giovedì 26 ottobre 2017

Qualcosa su Anna Frank


Roma, 25 ottobre 2017

Il mio impegno antifascista dei bei giorni non si concretò mai nell'antifascismo verbale. Men che mai nell'antifascismo militante contro i fascisti, che ho sempre considerato una parte residuale della politica: al pari dei comunisti.
C'erano milioni di persone che si richiamavano al comunismo e al fascismo, ma solo a chiacchiere. Che il fascista o il comunista fossero segnati antropologicamente dalle rispettive ideologie fu vero sin agli anni Cinquanta. Si può dire, col senno di poi, che tali marchi erano cicatrici, e cicatrici di ferite fisiche e spirituali, destinate, però, a scomparire col volgere d'una generazione.
E così fu, nonostante le P38.
Quando nacqui alla fine dei Sessanta comunismo e fascismo erano già morenti: non informavano più le nostre vite. Il fascista e il comunista si ritrovavano a Fregene a ingozzarsi di panini e frittate; i loro figli erano già attenti ai primi ritrovati tecnologici. A vestirsi con gusto ricercato. Il ricco era ricco e il povero lo invidiava. Il busto di Mussolini serviva ad appendere l'ombrello e Lenin, in attesa del Che, era ormai un poster.
Alla memoria, tuttavia, credevo.

I partigiani, le Fosse Ardeatine, il 16 ottobre 1943, via Tasso, il 5 giugno 1944 erano, per me, circa mille anni fa, date importanti.
Mi piaceva ricordare certe figure, alcuni morti.
Promuovevo dibattiti, anniversari, riscoprivo martiri.
La Resistenza e le sue costellazioni, anche in tale accezione, erano, però, già un guscio vuoto negli anni Ottanta. La gente dimenticava, certo, ma era soprattutto il protervo formalismo degli antifascisti - duri a comprendere la nuova realtà - il vero ostacolo a una condivisione serena del passato.
Anche qui la sinistra si dava come dividuum: da una parte celebrava stancamente, ma a tutti i costi, con quell'aria di superiorità morale che strapperebbe gli schiaffi a un santo, dall'altra monetizzava un sentimento che avrebbe dovuto essere generale.
Si era ridotto tutto a manfrina, a sovvenzione, a parassitismo.
Le iniziative individuali, nuove e meritorie, venivano soffocate dalla burocrazia dei buoni tanto che ogni celebrazione era imposta, e non accettata nella sua intima umanità.
E infatti gli Italiani se ne fregavano altamente.
Più se ne fregavano più la bontà assumeva i contorni del dispotismo.
L'antifascismo, insomma, si fece prima istituzione, poi legge, e perciò coercizione.
Si moltiplicarono aedi, trombettieri e gendarmi.
In tale oligarchia dei buoni si distingueva, netta, la comunità ebraica. Gli Ebrei, almeno quelli di Roma, si lamentavano, sempre e comunque, in modo invasivo.
Bastava non citare una virgola e si metteva subito in moto quell'impasto urtante di vittimismo e arroganza che fa tanto chutzpah e che, una volta, fece saltare la mosca al naso persino a Sandro Pertini, il Presidente "sei condanne e due evasioni": "Ma che vogliono questi qua?".
Gli Ebrei sono antipatici, sono difficili da trattare, ma sono vittime.
Vittime più vittime degli altri, però, e, quindi, ancora più antipatici.
È il prezzo da pagare all'imposizione della bontà.
L'antifascismo pretende di essere celebrato a forza.
La Shoah di essere divinizzata come religione laica di Stato.
Risultato: cerimonie di cartapesta in cui tutti fingono una parte.
Le parole del Presidente della Lazio Claudio Lotito: "Andiamo a fare la sceneggiata" (a seguito dell'episodio dell'Anna Frank giallorossa) sono la ovvia e naturale risultante di una serie di errori storici e psicologici nonché una epitome esatta del sentimento popolare.
Un umor nero nascosto ai sondaggi, come sempre accade quando è la propaganda e non la morbida ragionevolezza a dettare la linea grigia del bene e del male.
I rabbini fanno gli offesi, Lotito va in pellegrinaggio, le polizie e la magistratura indagano, intellettuali e parlamentari sgranano il rosario dell'indignazione, ma la situazione è questa qua: di Anna Frank non importa nulla a nessuno.
I giocatori di serie A col Diario in mano sono una tetra barzelletta, forse più di Carlo Tavecchio, presidente della FGCI, che, con quel bel volto limpido e chiaro, va a cospargersi il capo di cenere al Ghetto.
E tutto questo perché non si è voluto considerare un periodo tragico della propria storia sub specie aeternitatis, ma solo come rivalsa; e quando tale strategia cominciò a fallire rovinosamente (e a concretare un crescente rifiuto) la si volle militarizzata, per legge.
È stato messo in circolo il veleno per eccellenza, quello del rancore e del sordo risentimento.
Le coordinate ideologiche del dopoguerra sono svanite del tutto.
Praterie vaste e brumose ci attendono, pronte per disperderci definitivamente; o per inscenare nuovi carnai.
Meglio così.

14 commenti :

  1. Non ti offendere ma ti ho condiviso su feisbuk. Sitka

    RispondiElimina
  2. Ricordo un'estate di tanti anni fa. Forte dei Marmi. All'epoca andava in onda un telefilm molto popolare su canale 5: Twin Peaks. Passeggiavo lungo la spiaggia e notai un bagnino del posto. Aveva le spalle rivolte al mare, gli occhiali da sole, leggeva la gazzetta dello sport seduto su una sdraio. Indossava una maglietta con scritto:" Non me ne frega un cazzo di chi ha ucciso Laura Palmer".
    Laura Palmer era la protagonista del telefilm tanto di moda a quei tempi ed era uccisa nella prima puntata, da lì in poi tutto si basava sullo scoprire il suo assassino.
    Mi è venuto in mente pensando a Lotito ed a Anna Frank. Lotito=bagnino - Anna Frank=Laura Palmer. A me quel bagnino era simpatico (sarà che sapevo nuotare bene), ed anche Lotito.
    Un caro saluto

    P.S.: Alceste sarai mica romanista?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non sono romanista.
      Del calcio m'importa poco.
      Lo Tirchio è un dritto di primo conio ... fa le nozze coi fichi secchi, sono tutti contenti e lui conta i dobloni.

      Elimina
  3. Grande come sempre....

    RispondiElimina
  4. Perchè non essere pessimisti ...
    Citazione dal film Il terzo uomo:
    "In Italia, sotto i Borgia, per trent'anni hanno avuto guerra, terrore, omicidio, strage ma hanno prodotto Michelangelo, Leonardo da Vinci e il Rinascimento. In Svizzera, con cinquecento anni di amore fraterno, democrazia e pace cos'hanno prodotto? L'orologio a cucù".

    Puskin

    RispondiElimina
  5. Un grande pezzo. Lucido ficcante, rosico come un pazzo. Avrei voluto scriverlo io :)

    RispondiElimina
  6. sono stato qualche ora a roma, oggi; ogni tanto mi faccio una passeggiata nella città eterna.
    giro un pò, entro in qualche chiesa, me ne vado alla scoperta di trattorie...
    a pomeriggio inoltrato, ritorno nella noia mortale della provincia.
    " Gli occhi non sono qui
    Qui non vi sono occhi
    In questa valle di stelle morenti
    In questa valle vuota
    Questa mascella spezzata dei nostri regni perduti
    In quest’ultimo dei luoghi d’incontro
    Noi brancoliamo insieme
    Evitiamo di parlare
    Ammassati su questa riva del tumido fiume
    Privati della vista, a meno che
    Gli occhi non ricompaiano
    Come la stella perpetua
    Rosa di molte foglie
    Del regno di tramonto della morte
    La speranza soltanto
    Degli uomini vuoti"

    RispondiElimina
  7. Ci stanno inondando di propaganda Giudaica, Americana... ieri sera, in attesa di vedere con mia moglie il film "Vittoria e Abdul", mi sono sorbito 30 min. di pubblicità e trailers: l'80% dei film proposti: Il mito degli Ebrei Vittime (II guerra mondiale), Propaganda sfacciata sulla Potenza/Arroganza degli States nel Mondo... E' ora di finirla!!! Basta... ! SONO TUTTE BALLE! ANNA FRANK e' una balla clamorosa!!! Il diario di Anna è un'invenzione mass-mediatica di sana pianta! Alceste! Buona domenica!!! - http://editorial.ucq.me

    RispondiElimina
  8. Alceste, perdoni se mi permetto ma la dichiarazione di Padoan “Gli Italiani muoiono troppo tardi e ciò incide negativamente sui conti dell’Inps”, non sono miele sopraffino per la sua nobilissima tastiera...?

    RispondiElimina
  9. Ci suicideremo in massa, allora, così non graveremo sulle spalle pensionistiche di giovanotti cone Padoan e Napolitano.

    RispondiElimina
  10. avevo suggerito un pezzo non il suicidio collettivo -

    RispondiElimina
  11. Qualcosa scriverò, già ho scritto L'umanità è inutile ... figuriamoci l'Italia e gli Italiani.

    RispondiElimina

Siate gentili ...