafferuglio. Senza maschi non c'è rivolta, questa una verità umana, troppo umana; talmente semplice da sfiorare il becero e il crasso (maschilismo).
Dire: la situazione nelle periferie è esplosiva, significa nulla. Il potere, nella esplosiva situazione delle periferie, nei ceffoni tra Singh, De Rossi e Seferovic ci sguazza alla grande; come nelle vetrine sfondate, nei bancomat schiantati, nei supermercati svuotati. Un’ondata di risse e mischie, con sottofondo razziale, è, anzi, auspicabile per chi voglia celare la questione primaria: Usura e Identità.
Eviscerare testicoli e ovaie culturali ai giovani italiani ha prodotto dei cretini. Ne abbiamo già parlato, anzi: ne parlo da sempre. Castrare i maschi, grazie al possente chiacchiericcio politicamente corretto, senza soste, ha immesso sul mercato della resistenza controculturale dei goffi nerdacchioni. Castrati di tutto, ovviamente. Le automobili le sanno più riparare? La caccia? La zappa sanno cos'è? Le armi, in generale? Coltelli, spade, fionde, balestre, una volta sogni dei ragazzini? Conoscono il funzionamento d'un generatore? Sanno quando maturano certi frutti? E le patate? Si piantano? Crescono sugli alberi o sottoterra? A lacci per cinghiali come stiamo? Arti marziali? Lotta? Orientamento nei boschi? Marce, gerarchia? Come si cucinano i gamberi di fiume? Vendemmia, seminagione, castagne, olive? Il nodo alla cravatta? A sport di squadra come stiamo? La pallavolo ... la pallavolo ... la pallavolo ... ma che pallavolo! A pallone si gioca! E i fucili? Sanno di cosa si parla? Le molotov? E pisciare? Il getto è dritto o moscetto, da prostata malinconica pure a vent'anni? Si fanno più le gare a chi piscia o sputa più lontano? Bullismo? Come stiamo con gli scherzi feroci nelle camerate? Capisco ... non ci sono più le camerate ... a pugni, allora, si fa più a pugni? Si gioca per la strada? Si spaccano crani? Okkio ... si palpano, in corsa, le chiappe delle sconosciute?

C'è ancora chi crede che il gender sia stato introdotto per rispettare le donne?

Siamo diventati più rispettabili, più azzimati, amanti del galateo. Anzi, nemmeno di quello, più asettici e neutri. In trent'anni. Trent'anni ... allora è vero che il comunismo serviva a qualcosa, mi ha recentemente detto un vecchio fascistone. Sì, a tenere alto il conflitto. Almeno c'era un po' d'azione, ha concluso con un sorriso da pugile suonato. Il comunismo era ciò che tratteneva, ora nulla trattiene, siamo entrati nel Mondo Nuovo, Unico. Poca violenza, molta repressione interiore, monodimensionalità ... in nome della Bontà, ovvio.
In Italia non potremmo fare la rivoluzione manco se risorgessero Che Guevara, Caio Mario, Garibaldi e Spartaco mettendosi al nostro servizio. Non esiste più il maschio. E nemmeno la femmina, peraltro, almeno a guardare il trio di punta del MeToo: Asia Argento, su cui taccio; Rose McGowan, una lesbica fidanzata con Rain Dove, una modella (di largo successo) che è una donna che è convinta di essere un uomo che è convinto di essere una donna e, forse, è davvero così.
Dopo aver visto Rain (al nome credevo fosse una pornostar: l'avevo scambiat* per Misty Rain) sono corso a prendere il DVD di Roma ore 11: solo la contemporanea presenza di Carla Del Poggio, Lucia Bosé, Elena Varzi, Lea Padovani e Delia Scala ha fornito il litio necessario a superare la depressione.
No, non c'è speranza, non venitemi a commentare sotto casa o a ciarlare di speranza che vi cancello ... bestemmiate, magari ... è più costruttivo.

Pure Luca Traini, l'estraneo, legge un pappone in aula per scusarsi di ciò che ha fatto, come un Homer Simpson che abbia preso gusto alla ciambella dell'ecumenismo. Anche i razzisti e gli stragisti qui sono mansuefatti, addomesticati: hanno sbagliato, ma non sbaglieranno più! Giusto! Questa è l'età della scusa. Non si può prendere a sberle la moglie fedifraga, o il figlio somaro, o il rivale in amore o quello che ti riga la macchina al parcheggio ... si debbono intavolare trattative democratiche ... la moglie è a letto con un*altr*? Si porga il biglietto da visita. Il figlio è uno scemo con l'occhio languido? Lo si impasticca o lo si manda dallo psicologo infantile ... i ceffoni sono fascisti ... il padre legittimo divorzia? Esca a fare bisboccia col cazzon successore.
A leggere i commenti online sulla resipiscenza di Traini che legge le sue scuse alla nazione, ai nigeriani, al mondo corretto e al cielo dei migranti ci si accorge di cosa è successo ... la svirilizzazione del maschio è totale ... in nome della legge e della correttezza, beninteso ... aveva ragione, ancora unavolta, Jean Raspail ... presto entreranno in casa un paio di belinoni nigeriani, attaccheranno un pistolotto boldriniano sull'ingiustizia dei bianchi contro i neri e i bianchi lasceranno le stanze di loro spontanea volontà, felici di aver ottemperato alla bellezza del Nuovo Mondo imparziale ... le donne, pure loro, senza ovaie ... sono state svuotate della femminilità e infarcite di bei diritti ... e ora possono godersi l'indipendenza ... isteriche, istruite, civilizzate dal progresso e col lamento incorporato ... come le vecchie bambole col disco nel dorso ... emancipate, emancipatissime, a sei euro l'ora, in carriera nei supermercati, nel terziario avanzato, nelle pulizie, nei CAF sindacali ... a riempire moduli a cottimo per far ottenere a Chin Chan Pai la pensione, l'indennizzo, la 104 ... sfinite già a trent'anni ... coi mariti gonfi di popcorn e depressione post partum ... se sono fortunate ... altrimenti c'è il simulatore fallico sul comodino.

Le femministe al corteo dell'UDI: col dito! col dito! Ma il progresso, in tale campo, avanza. 

Traini, cattivissimo, quello che svuotò un caricatore senza prenderci mai ... anzi, no, qualcuno lo prese ... per fortuna della vittima: così il vulnus può risanarsi con qualche centinaio di migliaia di talleri ... tutti i cattivi debbono andare in galera ... i cattivi in quanto cattivi e, perciò, poiché cattivi, in quanto fascisti. Dal primo all'ultimo, sono d'accordo. Il mondo non dovrà avere più cattivi: e non li avrà, ve lo prometto! D'altra parte, ragionate: come si fa a essere cattivi col ciuffo ingelatinato sulla fronte? La barba scolpita? Quando, la sera, si programmano - fra maschi! - nottate davanti al videogame? Come si chiamava, Fortnite? Proprio ieri ho sorpreso dei venticinquenni a litigare (litigare!) perché uno di loro, nel gioco, era troppo veloce ... e lasciava i compagni indietro ... e, quindi, i compagni digitali eran caduti in un agguato ... agguato digitale ... e uccisi ... roba da chiodi ... roba da depressione caspica.

Quell'altro tizio di Riace, faccia dai tratti rilasciati e indistinti, sta in galera, pure lui. Ma é un gioco di specchi. Traduco: voi lo vedete in galera, ma, in realtà, è sugli allori. Presto arriverà la consacrazione. Aspettate, con calma, in poltrona. Se c'è una cosa che sa fare l'Italiano senza coglioni è cambiare rotta con cautela ... all'inizio si tratta di millesimi di centimetro ... poi, col tempo, il divario fra ciò che dovrebbe essere e ciò che effettivamente è, si allarga ... e alla fine chi è al gabbio si ritroverà, dopo tante scuse, in Parlamento. 

I cattivi, i maschi ... dove saranno andati a finire? Residuano nella bassa criminalità. Quello che ha dato una capocciata al free lance a Ostia ... Spada ... un diecimila di quei tipi sotto casa di Moscovici e le cose prenderebbero una diversa piega ... c'è poco da cianciare ... le rivoluzioni nascono nel sangue ... Robespierre era un avvocato, cioè un criminale del linguaggio, e agiva fomentando gaglioffi e tricoteuses. Ammetto che non è più tempo di sangue e cordite, è tempo di ragionevolezza ... di veri e propri déjeuner sur l'herbe ... a ingoiare crostini da concertazione dei sensi ... ci siamo fatti più scettici, disillusi, distaccati ... e non perché lo siamo davvero: scettici, disillusi, distaccati ... ma solo perché non siamo capaci di fare nulla ... la correttezza, il volemose bene alla John Lennon, la tolleranza, l'accoglienza non derivano da una riflessione profonda sulle istanze metafisiche dell'animo, ma da un crollo antropologico e fisico ... lungamente perseguito da chi sa ... e sa molto più di noi, per istinto ... quando tutto ciò che definisce un essere umano viene incasellato nel "male" non ci resta che divenire ragionevoli, di venire a patti, chini sotto le forche caudine ... ragionevoli, non razionali ... che la razionalità è da uomini ... ragionevoli e impotenti, vestiti dell'organza della sottomissione a un corollario di valori anemici, eterocliti, stranieri alla nostra vera essenza.

A Caudio, oggi provincia di Benevento, il sannita Gaio Ponzio fa erigere gioghi sotto cui si umiliano i comandanti romani. Alcuni di loro vengono sodomizzati. L'orrore per l'ignominia propagherà le sue onde psicologiche per secoli.

L'ultimo uomo e la trasvalutazione di tutti i valori sono davvero realtà!
Appunti per letture a venire: razze di cani create tramite mansuefazione. Manualetto.
Si reprime un istinto, tramite uno spietato e accorto gioco di premi e castighi, e si crea una seconda natura. Le femmine, intanto, vengono accoppiate con altre razze, scelte per la bisogna, più adatte ai fini dei domatori. La risultante: cani da compagnia, da caccia ai fagiani, da tartufi. Eugenetica e nuova etica: altri cani. Più utili, più buoni.

Su una cosa Nietzsche ha ragione da vendere: la maleducazione, il rilievo urtante della personalità, la vitalità volgare, hanno, quasi sempre, i tratti genuini della forza, di ciò che ascende.

Leggo che un capostipite dei Casamonica era sposato a una Spada, Teresa.
I Casamonica, gente d'Abruzzo, di origine sinti, come il calciatore Andrea Pirlo, l'ultimo vero fuoriclasse, avevano in mano il territorio del Mandrione, una borgata romana estrema e poverissima.
Uno dei pezzi più significativi di Carlo Emilio Gadda in Le meraviglie d'Italia: Genti d'Abruzzo. La canzone più bella scritta da Pasolini: Cristo al Mandrione. Ne esiste una bella versione di Gabriella Ferri.
Sia Pasolini che Gadda vantano un fratello morto, un fantasma nell'ombra. Come Catullo.
Solitari, misantropi: in grado diverso. Rifiutati dall'Italia. Fecero una brutta fine, infatti. 

Di gente in gente, di mare in mare ho viaggiato,
o fratello, e giungo a questa mesta cerimonia
per consegnarti il funereo dono supremo
e per parlare invano con le tue ceneri mute,
poiché la sorte mi ha rapito te, proprio te,
o infelice fratello precocemente strappato al mio affetto.
Ora queste offerte, che io porgo, come comanda l'antico
rito degli avi, dono dolente per la cerimonia,
gradisci; sono madide di molto pianto fraterno;
ti saluto per sempre, o fratello, addio.
 

Caro Lei ... anzi, caro Voi (mi rivolgo, infatti, al fascistone anzidetto) ... qui ci vuole una guerra ... stragi, morti, ustioni, cancrene, case che crollano ... non siete d'accordo, caro il mio Farinacci degli stivali?
Certo! Sono con Voi, tovarisch ... mi risponde quello. E obietta, giustamente: e però, ... Vos quoque ... cadete nella sindrome del Grande Botto ... siccome siete sempre lì a digitare e a masturbarVi, caro Voi, sulla tastiera del nulla ... vi siete ridotto a tifare la catastrofe! Un comportamento che prima addebitavate ai coglioni ... e ora ... non sarà che vi state rammollendo?
Colpito, affondato! ... Touché! Ma cosa volete che faccia ... che mi metta a gridare "Vogliamo i colonnelli" dal balcone? I colonnelli, ormai, rubano nelle furerie ...
Allora non fate niente, amico mio, e scusatevi. Avete pargoli? Meglio non mischiarsi alle retroguardie ...
Giusto! Non resta che scusarsi, allora ... non del nostro comportamento, ma della nostra stessa esistenza! Annusare gli angoli, prepararsi alla successione ... con un bel testamento ... lascio ... a chi se la prende ... una casa A2, media periferia, garage, termoautonoma item magione rustica in piena Tuscia ... item terreni con seminativo e frutteto e servitù prediale annessa ... item casaletto magazzino ... item un gallo ad Asclepio ...

69 commenti :

  1. Mica e' coglione il Padrone. Sono secoli che si allena. Tutte le strategie ha sperimentato.
    Oggi se la ride soddisfatto: come dargli torto? Stasera riprendo gli allenamenti. Sto invecchiando e non ho avuto respiro in questi sei mesi. Qualche bastonata la ricevero', sicuro! Ho passato i cinquanta e dietro di me non c'e' nessuno ancora pronto a prendere il testimone. E chissa' mai se ci sara'. Stringo i denti ed entro in Dojo. Devo durare almeno altri vent'anni. E per almeno altri trenta dovro' essere potenzialmente letale. Il futuro e' ballerino... futuro incerto, felicita' a momenti... uno su mille ce la fara'!
    Niente di nuovo sotto il sole autunnale.
    Anonimo di nome R

    RispondiElimina
  2. No caro Alceste, non era il comunismo che lo tratteneva, il Mondo Nuovo (meglio Novus ordo). Tutto ciò sta avvenendo oggi semplicemente per ricambio generazionale. Le vecchie generazioni, quelle dei novantenni, quelle forgiate in millenni di società, civiltà contadina, stanno scomparendo, insieme ai loro ricordi. Il danno è iniziato negli anni ’60, quando con il “boom” economico è scoppiata pure la società, lì si è modificata la vita del popolo italiano iniziando a separarlo dalle sue tradizioni. I figli e i nipoti di coloro che si inurbarono, oggi non hanno più nessun ricordo della tradizione passata; vivono, ma soprattutto pensano (facciamo gli ottimisti: diciamo che pensano) in un modo totalmente differente da come vivevano e pensavano i loro nonni. È solo a causa di questa separazione sociale, culturale, mentale con ciò che ci ha preceduto che oggi veniamo annientati. Perché solo oggi hanno messo in pratica questa invasione? Perché oggi sono scomparse le generazioni che incarnavano, materialmente, la civiltà italiana. Il negro vero , per la civiltà italiana, non è Butungu che viene dal Shaara e passa le giornate bighellonando e le nottate spacciando, no! il vero negro è lo studente universitario cretino a cui è stata riempita la testa di sciocchezze sull’antirazzismo ecumenico, è il bambino di tredici anni vestito da “rapper” che incrociamo per strada, è il discotecaro pieno di tatuaggi che si droga, è l’imprenditore (il “commenda”) che è in eterna fregola affaristica per il suo fabbrichino, che crede di essere più intelligente degli operai perché guadagna più di loro (una volta un tizio me lo disse davvero, e quando gli risposi che gli idioti in televisione guadagnavano più di lui e che perciò, secondo la sua logica, erano più intelligenti di lui, iniziò a guardarmi con una tal faccia da imbecille…). Questi sono i veri nemici della civiltà italiana. E perché sono stati ridotti così? Perché sono stati separati dalla loro civiltà con un lentissimo lavorio plurigenerazionale. Che diavolo! Non si possono mica distruggere tre millenni di civiltà in un secondo! Ci sono voluti settant’anni. Riguardo alla rivoluzione, dobbiamo capirci. Innanzi tutto le rivoluzioni non sono mai state fatte da quell’entità astratta che chiamiamo “popolo”. Le rivoluzioni le fanno minoranze fanatizzate, che sono pronte a morire per le proprie idee; la popolazione non fa le rivoluzioni, resta sul ciglio della strada a guardare cosa succede, al massimo applaude il vincitore. Quelle sul popolo che assalta la bastiglia o il palazzo d’inverno sono stronzate. In un qualche tuo vecchio articolo ti chiedevi dove siano finiti i Caradonna. Ci sono, ci sono i Caradonna. Questo “popolo” non ha la sua storia per caso (sia in senso buono che cattivo). Non sono in grado di organizzare una rivoluzione, ma ci sono. Se la miccia si accenderà loro scoppieranno. L’unica possibilità che ha questa nazione di rialzarsi è una guerra civile sanguinosissima.

    RispondiElimina
  3. Se riusciranno ad emergere forze spirituali in grado di prendere le redini della situazione, di avere una visione politica per il futuro, i Caradonna scenderanno in strada a combattere; saranno pochissimi, ma ci saranno. Il punto è qui. Il fatto è che la distruzione culturale, sociale, civile dell’italianità (durata come detto sette decenni) ha creato un vero e proprio deserto spirituale che impedisce una qualsiasi rinascita. Perciò prevedo un morire lento, mellifluo, senza nessuna illusione di cambiamento. Scompariremo in questo modo vile e disgustoso, così come stiamo vivendo, il tempo passerà e di noi non resterà traccia. Tutti quelli che parlano di rivolta o rivoluzione imminente, sono degli illusi, se non dei visionari stucchevoli. I rivoluzionari in ciabatte, che vedo popolare anche questo blog, si mettano l’anima in pace e la smettano di dire sciocchezze offensive al buon senso. L’intera Europa è soggetta ad un immenso esperimento di ingegneria sociale, di cui il ’68 è stato la quinta essenza. La voglia di combattere c’è, così come c’è un’altissima tensione sociale che potrebbe tranquillamente sboccare in lotta armata, ma non succederà nulla. L’unica rivoluzione possibile è quella culturale, è quella personale.

    RispondiElimina
  4. Avanti miei prodi!

    https://www.google.it/amp/s/www.wired.it/amp/217328/attualita/tech/2018/08/30/casa-appuntamenti-sex-doll-torino/

    Enzo

    RispondiElimina
  5. Siamo alle solite ,A sentir lei ormai siamo alla fine nessuna cura nessun rimedio i condannati Della prima fila quelli che stanno aspettando il prete per l'ultima confessione,siamo da euthanasia istantanea ma che magnanimita ' Alceste ma deve star passando un momentaccio c'e' del sopruso in tutto quel che dice xche' non Darci direttamente LA pala per scavarci su due piedi LA fossa da infilarci subito 56 milioni di Italiani ,leggevo in un commento da freeanimals xche' solitamente viene dai commentatori l'illuminazione LA genialita LA semplice verita' non dai blogger cosi verbosi in vena di Boria che non si vedono di quanto sono piatti e fatui I Loro soliloqui venduti come articoli di rango tanto avrebbero bisogno delle controindicazioni come I medicinali I loro pezzi,dicevo sto commentators diceva che I suoi colleghi vicini o amici in preda al diavolo fascists che IL buon padre Della patria IL duce ha inoculato nei nostri animi ,insomma sti impiegati da 8ore non esiterebbero ( con LA promessa d'impunita che di solito il proletariato ha nelle guerre)di far fuori I'll proprio amico o vicino per uno zerbino di traverso per un cigolio da prestazione notturna ecc ,vede allora alceste che I'll suo discorso si va ( a farsi fottere) ad arenare ai piedi del Nuovo condottiero che I nostri politici e guide cercano in tutti I modi di ritardare l'arrivo,e' quello I'll loro Unico lavoro sono li apposta cani Da Guardia xche non arrivi nessuno a risvegliar LA bestialiata Fascists sopita negli italiani, Salvini e Dimaio sono cani nuovi freschi addomesticati allevati col pelo appena lucidato dal padrone Ebreo proprio xche da loro vuole sentire dei veri e propri latrati in modo da scongiurare l'arrivo del Nuovo Duce,capiste?

    RispondiElimina
  6. Bella l'immagine del "Nuovo Condottiero". Moscovici si sta gia' cacando nelle brage! Forgiamolo dentro di noi quest'uomo eterno e tramandiamolo. Magari questo condottiero e' nei nostri testicoli o ovaie: facciamoli sti' condottieri, e cresciamoli da condottieri. L'uomo ha bisogno di misurarsi con la lotta ed il mito. L'uomo ha bisogno di conquistare il proprio spazio e il proprio diritto ad esistere. I "diritti" sono per gli stronzi inutili e sono propagandati da stronzi parassiti! L'uomo vero ha solo doveri! Ha il dovere di lottare e di piantare il proprio seme prima che arrivi qualcun altro a farlo! Certo, qualcuno ci rimettera' le penne. E quindi? Chissenefotte!
    Ben detto Ettore SDM.
    E buonanotte! E vaffanculo agli stronzi!
    Anonimo di nome R

    RispondiElimina
  7. Leggere I'll Barra e' come vedere un giocatore della pro patria che gioca contro LA juve di Ronaldo, sconfitto gia in partenza fa passare LA voglia di giocare( leggerlo) tanto e' nefasto ormai si sa Gia che si perde ,e' proprio quel che ci vuole e' un corroborante al contrario invece di infondere coraggio e entusiasmo al popolino Lo si vuole portare verso I'll mattatotio e che magari si suicidi durante il tragitto da solo cosi si risparmia pure LA fatica ,va bene che l'istinto di morte incombe su tutti ma voi esagerate vedevo un vecchietto Tedesco di 80 anni e piu da solo in kompong son che scaraffava e preparava nuove rivoluzioni contro I circoncisi magari si sara fatto pure di bamba ma era un piacere vederlo ,lo avrei seguito contro un branco di scimmie levantine subito da tanto ispirava carica

    RispondiElimina
  8. Quello che sostiene Alceste in moltissimi dei suoi scritti corsari (ed è anche quanto ha ribadito il Barra sopra), è che dietro gli eventi di tensione sociale montante che tanto eccitano gli animi dei controinformati (proprio l'ultimo articolo del Blondet è abbastanza indicativo al riguardo https://www.maurizioblondet.it/sullorlo-della-rivolta-in-europa/ e non tanto il pezzo di per sé quanto i commenti dei blondiani) non vi si scorge nemmeno l'ombra di un benché minimo disegno di rinascita culturale senza il quale non si va da nessuna parte. Dove dovrebbe attecchire il tuo presunto nuovo Duce in un Paese effeminato dove la massima aspirazione dei suoi sudditi (pardon, abitanti...) è di potersene stare narcotizzati in pace a vegetare come dei coglioni?
    Se proprio si volesse vedere una speranza dove non esiste allora andrebbe riposta in un elite aristocratica intrisa di umanesimo e capace di dar volto e consistenza a un 'progetto Italia' (ovvero un disegno politico, culturale e civile di rifondazione dello Stato e di formazione di un italiano non più sradicato dal suo passato). Una cosa per la quale oggi mancano perfino le premesse. Le masse attuali reagiscono positivamente solo a chi promette loro vantaggi materiali e in Grecia la rabbia sta montando non certo in vista di una riscoperta degli antichi valori ellenici. Per cui, citando Evola, "quand'anche oggi apparissero dei capi degni di tal nome - uomini, dunque che facessero appello a forze e interessi di tipo diverso, che non promettessero vantaggi materiali, ma che esigessero, che imponessero a ognuno una severa disciplina, che non acconsentissero a prostituirsi e a degradarsi pur di assicurarsi un potere personale effimero, revocabile e informe - questi capi non avrebbero alcuna presa sull'attuale società".
    Il problema in molti siti di controinformazione (Alceste è una rara eccezione alla regola) è che si pensa troppo solo in termini di programmi, di problemi organizzatori partitici, di ricette sociali ed economiche… tutte cose che spesso fanno perdere di vista l’essenziale. La misura di ciò che può esser ancora salvato dipende invece dall’esistenza, o meno, di uomini che ci siano dinanzi non per predicare formule, ma per esser esempi, non andando incontro alla demagogia e al materialismo delle masse, ma per ridestare forme diverse di sensibilità e di interesse. Bisognerebbe partire da ciò che può ancora sopravvivere fra le rovine della nostra civiltà smantellata e da lì ricostruire lentamente un uomo nuovo da animare mediante un determinato spirito e un’adeguata visione della vita (una visione trasfigurante che si ponga al di sopra di un benessere ottuso da bestiame bovino organizzato), da fortificare mediante l’aderenza ferrea a dati principi. Questo secondo me è in sostanza il vero problema che resta irrisolto e probabilmente anche perché siamo a corto di veri uomini.
    Cordiali saluti.
    Herman.

    RispondiElimina
  9. Per Hermann. La faccenda si gioca giorno per giorno sul quotidiano campo di battaglia della vita: dipende da noi individualmente! Incazzarsi, informare chi ci sta attorno, formare. Col passa parola! Gli stronzi hanno sempre meno presa sulla gente e se i due bei tomi (di peggio e salvi-no) non si danno da fare realmente senza preoccuparsi troppo delle loro chiappe, per loro prevedo un fulgido futuro nella futuristicamente scientista trasmissione "meteore", magari condotta da sexy Boschi. In Grecia si sono rotti i coglioni e la polizia e' apertamente in rivolta! Come "Sol dell'Avvenir" l'UE mi sembra messa maluccio: quindi non siamo messi poi cosi' male! Solo dieci anni fa certi pensieri oggi diffusi erano pura utopia! Alceste delinea un lato (verissimo) della medaglia. Ma la medaglia ha due lati.
    E un bordo, che se affilato diventa tagliente!
    Anonimo di nome R

    RispondiElimina
  10. Vi spiego : l'opera in corso dei vari blog e' quella di avvilire il piu Possibile da fare fin schifo a se stesso conoscendosi il povero internauta che capita su di un qualsivoglia blog partorito da menti ebree o massoni ,il fine e' disorientarvi di modo che disinteressati e schifati da tutto fate un po come le bestie che si avviano in silenzio al supplizio Della carne, declassarvi a livello delle scimmie ecco il futuro che vi si prospetta dinnanzi ,a questo stanno gia provvedendo facendovi arrivare I prof dall'africa dei veri "luminari" per insegnarvelo meglio si capisce .LA rovina spirituale ecco il fine ultimo da ultimo gradino Della vergogna a quel punto nessun pericolo per quella classes di degenerati Della globalizzazione gli ebrei e I massoni che vogliono un nuovo mondo come una grande loggia dove tutte le depravazioni soon concesse .Dietro a tutto il cinema ci stanno "loro" l'editoria e le Banche non ne parliamo digitate :" gli ebrei sono LA nostra disgrazia video" che e' anche il titolo di un libro di Emmanuel Kant

    RispondiElimina
  11. La disfatta arriva talmente lentamente, nei piccoli gesti quotidiani, nelle abitudini, nei volti sfatti di donne esaurite, divise tra lavoro (quello che credevano portasse all'emancipazione e alla liberazione, poverette), figli e hobbies (ormai immancabili a ripagare la frustrazione di edonismi castrati) e nei volti inebetiti da barbagianni tassidermici dei miei coetanei quarantenni finti maschi.
    Poi, guardo i volti dei miei allievi ventenni, ovvero i figli dei suddetti barbagianni, alla loro età volevo solo due cose...giocare a calcio e la gnocca....questi esserini anemici, pigri, imbelli, dediti all'inerzia di studi vuoti, dei quali non gliene potrebbe fregare di meno, viziati fino al midollo....tanto vedono e provvedono papi, mami, nonni, et cetera.
    Ma quelli che mi fanno incazzare di più sono proprio i nonni, ovvero la generazione dei miei genitori....gli attuali 70/80 enni....i cosiddetti eroi, quelli che hanno costruito il benessere, che ci hanno regalato una bella vita, il mito dell'appartamento di proprietà, dell'automobile e della televisione....capricciosi pensionati a 50 anni, spesso e volentieri ex statali, convinti che il comune provvederà ad ogni loro bisogno e desiderio, incapaci di invecchiare, materialisti, consumatori e accumulatori seriali.....loro che dovrebbero essere l'esempio della saggezza, del crepuscolo dell'esistenza e della capacità di farsi da parte dopo aver trasmesso e generato....invece sono lì, ingombranti e invadenti a recriminare il diritto dell'immortalità.
    Ma la cosa che mi atterrisce è, che nonostante i miei sforzi e nonostante legga Alceste, sono e sarò parte di questa foto da Overlook Hotel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho avuto modo di conoscere qualche professore di musica che opera nelle favelas del nord del Brasile. Ho visto il materiale...che dire? Vita, interesse, energia, impegno, allegria, grinta, tradizione...il maestro lo si chiama professore ed è come un parente, un parente importante... e non Mario Carlo Franco e poi non è nessuno. Lo chiama così gente che poi magari torna nel traffico, gli sparano, muore...lì la vita è questa.

      Elimina
  12. Il tuo incipit mi ha evocato questo.

    “A human being should be able to change a diaper, plan an invasion, butcher a hog, conn a ship, design a building, write a sonnet, balance accounts, build a wall, set a bone, comfort the dying, take orders, give orders, cooperate, act alone, solve equations, analyze a new problem, pitch manure, program a computer, cook a tasty meal, fight efficiently, die gallantly. Specialization is for insects.”
    Robert A. Heinlein

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con Heinlein hai centrato al 50% la questione caro Anonimo. A tutto cio' aggiungerei che l'uomo deve anche conoscere: con quanta facilita' lui viene ingannato e si fa ingannare, che tutto cio' che impara a scuola e' falso, che chi governa veramente sta nell'ombra a tramare contro di lui, che il mondo non e' come ci viene descritto, che nessun uomo e' mai andato sulla luna e mai ci andra', che l'uomo non discende dalla scimmia, che il suo nemico e' implacabile e astuto e quindi di conseguenza lui deve agire se vuole sopravvivere nella storia (quella vera) come tale. Infine che deve riprodursi, preferibilmente in giovane eta', quando il suo materiale biologico e' al massimo della qualita'.
      Anonimo di nome R

      Elimina
  13. Dove abita Moscovici? Voglio andarci anch'io sotto casa sua, più per curiosità che per prenderlo a testate in ta a fazza. Perdoni Alceste il sarcasmo, però lei se l'immagina davvero i 10.000 Spada che, oggi come oggi, marciano fin alla magione di cotanto principe? Indisturbati? Quale potrebbe essere la reazione del potere quando e se dovesse sentirsi davvero minacciato? Ancora noi abbiamo assaggiato soltanto la carota di questo potere, non il bastone. Forse la Grecia ha sentito un poco di bastone, ma non più di tanto. IL potere repressivo di questo potere, quello odierno, quello che negli ultimi 10 anni sta realmente mostrandosi potente e mondiale, potrebbe essere ben peggiore di quel che si immagina. Le vecchie forme di lotta ormai sono vetuste: il potere ha fatto sì che noi abbiam bisogno di lui ma lui non ha quasi più alcun bisogno di noi. Come fai a lottare contro un fattore del genere? e poi ancora: la stragrande maggioranza delle persone ha nostalgia degli anni '80, quando c'era benessere difusso e ottimismo sociale dilagante (nonostante l'incipit a Bologna, l'eroina etc...). Alla gente non importa nulla dei Fori Imperiali e del Dolce Stil Novo. Importa loro del potere d'acquisto, dei tassi d'interesse sui mutui, dei finanziamenti etc... insomma di un ritorno ad un benessere economico relativamente più prospero rispetto ad oggi. In questi anni in Italia l'unico movimento veramente "incazzoso" che abbiam potuto vedere è stato quello dei forconi: ebbene, cosa rivendicavano? E lo scrivo con tutto il rispetto per loro, che almeno si sono mossi e per un poco hanno anche smosso. Invece mi fa ridere Ettore Sva: ma il Duce, oggi, chi lo capirebbe, chi? Nemmeno i presunti neofascisti lo capirebbero. E' roba passata e per quanto possa dispiacere non ritorna. Lo smartphone è tanto incompatibile con il Fascismo quanto poteva esserlo il trattore con il Sacro Romano Impero. Herman fa un discorso ben più sostanzioso ma come egli stesso dice, mancano i presupposti. L'infrocimento generale svirilizza principalmente nello spirito. Un tempo non c'era bisogno di menare per forza le mani o ruttare a tavola per esser virili. La fermezza, la saggezza, il rispetto delle norme, la calma...eran virtù virili. Una virilità manesca è già virilità un poco degradata. Mio nonno materno aveva 11 figli: mai messo le mani addosso a nessuno di loro. Era semplicemente il padre (Pater Familias), gli bastavan poche parole affinché la famiglia e soprattutto i figli obbedissero. IN qualche modo, si potrà tornare a questo? Personalmente non credo, non a breve. Affezionato Anonimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bell'intervento. In che modo... penso cambiando noi stessi per primi, aprendo gli occhi, diventando "modello" e quindi formando chi ci sta attorno anche con la nostra semplice presenza e azione. Se mi fermo su tutti questi bei ragionamenti che facciamo, comprendo che il problema n. 1 e' che non ci sono piu' "modelli" sani che i giovani ed anche i meno giovani possono seguire. Non intendo roba tipo "Duce" o Eroe classico, intendo qualcuno che ha la capacita' di indirizzare le persone verso le cose veramente importandi della vita. Una volta questa funzione era incarnata dalla figura del padre o del nonno, figure maschili potenti per figli e nipoti, fonti da cui abbeverarsi per attingere esperienza e saggezza preziose per la sopravvivenza nella dura vita e, soprattutto, per mostrare ai giovani l'arte di diventare (e quindi essere) veri "uomini". Da qui la durezza del cammino per conquistare la propria identita' di uomo. Da qui anche il naturale ostracismo verso l'invertito, ritenuto (a ragione in chiave di sopravvivenza della comunita') la sciagura peggiore per un maschio... Oggi i figli finocchi sonno spesso incoraggiati e benedetti da madri idiote e inutili. Tornando nel centro della faccenda, perche' se la naturale funzione femminile e' l'essere madre e dare amore, funzioni che si possono riassumere nel principio di "accoglienza nel proprio grembo della vita", l'uomo virile va costruito. L'adolescente maschio, da una fase indistinta, appunto diventa "uomo" o finocchio. Il nemico questo lo sa bene. Il fallo si alza e deve faticare per compiere il proprio dovere. Il fallo in azione e' duro e deve essere infaticabile. Deve penetrare le difese della femmina. E quando il figlio nasce, al padre spetta appunto, oltre all'incombenza di procurare i mezzi per il sostentamento, fargi da modello indirizzandolo verso il sua proprio centro, che e' appunto l'essere maschio e uomo. Ovvero colui che conquista, feconda, dirige, costruisce e difende. Oggi i padri, con abile e implacabile strategia occulta, sono stati distrutti ed i nonni (quei pochi esistenti) incarcerati in ospizi. Le donne, trasformate in caricature grottesche del maschio. Se ai maschi e' stata tolta la virilita', alle donne e' stato tolto il loro centro spirituale. Per questo, mi riferisco ad esempio alla faccenda "migranti" (invasione camuffata, oggi posta dai media, dall'Europa e da questo papa scandaloso in modalita' totalmente femminee e frocesche: accogliamoli tutti) va ribilanciata dal punto di vista maschile: accogliamo chi e' giusto accogliere, chi ci serve ed il resto torna subito e a forza a casa! E le ONG che tornino da chi le paga! In che modo quindi re-agire? Resistendo, ricostruendo a mani nude dalle macerie. Diventando "modello" per se stessi e per chi ci sta attorno. Questo implica l'accettazione delle proprie responsabilita' e doveri. Questo comporta l'accettazione della meravigliosamente diversa natura di uomini e donne, quindi della paternita' e della maternita' e dei diversi ruoli (ovvero modelli, perche' ovviamente anche la madre sara' a sua volta modello per i figli) che cio' comporta, dell'accettazione della lotta per la sopravvivenza, della difesa della propria famiglia, dell'accettazione della vecchiaia e della morte.
      Un caro saluto.
      Anonimo di nome R

      Elimina
    2. Si le neo (e vetero) mamme sono spinte a pretendere dal compagno un aiuto nelle faccende domestiche e non ci si rende più conto che vuol dire sulla soglia dell'adolescenza ritrovarsi un padre svuotato. I ragazzi giustamente son come le bestie spietati lo sentono al naso se nella famiglia dell'ultimo arrivato un maschio c'è oppure no. Vuol dire tantissimo, va bene anche un maschio ordinario che ci sia, vicino alla madre, nel modo che gli riesce: ma è una pazzia, fargli la guerra. La donna si sente forte, son tutte perfette, tanto non è lei che paga. la solitudine e la pazzia Delle donne non sono niente in confronto alle violenze che loro stesse fanno ai propri figlioli. Che orrore questi deliri da martire in cui si martirizza la persona piu' debole. Spero che lontano dai bacini di Facebook sempre piu donne si rendano conto Delle fregature che ci hanno rifilato. La propaganda e' stata tanta ma quando una donna riscopre la propria intelligenza di cervello sesso e ragione da vendere, il mondo sembra ricominciare

      Elimina
  14. Se non erro é di Heidegger:"Il peggio é già accaduto".

    RispondiElimina
  15. Una domanda per Alceste. conosceva il Blog di Mondart? Era un blog molto molto interessante anche se non del tutto condivisibile, specialmente per alcune conclusioni quietiste. Però un pensiero ed una esposizione eccellenti. Saranno quattro o cinque anni che non esiste più. Quel blog e il suo sono quanto di meglio abbia trovato in rete negli anni. Aff An

    RispondiElimina
  16. Avete una visione Della realta' distorta che vi sia l'informazione che alacremente lavora per farlo quello e' scontato internet TV cinema non fanno altro dalla Mattina ala Sera vi riempiono di palle dalla Mattina alla Sera dovreste capirlo da soli ,vedevo rai storia TV del dotto ebreo Mieli pareva LA storia raccontata da Caifa e Giuda ,ora che siete pieni di tecnologia invece di dare del mattoide a chi rispolvera il Duce sarebbe bene ricordaste di come LA Germania si trovava dopo Versailles ,carriolate di miliardi di marchi non bastavano per comprare un tozzo di pane Berlino era il bordello d'europa omosessualita e depravazione ai Massimi livelli suicidi morti di fame ecc ma poi... Arrivo' l'uomo dalla camicia bruna ... L'avatar... Ora come ora vi tengono in pugno vi riempiono di falsi bisogni materiali vi hanno indottrinati come dei bravi soldatini a esser scettici su tutto e su tutti a denigrare e a disprezzare sempre e comunque anche chi tra I lemmings versions Italiana cerca di emanciparsi ,si ci stanno Giovani e che giovani ( complotto G. Aveva 20 anni) tutti sti piagnistei da web dove vige la regola del tutti contro tutti non puo far altro che piacere ai circoncisi si compiacciono ogni istante ,sti levantini sono una esigua minoranza cosi come I traditori massoni , alceste parla 10000 macche' ,favole , 7 erano 7 I sifilitici mattoidi che seguirono Adolfo per poi diventare 80 milioni, un alceste e un poliscriba varranno pure un cacchio Di crucco d'oltralpe

    RispondiElimina
  17. Rispondo a caso, poiché Blogger ha deciso di non pubblicare più i miei commenti da mobile:

    Per Aff. An (cos'è, un augurio?): Mondart lo conoscevo quando commentava su Gianluca Freda: un saliscendi di follie e di intuizioni. Non che lo seguissi logicamente, ma mi manca, così come Freda.

    Se Moscovici la butta sul poliziesco per lui è finita. Il potere europeo si basa sulla bontà: se decide di gettare la maschera rinnega sé stesso. Ma non lo farà. In Grecia, secondo alcuni, coverebbe la rivolta da almeno quattro anni: voi avete visto qualcosa?

    Per Cavagnis: per capire l'entità delal frana basta andare a prendere i pargoli a scuola. Maestre col tacco dodici o con gli zatteroni e i jeans strappati: ma di cosa vogliamo parlare?

    Per Sva dei Manganelli: io non voglio creare depressi: io osservo. Riporto alcune osservazioni. Questo è il catalogo.

    Ottima la citazione di Heinlein.

    RispondiElimina
  18. Il fatto è che Moscovici o chi per lui è il buono quindi, logicamente, chi ce l’ha con lui è il cattivo e merita d’esser represso. Merita. La bontà si giustifica con la cattiveria è mai come oggi è stato così. Non facciamoci ingannare dai vari populismi e sovranismi odierni, sono meno virulenti di quel che sembra. Il potere invece si avvale delle tre gran virtù del dominio, simultaneamente: Reazione - Conservazione - Rivoluzione. Le sue avanguardie incorporano e attuano tutti e tre i principi. Aff. An (che non è un augurio, almeno non per Alceste).

    RispondiElimina
  19. Faccio il moscone per un attimo, anche questo mondart fa parte della congiura ebraica, in che modo ? Semplice non ne parla ,fa come il Fusaro spara a salve contro chi non si sa ,forse dei Fantasmi, la finanza apolide ? LA finanza globale , Soros che a 90 anni deve pensare al catetere ,non si sa chi sia l'accusato il responsabile il degenerato inculomane ,niente ,non si sa ,al Massimo si lanciano accuse contro interi popoli gli Arabic gli americani I cinesi mah! sul mondart e fiore selvatico e tutto quello sproloquiare mi suonano falsi gradevoli ma falsi , I padroni del discorso( gli ebrei) soon chiamati cosi apposta vi ubriacano di loquela eloquenza da sbadigli non arrivano mai al Quid alla questione che fa tremare I polsi se ne stanno lontano come ci si sta da un matto , se non toccate quell'argomento gli Ebrei potete star sicuri di vivere per altri cent'anni ma se vi azzardate a mettere in dicussione o a fare qualche domanda sulla questione ebraica sarete inceneriti su 2piedi per voi ci Sara spazio solo nei lebbrosari al Massimo , le tre armi Giudaiche sono l'inganno la calunnia il Delitto ,e poi leggevo l'elogio che si faceva di quei popoli in cui vivo ,ma perpiacere tenetevi l'italia e lasciatemi in esilio in pace con sti popoli sventurati abnormali

    RispondiElimina
  20. Io dico che siete ancora tutti Uomini e Maschi perche' il potenziale per esserlo e' ancora tutto a vostra disposizione, basta volerlo e vederlo. Idem per le Donne.
    Vi guardate allo specchio e vedete un coglione? Bene, da che mondo e mondo esiste il libero arbitrio. Decidete per quel giorno di non essere piu' un coglione, e poi il giorno dopo e dopo ancora. Non importa quante volte fallirete, importa continuare ad allenarsi finche' non tornera' ad essere naturale. Riguardatevi allo specchio dopo aver fatto tanta pratica e vi accorgerete che dalla vostra faccia e' sparita quella smorfia di disgusto e autocompiacimento verso voi stessi e la vostra mediocrita'. La fisiognomica non mente, come dentro cosi' fuori, come nel piccolo cosi' nel grande, come in alto cosi' in basso, come in cielo cosi' in terra! I coglioni e le poverette che dite di vedere in giro soffrono tutti di questa malattia! Non esercitano piu' il libero arbitrio e delegano agli altri il giudizio su se stessi, l'impostazione della propria vita e persino quella dei propri pensieri. Ci siamo lasciati incastrare in una ragnatela di tentazioni che ci hanno depotenziato e deresponsabilizzato di tutto. Le poverette (davvero) che inseguono una carriera per lavorare non si sa per chi o cosa e abbandonare cosi' il lavoro/piacere, essenziale e primario, per la propria famiglia, che viene delegato a estranei pagati coi soldi che loro guadagnano lavorando per altri estranei! Le vedete le trappole? Poi si cade in depressione, e per fortuna! E' l'occasione buona per tornare a vivere in modo compatibile con la propria coscienza! E invece di nuovo si delega, addirittura a una pasticchina due volte al di' prima dei pasti, roba da matti veramente! E si va addirittura da uno psicopatico a pagamento che vi fa credere che tutto derivi da un trauma infantile. Ma chi l'ha inventata sta boiata scusate! E' per farvi credere che tale condizione e' irreversibile e soffocarvi di narcotici! Siamo tutti ripetutamente traumatizzati da quando usciamo dall'utero. Alcuni pero' vanno alla grande malgrado cio' e altri perdono pezzi, perche'? Qual'e' la variabile che "gli esperti" non vi dicono? Siete voi e la vostra capacita' di ri-conoscere voi stessi e la realta' fittizia che vi circonda.
    Ise

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 100% con te Ise: io vado alla grande e "fotto" il nemico portando avanti l'italianita' nel mondo a modo mio. La discriminante sta nel non aver piu' paura di niente, nel dimenticare il ruolo che la scuola ti cuce addosso, nel rimboccarsi le maniche, nel non piangersi addosso, nel prepararsi al peggio ma godendo del meglio che la vita ci da!
      La "carne da cannone" e' sempre esistita e sempre esistera'!
      Anonimo di nome R

      Elimina
    2. Ottimi ingredienti Anonimo di nome R, e ci metterei anche delle buone fette di ironia (mai perdere il sorriso!) e un pizzico di imprevedibilita'. Spesso il nemico usa il metodo problema reazione soluzione, dove quest'ultima e' peggio del problema originale. In tali casi solo una reazione imprevedibile puo' portare a soluzioni che siano realmente tali.
      Ise

      Elimina
  21. Riscoprire e quindi rifondare il sacro e il senso del sacro: questo potrebbe salvarci, poiché, come detto sopra da citazione Heideggeriana, il peggio è già accaduto. Abbiamo completamente perduto la facoltà del sacro pur vivendo in un paese che ne è sempre stato testimone. Eppure la vita umana, se non è una continua tensione ad un qualcosa di superiore, si rivela e si esaurisce in un quotidiano ripetersi banale è squallido. Il problema sta nel fatto che anche la banalità e lo squallore, se garantiti da un medio benessere, sono accettabili, persino auspicabili. In base a queste considerazioni diffido di rivolte e rivoluzioni propugnate sul web. Personalmente non sarei così contento di ritrovarmi a vivere in un paese che riacquistata la propria sovranità monetaria e territoriale se poi, comunque, all’interno imperversano sempre gli stessi vizi postmoderni, anche se riconosco che potrebbe, e dico potrebbe, trattarsi di un inizio. E’ che non ce li vedo Salvini, Borghi, Di Maio e Bagnai a considerare il Sacro. Ne tantomeno un nuovo Duce. A cosa potrebbe appigliarsi? Nuovamente ai fasti della Repubblica Romana? Sono un fruitore del web come tanti mio malgrado. Considero internet come una tv all’ennesima potenza, dove gli utenti vengono plagiati a tal punto da considerarsi parte attiva. Però vorrei confrontarmi su questo punto, magari ne ho una visione errata. Per parte mia, se un indomani si istituisse un Tribunale per crimini contro l’umanità, o meglio contro lo spirito umano, manderei sotto processo tutti coloro che si son prodigati, dalla fine degli anni 70, alla diffusione capillare dell’informatica. Crumbo, ex Affezionato Anonimo.

    RispondiElimina
  22. La singolar tenzone-tensione ovvero l'erede teatrale e legittimo della sanguinosa e infame strategia della tensione provoca un fittizio "tenzone" in Italia che è noioso, molto, per dirla in francese mi ha rotto il cazzo.
    Intendiamoci: me ne sbatto dei tombini a raso e la sicurezza nelle strade, se per immetterli sacrifichiamo, ancora, noi stessi.
    Qualcuno qui ha scritto che l'Europa è terra di esperimenti...l'Italia signori, l'Italia più che mai...
    Ma i media non potrebbero parlare di calcio? Non vi siete stufati di stare li ad assistere a questo teatrino del nulla, dove ogni giorno si deve stuzzicare l'odio verso il tuo vicino, il tuo collega, perché magari senti che in fondo tu te lo meriti di più il posto...hai regalato più sangue al sistema stupido inefficiente ottuso inutile odioso, financo a volte verso tuo cugino tuo padre tuo fratello...e mentre blateri con tuo cUgino se è meglio il piddino che diceva "ciaone" o salvini che manda i "bacini" lo stato mette in mano le concessioni pubbliche a qualche amico degli amici, ti lascia cadere a pezzi per 10 anni un capoluogo di provincia terremotato. Dieci anni. Europa? Trovatemi un cazzo di paese europeo dove succede questo avanti, o dove potrebbe succedere...e noi li a sospirare...poverini, i cani scavano, il bambino nel pozzo (gli esperimenti mediatici cominciarono li) li salveranno! Forza! Noi italiani siamo brava gente...e intanto il paese cade a pezzi...e intanto chiudono la sede dei pompieri vicino L'Aquila che avrebbe potuto salvare vite umane ad Amatrice...gli sprechi gli sprechi...ma tutti i giorni ce un nuovo pezzo...una cosa nuova, una nuova lezione morale da imparare, o da impartire al nostro vicino, il quale ci odia, a sua volta... tutto si discute in piazza...certo...ogni minimo decreto di cui non importa una sega neanche a chi lo ha scritto...
    Ma non siete stanchi di queste cazzate? Certo che lo siete...Alceste parla di appiattimento, di vuoto, ha ragione, altrove è cosi...senti Alceste non so che dirti, non so se è un bene o un male che da noi non sia cosi...ma non vi ha stufato questa farsa perpetua? Il contratto di governo, un governo che non governa, un governo della notizia, si potrebbe dire. Non sentite il bisogno di silenzio? Di non venire continuamente provocati aizzati a blaterare sul nulla? E intanto si va avanti, oggi leggo: non ci saranno più scontrini...porco il clero infame boia hai un paese dove le autostrade cascano a pezzi...eh ma gli sprechi gli sprechi...e però per queste boiate siamo sempre i primi. .come l abbonamento annuale "digitale" dove per non beccare una multa di cento euro sui mezzi pubblici a Roma (capitale d'Italia) devi girare con lo scontrino fotocopiato (a spese tue). Il cambiamento avanza...bacini! Come dice quello...

    RispondiElimina
  23. Un compito per questi tempi? Vivere e viversi fino in fondo, autenticamente, la menzogna che costituisce la nostra epoca, nella consapevolezza assoluta che si tratta di menzogna: la verità è Altro. In un certo qual modo l’antico “amaro calice” da trangugiare. Ecco, fare questo fino in fondo, nel modo più cristallino possibile, potrebbe essere una posizione onesta. crumbo

    RispondiElimina
  24. Visto che e'stato citato il Moscovici l' uomo da copertina del momento impregnato di grandi ideali umanitari contro I finti fascisti (le pen era uno Della resistenza salvini si dichiara Democratico orban amico del Ghetto) il Moscovici e suo padre noto ideologo genio granduca truf ecc tutti e 2 fanno Levi Levi di nascita ,fate un po voi... ,ci manca solo il Papa giudeo e siamo a posto ,e non mi si venga a dire che sono coincidenze di nessun importanza bazzecole ,questi decidono LA vita dei popoli ,spero che qualcuno pure il responsabile del blog cominci a vedere che il moscone oltre a dare fastidio magari e' utile anche a svegliarvi ! Ah dimenticavo leggevo il tanto osannato giacinto auriti osannato da tutti I controinformatori dell'ultima ora e mi chiedevo ma davanti al moloch ebreo al golem ebraico come si comporta LA risposta e' qua digitate " giacinto auriti e gli ebrei video" spettacolo penoso

    RispondiElimina
  25. Mi permetto do dire che Anonimo nome R ha ragione su molte cose...un maschio si decide chi è quando sviluppa, sessualità a parte, si decide se è un cazzaro uno leale un codardo un coraggioso etc...poi si matura, si cambia apparentemente molto. Ma il succo alla fin fine sta lì. Non sopporto i cazzari e gli egocentrici e i prepotenti da quel periodo infatti...botte e testate...servono servono...
    Il tizio che è andato dagli Spada si atteggiava un po a coatto, diciamoci la verita, qui si può dire...e quello non era il luogo...doveva decidere. Avrebbe dato la testata anche a uno in giacca e cravatta, e non a uno colla felpetta sciolto e confidenziale? Probabilmente...Capirai una testata...certo non gli avrà fatto bene...ma le facce sdegnate fanno ridere...
    Si fa scena si fa scena..."non alzo i toni perché l'Europa è finita"dice quell'altro cretino...la faccetta pulita che convince un sud dilaniato dalle clientele mafiose a votarlo, nella speranza che poi finirà l'epoca in cui lavora solo chi ha il cognome giusto....ma finita cosa...fate la fine del reporter con gli Spada a fare gli spacconi a parole o col vestitino ragazzi, chi mena non parla. Non l'avete imparato? Si vede che hanno preso pochi schiaffi questi...

    RispondiElimina
  26. Le battutone dei "controcorrente" su Junker...ahah è proprio un ubriacone, gluglu, bevi bevi...idioti idioti idioti ma cosa ridete? Cosa? Abbiamo un paese devastato lo si capisce? De-va-sta-to. Dove la gente si scanna uno con l'altro...dove se non hai la benedizione di un cristo qualunque fai una vita di merda, non fai una vita da povero, no, fai una vita DI MERDA, è diverso.
    Nei paesi di Junker i poveri fanno una vita piatta scialba insignificante che ben si addice a quelle latitudini, ma tutto sommato fanno pippa, perchè hanno quello che Alceste definirebbe (a ragione) "edonismo a bassa tensione"...Alceste, io te lo dico sincero: ma da noi manco quello ci sta...se hai le pezze al culo in Italia sono solo madonne su madonne. E io non credo che cambierà finchè questi ridono...si ride si ride... io rido volentieri, ridere fa bene, amo lo humor, lo sfottò, ma queste boiate non fanno ridere, non fanno ridere un cazzo: Junker ubriacone? Chiedetevi perchè nei paesi di Junker non hanno "le iene" o "striscia la notizia", chiedetevelo.
    Poi vedi che forse la ridarella vi passa.

    RispondiElimina
  27. Preciso meglio il concetto di "vita di merda", perchè alle parole bisogna stare attenti...io non sto affatto "deprecando la povertà" no...anzi...magari si potesse essere poveri...poveri ma belli, era il film di non ricordo chi, il problema è che in Italia di essere povero, oggi, NON TE LO PUOI PERMETTERE.
    Non lo dico con ironia...sono serio.
    Magari te lo potessi permettere, figurati, per uno come me sarebbe la pacchia, sono finiti i tempi della "salute e n par de scarpe nove".
    Eh no, perchè se vuoi campare devi sborsare...sborsare...l'economia gira...e come gira? Gira sulla vita di merda che ti fa fare, appunto: chiaro, semplice( se sei italiano eh). E mica poco, poi, devi sborsare...parlavo con un altro "choosy" caro alla Fornero, un ventiseienne che oltre al mestiere che condividiamo ha una lauretta specialistica in biologia conseguita col massimo dei voti, non trova lavoro perchè: "Le aziende ti dicono, devi fare un master e ti assumiamo: 20.000 euro".
    Ventimila euro.

    Di esempi simili, in tutti i campi, ce ne ho a pacchi.



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per Sitka: se vuoi vedere fallire un'azienda mettici come "manager" un "bocconiano".
      Non a caso Monti ci fu imposto. Comunque sia questi nuovi Stanlio e Onlio cosa sono? Imparare l'arte del sopravvivere. Buttare nella spazzatura l'illusione che le "laureette" danno! Pensavate che vaccini, saccheggi, bombe spettassero solo al terzo mondo? Benvenuti nella realta'! E preparatevi: vaccini per tutti e a tutte le eta' da questo governo traditore!
      Tanto per continuare (stavo scrivendo "cominciare").
      Un duro saluto (militare)
      Anonimo di nome R

      Elimina
    2. Si, va bene, l'arte del sopravvivere, la fabbrica,l'azienda, esperienza tua personale... l'arte del sopravvivere se passi le alpi con la "lauretta" la apprendi meglio...a me pure questo continuo sminuire gente che si è fatta il culo magari con mille sacrifici da parte loro e delle famiglie da parecchio fastidio...
      Il militare non l'ho fatto. Sono un quasi giovane.

      Elimina
    3. Cosa sono? Per adesso i nostri governanti...

      Elimina
    4. La teoria del "grande vecchio" (o grandi vecchi) comunque la coniughi, dall'"aprite gli occhi" ad altro la trovo molto superficiale...Questo te lo devo dire...anzi è dannosa perche sostanzialmente è inutile, porta solo l'individualismo...possiamo fare i duri e puri quanto ti pare ma il tuo e il mio paese continua a cadere a pezzi...

      Elimina
    5. ...e il tuo e il mio paese continua a cadere a pezzi... Oppure, potrebbe essere, lo fanno saltare in aria facendoci credere che sta cadendo a pezzi. Dice bene Ettore SDM: non e' cio' che il sistema mostra che (personalmente) mi fa orrore. E' cio' che nasconde. Per altro condivido cio' che dici. Il mio ultimo commento era semplicemente in scia al tuo. Un prolungamento se vuoi.
      Anonimo di nome R

      Elimina
    6. Che il nostro paese sia sotto attacco sono d'accordo il problema è che le cariche le hanno messe e continuano a metterle i nostri. E non di nascosto.

      Elimina
    7. Gia'. I nostri "compatrioti". E se non le mettono loro, le lasciano mettere ad altri, voltando la testa dall'altra parte.
      Igenistamentale nel suo canale youtube (casualmente) commenta l'ultimo video sul "crollo del ponte Morandi" rilasciato dalla Procura. Non giro il link perche' ho esaurito i "giga".
      Piu' o meno:

      Ponte Morandi: finalmente ci fanno vedere il video del crollo.

      Penso che "loro" operino soprattutto logorando, fiaccando le capacita' cognitive e di reazione delle persone. E poi che dire della neolingua? Immunita' di gregge... Ma quando mai la medicina ha prodotto un tale obrobrio? Tu Sitka (tu come me o qualsiasi altro casuale lettore) ti senti pecora? A questo punto "immunita' di mandria " suona meglio. Se per "loro" siamo animali, che ce lo dicano chiaro e tondo!
      Quindi? Quindi resistere. In tutti i modi possibili. Ed informare e difendere chi ci sta accanto. Riscoprire il Cristianesimo. Studiare le altre religioni. Allenare corpo, mente e spirito. C'e' molto da fare. La guerra e' gia' persa? Non credo.
      Anonimo di nome R

      Elimina
    8. Speravo che non tornassi sul Morandi...invece lo hai fatto, ovviamente...peccato, ma era molto prevedibile...le mie cariche erano metaforiche...le autostrade italiane cadono a pezzi perché le mettono in mano a gente inqualificabile (non ultimo il caso di quelle abruzzesi).

      Elimina
    9. L'ho fatto "casualmente". Involontariamente. Non si ripetera'! D'altronde tutto "crolla" e i pedaggi vengono regolarmente riscossi. A ben vedere va tutto alla grande. Fra poco avremo anche un ponte nuovo di zecca! Come dire: dalle tragedie poi saltano fuori le novita'! Sara' l'ottava meraviglia: ci potranno passare sopra anche le portaerei!
      Bene benelli, diceva un mio amico ex.
      Fumiamoci un cannone, ma che dico un cannone, un obice!
      Anonimo di nome R

      Elimina
  28. Il progresso é l'ingiustizia che ogni generazione commette con il consenso dei propri predecessori.(E.M.CIORAN)

    RispondiElimina
  29. Per Crumbo:

    la penso come te su internet, ma la stessa cosa vale per tutte le "comodita'" di massa che ci sono state donate (guarda non caso a prezzi sempre piu' scontati!) e non si sa come, in un attimo si sono propagate in maniera virale e sono diventate necessita' globali, non piu' optionali. A me sembra che servano in primis per un controllo a monte e per un depotenziamento delle persone. Se ci fai caso tutte le cosidette comodita' hanno portato al nostro depotenziamento e in molti casi a danni alla salute, ambientali e di tossicita' diffusa.
    Ora per Di Maio il 5G e' una priorita'. A te sembra normale? Ma che priorita' e'?!
    Anche la semantica non mente, e web e' la ragnatela che serve per farci restare invischiati, inattivi, e sotto controllo.

    Non posso mettere in parole tutto, ma quel che ho intuito ho ritrovato ben spiegato nel sito che accennavo ad Alceste e di cui ti mando il link, visto che ti chiedi cosa si puo' fare. E' l'unico che conosco che cerca di dare una lettura coerente della (pseudo)realta' che ci circonda e proporre degli accorgimenti (atteggiamenti) che ci permettono di bloccare i meccanismi che ci depotenziano, e' ancora un porto franco, e non ha nulla a che fare con l'intrattenimento tipico dei siti web.
    Pero' il primo degli accorgimenti che li' viene ripetuto ad oltranza e' proprio...accorgersi. Accorgersi che esiste quella che viene chiamata una "compresenza immanifesta" nelle nostre vite che dirige (e trucca) le regole del gioco. Possiamo anche non dargli un nome, non importa ora sapere chi o cosa sia, ma importa riconoscere che esiste, o come piace descriverla li' "non esiste, ma c'e'", oppure "non c'e', ma esiste". Mi dispiace per chi non vuol vederla o crede che siano solo elucubrazioni da pazzi, ma se non si parte da questo presupposto non si va da nessuna parte e il parlare resta vano!
    Gli articoli purtroppo appaiono a volte incomprensibili se non si leggono i post piu' vecchi che spiegano l'uso di certi termini:
    https://sacroprofanosacro.blogspot.com/
    Ise

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vado a vedere, s.grazie della condivisione

      Elimina
  30. Ettore SDM,
    Il moscone e' quello che tra mosche e moscerini non passa inosservato.
    A me non da' fastidio, non era inteso in senso negativo. Meglio dire mosca bianca, ma il bianco non mi sembra un colore che ti si addice.
    Non ti crucciare troppo, per svegliarsi uno deve volerlo e quello non glielo puoi dare tu o qualcun altro.

    Esiliata mi sento anche io, tornare in Italia ha sempre meno significato non riconoscendola piu'. I miei figli la amano e vogliono viverci da grandi. Gli ho fatto conoscere solo l'Italia dei miei ricordi e dell'amore per la vita come fu per i miei nonni.
    I veri deracinees di cui parla Alceste sono gli italiani che fuori e dentro l'Italia vivono come tanti sfollati. Vengo qui da Alceste anche per rivivere certi ricordi e non dimenticare la nostra lingua, per quello poi a volte divento fin troppo prolissa.
    Ise

    RispondiElimina
  31. Voglio essete categorico (mi piace sta parola ...): vedervi rovistare in mezzo a tutto sto ciarpame di internet e avvilente ,il buon Celine lo diceva" appena esce un qualcosa un invenzione per far strippare meglio I cervelli dei Gentili (noi I non ebrei ) l'ebreo padrone di tutta LA grana se ne appropria centuplica I guadagni e vi rende piu stupidi e piu zombie di quanto lo erano I vostri nonni e in piu vi svuota le tasche " Non c'e' bisogno che vi dica ma ve lo dico lo stesso che tutto dal piu insignificante film di Alvaro vitali al piu mega concerto organizzato e' studiato per corrompervi spiritualmente e'l'esempio quello che conta vedevo I film tutti tutti tutti di Alberto sordi tognazzi pasolini ecc hanno sempre come fine LA vostra inversione dei gusti il vostro auto tradimento l' inversione dei valori il regresso per avvicinarvi piu a somigliare a bestie che a uomini vedi LA pornografia con l'uomo capace solo di grugnire sulla Donna oppure allo stadio o LA boxe qui da me 2 mingherlini Thai che Quasi si accopano in mezzo a zoticoni che gridano e scommettono soldi come I combattimenti dei galletti , una Volta questa ribaldaglia I Giudei che adesso Purtroppo possiede tutti I media veniva bandita dalle nazioni xche' corruttrice di costumi di morale di tradizioni ecc ecc . Tutto CIO l'ho scoperto dopo anni 10 12 ore chiuso in un bungalow a leggere senza commentare ,LA vera mostruosita non sta in quel che dicono I vari siti tutti piu o meno insulsi falsi uguali in gara nella voglia per chi Riesce a ingannarvi meglio ma LA vera astuzia da garrota immediata da taglio dei moncherini e' in quello che tacciono e che fanno pass are nel silenzio piu Vergognoso, e io da privilegiato quale sono( ZOG qui non mi Piglia) cerco di farvelo capire

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho capito categoricamente che ti piace proprio fare il moscone privilegiato :)
      Repetita iuvant, anche testare ripetutamente il ciarpame e la tela, dei filtri li sappiamo ancora usare autonomamente spero. Non dicevi tu che c'e' ancora un po' di liberta' nel web e io che invece non lo credo? Oops abbiamo fatto inversione.
      E a proposito di invertiti, oggi sempre in zona asiatica bel reportage tv sul sostegno lgbt alle elezioni americane con tanto di romantiche coppiette che si godono sorridenti la prole. Due mesi fa a scuola un test lgbt per testare l'orientamento dei ragazzini, con lezione tenuta da esperto lgbt. Qui abbiamo superato persino l'Italia, tutti si affrettano a lgbtizzarsi.
      Ciao, Ise

      Elimina
  32. Ci sta anche una citazione.
    "E questa sala, con la sua sua cinquantina di impiegati, era solo una sottosezione; era, per cosi' dire, solo una celletta nell'immensa e complessa geometria dell'Archivio. Di sopra, di sotto, da ogni lato, altri sciami di impiegati erano impiegati in una quantita' inimmaginabile di mansioni. Vi erano gli enormi magazzini per la stampa, con i loro redattori, tipografi e studi con macchine all'avanguardia per la falsificazione delle fotografie. Vi era la sezione dedicata ai programmi televisivi, con i suoi tecnici, i suoi direttori di produzione, i suoi attori selezionati in base alle loro abilita' nell'imitare le voci. Vi erano eserciti di addetti alla consultazione , il cui compito consisteva semplicemente nel compilare liste di libri e riviste da sequestrare. C'erano gli immensi depositi che contenevano i documenti corretti, e le fornaci dove venivano distrutti gli originali. Da qualche parte stavano i cervelli pensanti, rigorosamente anonimi, che coordinavano il tutto e fissavano le linee politiche che imponevano di preservare, falsificare o distruggere un frammento del passato (e del presente, quindi del futuro. Nota di R)..."
    Orwell George. 1984 (2018 UK/USA/EU/Italy ecc.)
    Anonimo di nome R

    RispondiElimina
  33. ..continua cit.
    "A sua volta, poi, l'Archivio non era che un ramo del Ministero della Verita', il cui scopo primario non consisteva nel rifabbricare il passato, ma nel fornire ai cittadini dell'Oceania (leggasi Italia. R) giornali, film, libri di testo, programmi televisivi, opere teatrali, romanzi, insomma nel fornire loro informazione, istruzione e divertimenti di ogni genere: si andava dalla statua allo slogan, dal poema lirico al trattato di biologia, dall'abbecedario al dizionario di neolingua. Il Ministero non aveva solo il compito di rispondere alle svariate esigenze del partito, ma doveva ripetere l'intero procedimento ad un livello inferiore, specificamente rivolto al proletariato. Un'intera catena di dipartimenti autonomi si occupava di letteratura, musica, teatro e divertimenti per il proletariato. Vi si producevano giornali-spazzatura che contenevano solo sport, fatti di cronaca nera, oroscopi, romanzetti rosa, film stracolmi di sesso e canzonette sentimentali composte da una specie di caleidoscopio detto "versidicatore". Non mancava un'intera sottosezione (Pornosez, in neolingua) impegnata nella produzione di materiale pornografico della specie piu' infima, che veniva spedito in pacchi sigillati, inaccessibile -eccezzion fatta per quelli che ci lavoravano - ai membri del partito."...
    Come il vino buono, George O. piu' invecchia piu' migliora! E' ben oltre i "Mouton Rotschild" d'annata!
    Anonimo di nome R

    RispondiElimina
  34. Caro Alceste, mentre tu erravi:
    "I grandi spacciatori di droga, che sono i nemici principali della nostra gioventù, devono essere impiccati agli alberi delle nostre città. Perché meritano non soltanto la pena di morte, ma meritano la pubblica esecrazione, e la condanna deve essere talmente vistosa da togliere a chichessia la voglia di spacciare droga in grandi quantità" (da un comizio tenuto da Almirante in Roma per la campagna elettorale, elezioni politiche 1987).

    RispondiElimina
  35. LA liberta in internet e' totale per quel che ne so si puo dare addosso a tutti lanciare I proclami piu strampalati e offensivi verso chiunque , a meno che... A meno che non si tocchi gli "eletti" senza prepuzio allora si rischia di essere svegliati di soprassalto in piena Notre da qualche lacche' in divisa fedele esecutore di ordini impartiti da chissa quale loggia e da chissa Quale sottoghetto di Sinagoga.Mi sembra di essere chiaro .Su Orwell ho visto un po tutti I film ,NeL 2000 non sorge il sole ,1984, soylent green I sopravvissuti e pure gli invasori la serie stranamente con pochissime Vis.Telefilm fatta una vita fa sembra quasi essere stato un visionario I'll
    Regista ha un nonsoche di oracoleggiante I'll suggerimento viene da Eric hufschmid nel suo blog,il libro di Orwell finche non mi scrive a chiari lettere chi e' sto grande fratello non lo leggo ,ci stanno gia abbastanza scrittori guasti e traditiri fino alle ossa che ci prendono in giro, dei maneggi ebraici in internet ne ho fin sopra I capelli , ah poi per Ise ricordo di aver letto sulla carita ,per quel che mi riguarda proprio in segno di spregio verso LA Mentalita levantina che ci hanno inculcato I nostri padroni fin dai banchi di scuola quella del essere parsimonioso ( famosa LA parsimonia dell'usuraio) taccagno spilorcio ecc ecc ecco insomma tutto l'inventario il prontuario per diventare bravi egoistic insomma le mie Mani sono sempre in tasca per dare qualcosina a tutti anche in Italia vedere un energumeno Nero questuante per mezzo euro mi faceva sentire un gran duca in vena di regalie qui poi non ne parliamo I pinoy ti guardano come un Papa col portafoglio a fisarmonica

    RispondiElimina
  36. Sei chiaro Ettore SDM,

    ma non sono del tutto convinta che sia SOLO come dici tu.
    Se fosse cosi' dalla rete, media o editori non passerebbe nulla, neanche i siti o i film che tu consigli e che guarda non caso continuano ad essere disponibili e circolanti anche se censurati in qualche paese si, in altri no, in tempi diversi.Tutto dovrebbe essere parte della Menzogna. Idem per Orwell che descrive la distopia in atto ora. Se non ti dice chi e' il grande fratello potrebbe avere le sue buone ragioni come tu stesso riconosci in altri casi. Visto che tanto il nemico si nasconde e camuffa da secoli, anche conoscendone nome e cognome resti impotente. Conoscerne le strategie e gli agenti lo rende invece accessibile.
    Quello che a me pare e' che esista piuttosto una falla nel sistema da cui passano anche le informazioni Vere o da cui, tramite accorgimenti da capire (come quello dell'omissione che tu hai descritto bene), possiamo arrivare a capire qualche Verita'. Il firewall ambientale, come qualcuno lo chiama, non sempre funziona. La ragnatela d'altronde ha anche dei buchi. Alla fine quel che so o intuisco l'ho anche dedotto da quegli stessi mezzi diabolici che sono li' per manipolarci, oltre che dall'esperienza. Quindi l'uso puo' essere bidirezionale, servono per manipolarci, e possono servire per capire come e chi vuole manipolarci. Come una trappola, se sai che c'e', prima di evitarla, puoi fermarti a studiarla per capire perche' e' stata messa li' e da chi. Le cose forse sono veleno e antidoto allo stesso tempo, o come si suol dire, il diavolo fa le pentole ma non i coperchi!
    Ise

    RispondiElimina
  37. Per Ettore sulla carita'

    permettimi di dire che da come ne parli sia nel caso italiano che asiatico mi sembra che non ti rendi conto delle premesse e conseguenze.
    Premesso che farla con la soddisfazione di sentirsi un granduca non e' esattamente l'atteggiamento che dovrebbe ispirarla, sebbene sia ammirevole la volonta' di non aderire al pensiero taccagno che condivido. Potrei concludere dicendo che col senno di poi, quando in alcune situazioni avrei avuto bisogno di carita', il non riceverla mi ha aiutato molto piu' che se l'avessi ricevuta. Ma non concludo qui:).
    Nel caso dell'energumeno, dato che non e' in pericolo di morte, vive a due passi dal supermarket in case all-inclusive gia' caritatevolmente offerte, essendo una "risorsa", il mio penny non gli cambia la vita di un millimetro ma l'atteggiamento si. Primo, crede sia scontato che glielo dia perche' altri miei familiari lo fanno. Prima lezione: mai dare nulla per scontato. Secondo, insiste anche perche' glielo dia, danneggiando di fatto l' esercizio della spontaneita' del gesto che dona senso e merito alla carita'. Seconda lezione: sii grato per quel che ricevi senza pretenderlo. Terzo, se guardi le notizie di cronaca, a volte l'energumeno usa tale espediente per prendersi confidenze eccessive, fino ad accompagnare a casa le sciagurate (anche anziane) che poi vengono stuprate o rapinate. Terza lezione: si chiama prevenzione. Senza contare che questo e' nulla in confronto alla carita' che i familiari avevano gia' fatto autolesionisticamente, se non facevo la parte della "cattiva" mio malgrado ora li troverei piu' "razzisti" di me per quello che avrebbe potuto accadere. Quindi, pensandoci, ho fatto un gran favore agli energumeni d'Italia!
    Nel caso asiatico, e' comprensibile la soddisfazione che si prova inizialmente nel sentirsi OGGETTO di tante attenzioni per un penny regalato, ma col tempo potresti cominciare a sentire la stanchezza di essere tirato per le maniche a ogni passo (se ti fanno camminare) solo perche' sei bianco (mai dare per scontato!), e la frustrazione, quando non ti sentirai piu' un Papa, per non ricevere mai uno sguardo umano perche' ai loro occhi sei solo una cash-machine usa e getta. Potrei concludere dicendo che se poi volessimo essere categorici, stai facendo la carita' con lo strumento del demonio n.1! Detto questo, ti auguro di trarre sempre soddisfazione dalla tua generosita'.
    Ciao, Ise

    RispondiElimina
  38. «Ora», seguitai, «paragona la nostra natura, per quanto concerne l’educazione e la mancanza di educazione, a un caso di questo genere. Pensa a uomini chiusi in una specie di caverna sotterranea, che abbia l’ingresso aperto alla luce per tutta la lunghezza dell’antro; essi vi stanno fin da bambini incatenati alle gambe e al collo, così da restare immobili e guardare solo in avanti, non potendo ruotare il capo per via della catena. Dietro di loro, alta e lontana, brilla la luce di un fuoco, e tra il fuoco e i prigionieri corre una strada in salita, lungo la quale immagina che sia stato costruito un muricciolo, come i paraventi sopra i quali i BURRATTINAI, celati al pubblico, mettono in scena i loro spettacoli». «Li vedo», disse. «Immagina allora degli uomini che portano lungo questo muricciolo oggetti d’ogni genere sporgenti dal margine, e statue e altre immagini in pietra e in legno delle più diverse fogge; alcuni portatori, com’è naturale, parlano, altri tacciono». «Che strana visione», esclamò, «e che strani prigionieri!». «Simili a noi», replicai: «innanzitutto credi che tali uomini abbiano visto di se stessi e dei compagni qualcos’altro che le ombre proiettate dal fuoco sulla parete della caverna di fronte a loro?» «E come potrebbero», rispose, «se sono stati costretti per tutta la vita a tenere il capo immobile?»

    Platone, qualche millennio fa e non è cambiato nulla! quindi è tutto inutile -
    ps. un paio di articoli fa, misi un riferimento,cortesemente accolto, a d'annunzio ma a quel tempo c'era pure quest'altro poeta che volava e gettava volantini nei cieli...ma a differenza del primo, poi moriva subito:
    https://www.liberliber.it/mediateca/libri/d/de_bosis/storia_della_mia_morte/pdf/storia_p.pdf

    RispondiElimina
  39. Ripeto voi avete il velo di Maya ,rileggetevi l'esempio " Della grotta di platone" , non riesco a capire come facciate a non vedere ,si vede che e' il cibo o chissa cos'altro ,discutevo con un pinoy e mi diceva che l'l'universita lo studio di qua e di LA sono essenziali se poi si va in un college carissimo stile Harvard meglio ancora,non Capite che e' proprio da li che parte LA vostra rovina, non e' istruzione e' indottrinamento e' LA castrazione degli animi ,vedere sti automi ragazzini incravattati che girano per Silom in mezzo a connazionali derelitti straccioni schiavi che costruiscono grattacieli che sono rovine ancora prima di essere finiti scatoloni di cemento vuoti questo e' educare ? Meglio il suicidio anzi come ho detto ripetutamente ai vari farang che incontro, a sti college ci tirerei addosso con l'obice ,senza rimorsi . Sulla carita quelle che mi sciorina Ise ( apprezzi la franchezza) sono pippe giustificazioni elucubrazioni ebree che vi hanno messo in testa a scuola i maestri e poi i prof ,la scuola e l'educazione forse non lo sapete ma e' in mano dal 1870 ai giudei e ai massoni di cattolico non c'e' piu niente Tiran giu persino I Cristi dalle Pareti delle aule, la colpa e' dell'indottrinamento ,di chi vi ha appunto indottrinato NeL non provare Empatia non solo verso gli immigrati ma verso l'amico ,riacquistare il piacere del gratuito ,per un inezia qui ti fanno dei sorrisi che ti valgono una giornata ,ise provi 20- 30 centesimi ad un energumeno negro piuttosto di prendersi un accidente o peggio ,vedra' che si sentira' piu pulita ,il Fetor judaico ha contamination tutti

    RispondiElimina
  40. Le migliori colazioni della mia vita le ho fatte in calabria negli anni 70 in un paesino sperduto della sila.Mi svegliavo,andavo sulle scale e avevo tutto un mondo secolare da osservare,donne anziane e meno che portavano l'acqua in casa,chi andava al lavatoio con la vasca sopra la testa,tutte urlanti e piene di vita e pazzia.Ricordo che una anziana si cospargeva di benzina per alleviare i dolori reumatici mentre bestemmiava e mandava accidenti(che tu sia povero e pazzo pieno di debiti e carcerato)era la cantilena che non la lasciava mai,un avvertimento al mondo futuro?Pochi uomini perchè erano tutti nei campi,compreso mio nonno.Io trovavo il latte di capra caldo fuori dalla porta di casa,con ancora i peli che galleggiavano sulla superficie del latte.Pane fatto in casa e la suppa era pura poesia. Mentre guardavo quel mondo contadino vivere,quasi recitare per me,perchè forse inconsciamente sapevano che quelle scene mi sarebbero tornate utili in un futuro come un porto sicuro in cui approdare con l'anima.
    Nel tardo pomeriggio rientravano gli uomini distrutti dal lavoro,sporchi e arrabbiati con gli asini che scagazzavano ovunque,io lo fissavo per lungo tempo mentre gli davo del fieno dalle mie mani,arrivavano anche i ragazzini dalla jurnata,raccolta di pomodori dalle 4 del mattino alle 18 per poche lire,il caporale li portava con un furgone semidistrutto e non era un nemico o uno sfruttatore,bensi' uno di loro con cui si cantava poi la sera.I loro giochi erano estremi,si buttavano da altezze esagerate,facevano a gara a chi durava con la testa calata nella fontana gelida.ma soprattutto una capacità recitativa e di improvvisazione che arrivavano da chissà dove e da quali tempi.Non c'era privacy,tutti sapevano di tutti,pettegolezzi certo,coltellate per un corso d'acqua pure,botte a mogli e figli ingiustificate,pazzia e poesia,il denaro non serviva quasi.
    Ho fatto la mia prima colazione in un bar in città a 25 anni,stretto davanti ad un bancone come un pulcino bagnato,tra ragazze e donne truccate e infighettate,e il mio primo pensiero è andato a quelle mattine,dove la zia Maria Sicilia intonava la sua cantilena antica e moderna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io un mondo simile l'ho vissuto nel mio Veneto dell'infanzia. Non esistevano nerialbanesirumeni. Non esistevano i vaccini. Le auto erano rarissime. Detto cio' questo mondo arcaico, che per chi l'ha vissuto e' il porto dell'anima, non esiste piu'. E' stato distrutto. Da queste macerie e' pero' possibile redimersi: a patto di tornare a confrontarsi con le forze arcaiche ed ancestrali. Si puo' cominciare spegnendo la tv per poi buttarla per esempio. E cosi' via. Togliere invece che aggiungere. Evola parla del mondo tradizionale, dove i cicli si ripetevano uguali ed il nostro mondo moderno il cui tempo lineare e' sospeso nel nulla. Buttare via l'inutile.
      Anonimo di nome R

      Elimina
    2. Che splendida poesia d'altri tempi, da incorniciare e appendere, grazie!
      Il porto dell'anima che dobbiamo donare a chi viene dopo di noi.
      Ise

      Elimina
  41. Apprezzo sempre la franchezza Ettore, ma vediamo se riusciamo a capirci.
    Posso immaginare i bei sorrisi gratuiti che ricevi, quando e' successo a me, DOPO qualche tempo che la cosa andava avanti con questa modalita', non ho potuto fare a meno di pormi molti interrogativi sulla 'giustezza' di tale tipo di carita'. L'empatia e gratuita' non mi sono mai mancate in tali casi e non devo sciorinarle qui. Ma ognuno ha le sue esperienze, quindi parlo per me.
    Riguardo l'energumeno invece non mi sento piu' pulita a dare 30 centesimi e il mio livello di empatia e' molto basso si, nonostante, contrariamente a quanto tu dici, sia a scuola che a casa mi hanno sempre educata/indottrinata ad essere caritatevole con chi chiedeva la carita'.
    Forse non hai ben presente la situazione o forse abbiamo proprio opinioni diverse, in entrambi i casi non e' un problema.
    In quella che non so per quanto ancora e' la mia citta', l'energumeno ha gia' tutti i comfort di cui ha bisogno grazie alle cooperative che lo accolgono e proteggono. Di giorno bighellona con gli amici e con l'i-pod, poi si mette davanti al supermarket e con fare o da marpione o aggressivo (in entrambi i casi senza alcun rispetto per me) chiede il penny.
    La sera lo stesso personaggio si raduna con i suoi amici in luoghi ora piu' o meno interdetti alla popolazione locale a causa dell'alto tasso di criminalita'. E qui, non pago della carita' ricevuta, si mette a spacciare mariuana e altro ai giovani locali, che, se li intevisti, ti dicono che sono pro-immigrazione perche' ora finalmente hanno lo spacciatore dietro l'angolo e a buon prezzo. A volte ci scappa il morto, o perche' si ammazzano tra loro, o perche' muore il giovane di overdose, o perche' ammazzano loro la giovane di turno con cui magari volevano solo divertirsi. Io l'empatia ce la posso avere per chi s'impegna ad imparare la lingua per trovarsi un lavoro e a rispettare la popolazione locale che lo accoglie. In caso contrario la mia empatia va a quei giovani che incoscienti si rovinano la vita con queste droghe o a quelle poverette che si ritrovano stuprate o rapinate. Siccome non voglio essere complice di tali degenerazioni, non voglio incoraggiarle ma piuttosto scoraggiarle, qualsiasi mia forma di carita' in questo caso e' solo falso buonismo di facciata, e questo si mi fa venire un accidenti.
    Ise

    RispondiElimina
  42. Io vorrei se fosse possible che LA ise leggesse LA Bella rogna di Celine ,su "aaargh Italia" PDF gratis 60 paginette veloci ,il Celine diceva: tutto CIO che e' complicato e' falso ,lei ise fa troppi processi alle intenzioni da analisi scentific le sue congetture quando I morsi Della fame si fanno sentire vanno a farsi fottere quando una persona arriva a fare LA carita o a prostituirsi I'll passo successivo e' una corda e chi se visto se visto o No? Ora come ora che l'infezione degli spiriti e' in stato avanzato e' impossibile guarirvi pero il leggere Celine vi puo essere di aiuto puo aprirvi I'll terzo occhio in extremis vuol dire che LA ghiandola pineale non si e' Ancora atrofizzata del tutto ,spero.A sentir LA ise mi sembra I'll duce che diceva che chi faceva LA carita LA faceva non per spirito altruistic ma per leggittimare LA propria riccchezza cioe sono ricco xche' sono generoso,ma non stanno cosi le cose,o meglio
    chi sgancia che si fotta Basta che I'll ricevente si sazi unpochino esempio 20 pesos sono 30 centesimi di euro un bambino qui si compra 4 brioches o che si decide una volta per tutte e si Fa piazza pulita di tutti I circoncisi Ebrei ( padroni di tutto) o che si adopera LA loro stessa arma LA grana rivolgendo il grimaldello del denaro pero contro di loro in che modo dando buoni esempi , cosi vale per il negro gia nascere Negri e' una Bella slippa anche se magari si e' forniti di prolunga provate girare il mondo e me ne darete Conto se mi sbaglio ,ormai sti qua gli avete fatti arrivare, questi non vanno piu via
    tenere le distanze con un obolo innocuo e' l'unica cosa buona da fare tenere le distanze sentirvi superiori ,non essere arpie senza cuore come gli adoratori di mammona come gli strozzini Giudei, mi spiego ?

    RispondiElimina
  43. Ottimo, ottimo articolo! Cliccare sul "nome utente" per il videoblog (basato su PHP playtube). Ripubblicherò l'articolo con fonte e indicazione autore su http://libernews.pcriot.com .
    Grazie! Un Saluto

    RispondiElimina
  44. Ciao Ettore,
    Cerchero' Celine per capire meglio.
    Ma non sara' che il processo alle intenzioni e' partito da te con l'assunto che agivo per tirchieria? Mi ha fatto sorridere. In parte capisco cosa vuoi dire, le vedo anche io le tirchierie. Ma sai cosa ho visto soprattutto in Italia ultimamente? Quello di cui parla Alceste. Una melassa di PolCor, finto buonismo in cui tutti danno l'obolo all'energumeno, poi sono vegan perche' oddio, non si puo' far soffrire gli animali, e i gay poveretti, devono pur avere figli, e nello stesso tempo, senza il minimo esame di coscienza, trattano ogni giorno la propria madre, per fare un esempio, o i propri familiari, di m...senza motivo e non se ne rendono neanche conto! Allora vorrei invertire questo trend. Non occorre essere buoni fuori e m... dentro, meglio il contrario se non si riesce ad avere coerenza.
    Sui questuanti energumeni, vedo i fatti non le intenzioni. Non ci sono morsi della fame. C'e' un esercito in ottima forma (non mi interessa che siano neri o bianchi) a cui viene fatto credere che l'Italia e' la terra del Bengodi in cui possono arricchirsi, godere di assistenza gratuita e piena immunita'. E infatti per loro finora e' cosi'. Se tu facessi le stesse cose che fanno loro in altri paesi pagheresti un caro prezzo, e niente oboli. Ci sono tanti con i morsi della fame a cui non si nega aiuto, e tanti che son riusciti con impegno e rispetto a stare bene senza nuocere a chi li ha accolti.
    Gli italiani sono da sempre un popolo generoso e accogliente, ora si fa leva su questo per mortificare sia il popolo che la sua cultura, fino a farlo sentire straniero in terra propria. Questo e' il grimaldello che viene usato contro di noi, per usare una tua metafora. Gli energumeni sono anch'essi vittime e pedine di questo gioco al massacro. Quando l'assistenza di cui godono finira', dato che non si sono preoccupati di guadagnarsi il pane in modo decente, saranno un esercito di affamati, allora non basteranno gli oboli per tenerli buoni. Ora di tutto han bisogno tranne che della mia carita', io mi tolgo dalla filiera del massacro reciproco, questo l'esempio che vorrei dare, e lasciami l'illusione che faccia una minima differenza. Quando riusciro' a fregarmene totalmente e accontentarmi del mio orticello, sara' la volta buona che potro' dare il mio obolo senza complicarmi la vita. Non sbagli sul grimaldello del denaro, ma l'obolo per me non serve molto ne' a chi lo riceve ne' a me per sentirmi meglio o superiore. Se ne riparla la prossima volta che torno in Italia, vedro' come staranno gli energumeni e come gli italiani, spero che i morsi della fame non avranno preso entrambi.
    Ise

    RispondiElimina
  45. Ahh ma cosa credi che io sia immune Dalla mentalita taccagna ,niente affatto ,e' che mi sono autostuprato pur di cambiare e ancora tutte le volte faccio fatica ,le tare ataviche di chissa quale contadinio tirchio nell' albero di famiglia si fanno sentire altroche' ,ma ho trovato l'abracadabra LA formulina magica
    il portafortuna 2 accidenti a quella setta impestata e tutto si sistema , quando vedo qualche pezzente penso sempre ah toh Rockefeller reincarnato per punizione in quelli che detestava, una Volta tanto un ossimoro di giustizia tutto riacqisterebbe Un senso,un altro libro che puo sempre servire "Giovanni preziosi PDF" un martire uno che ti fa sentire orgoglioso e fiero di essere Italiano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre geniale Ettore!
      Torni mai in Italia?
      Anonimo di nome R

      Elimina
  46. Caro Ettore,
    nessuno e' immune purtroppo, neanche io certo, anche se non e' all'obolo che mi attacco per taccagneria.
    Formule magiche ce ne vogliono sul serio contro i maghi d'incantesimi che ci seducono e ci allontanano da noi stessi. Buon per te che hai fatto un viaggio nell'anima per guardare in faccia le sue debolezze e meschinita' acquisite o indotte. Dovrebbe essere ormai chiaro a tutti che questa e' la premessa essenziale per qualsiasi reale cambiamento, bisogna iniziare da noi stessi. La strada e' piena di difficolta' ma anche di soddisfazioni. Sempre fiera di essere italiana!
    Ise

    RispondiElimina
  47. Beh, da donna sento ancor di più la carenza grave del prezioso frutto di una santissima patria potestà esercitata con i suoi sacrosanti ' no ' senza repliche sui virgulti provocatori. Manca la cultura della responsabilità addestrata, della frustrazione scavalcata, della zappa come strumento di cultura dell'essenziale. Ma anche le madri hanno responsabilità educative immani nella creazione del maschio responsabile e attento. Interessante sarebbe aspettare l'apocalisse della possibile immane tempesta elettromagnetica solare che resetterà dal superfluo e, dopo dieci anni, analizzare i sopravvissuti, di che estrazione siano. ( permette anche a me un po' di drasticità )

    RispondiElimina
  48. Spada si e' appena preso 6 anni di carcere per quella testata. Allegria

    RispondiElimina

Siate gentili ...